Condividi la notizia

Codice dei contratti

A.N.AC.: i chiarimenti sulla centralizzazione degli acquisti

In Gazzetta la determina n. 11/2015 dell'Autorità. Dopo due rinvii il nuovo sistema, sia per i lavori che per i servizi, entrerà in vigore il 1° novembre 2015.

Nella Gazzetta Ufficiale n. 239 del 14 ottobre 2015 è stata pubblicata la Determina n. 11 del 23 settembre 2015 dell’Autorità Nazionale Anticorrucione, riguardante: “Ulteriori indirizzi interpretativi sugli adempimenti ex art. 33, comma 3-bis, decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e ss.mm.ii”, in materia di centralizzazione degli acquisti. Dopo due rinvii, la nuova normativa del settore entrerà in vigore il prossimo 1 novembre.

L’Autorità presieduta da Raffaele Cantone, nel sottolineare le ragioni del suo intervento, ha evidenziato che - a seguito dell'entrata in vigore del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, e del successivo art. 23-bis della legge 11 agosto 2014, n. 114 - con la determinazione n. 3 del 25 febbraio 2015, ha fornito le prime indicazioni interpretative relativamente all'applicazione del novellato art. 33, comma 3-bis del Codice dei contratti.

Nonostante questo primo intervento regolatorio, l'applicazione della disposizione de qua ha portato all'attenzione dell'Autorita' ulteriori dubbi interpretativi su una serie di tematiche concernenti i diversi aspetti trattati nel Provvedimento in esame, tenendo conto del quadro normativo vigente, che potrebbe, verosimilmente subire mutamenti in forza delle previsioni contenute nel disegno di legge recante la delega al Governo per l'attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 febbraio 2014.

Secondo l’Anticorruzione, si rende, pertanto, necessario un intervento regolatorio per fornire ulteriori chiarimenti e orientamenti interpretativi, ai soggetti destinatari della nuova disciplina, in materia di acquisti aggregati/centralizzati, in modo da garantire la corretta ed uniforme applicazione delle disposizioni di riferimento e l'opportuno coordinamento con quelle gia' vigenti in tema di spending review.

A tal fine, l'architettura dell'atto di regolazione, dopo un generale inquadramento normativo, e' articolata sulle diverse criticita' emerse dalla prassi applicativa e trattate per tematiche di carattere generale.

Una prima serie di quesiti riguarda l'ambito soggettivo di applicazione della novella normativa. Al riguardo e' stata posta l'interessante questione connessa al proliferare di societa' partecipate dai comuni (ci si riferisce, in particolare, alle societa' c.d. in house) e alla possibilita' che esse possano rappresentare un mezzo per eludere l'applicazione della norma in esame.

Altri quesiti riguardano l'ambito oggettivo di applicazione della medesima novella normativa, di cui in parte si e' gia' trattato con la richiamata determinazione n. 3/2015.

E' stato chiesto, in particolare, se debbano essere ricondotte nel perimetro delle fattispecie soggette all'obbligo di acquisto aggregato/centralizzato anche i servizi cui all'allegato IIB ovvero eventuali contributi integrazioni concessi dai comuni (per es. l'acquisto dei libri di testo per gli alunni frequentanti le scuole dell'obbligo), il servizio di visura delle targhe offerto dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Direzione generale della motorizzazione.

Molti quesiti pervenuti all'Autorita' riguardano, poi, l'idoneita' di forme di aggregazione preesistenti all'entrata in vigore del comma 3-bis a soddisfare l'obbligo introdotto dalla norma.

Un certo numero di quesiti e' volto, invece, ad ottenere chiarimenti circa le modalita' organizzative da adottare al fine di dare corretta attuazione al disposto normativo (individuazione del RUP - in capo alla centrale di committenza o ai singoli comuni - e individuazione del personale dipendente) e agli eventuali adempimenti necessari per certificare la nuova funzione di stazione appaltante del soggetto cui sono affidate le funzioni di centrale di committenza.

Anche l'ambito di applicazione delle deroghe (v. appalti dei comuni delle zone terremotate che possono considerarsi esenti dall'obbligo di centralizzazione) e la possibilita' di prorogare i contratti in corso nelle more dell'adesione ad una convenzione in via di perfezionamento, come pure il rapporto tra il nuovo regime introdotto dal comma 3-bis e i previgenti obblighi di acquisto tramite mercato elettronico sono tra le questioni poste all'attenzione dell'Autorita' nonche' l'idoneita' di forme di aggregazione preesistenti all'entrata in vigore del comma 3-bis a soddisfare l'obbligo introdotto dalla norma.

L’Autorità, nella Determina in esame, provvede quindi ad illustrare il “Quadro normativo di riferimento”, evidenziando che la nuova versione del comma 3-bis dell'art. 33 del decreto legislativo n. 163/2006, originariamente introdotto dal decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, ha attualmente il seguente tenore:

«I comuni non capoluogo di provincia procedono all'acquisizione di lavori, beni e servizi nell'ambito delle unioni dei comuni di cui all'art. 32 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ove esistenti, ovvero costituendo un apposito accordo consortile tra i comuni medesimi e avvalendosi dei competenti uffici anche delle province, ovvero ricorrendo ad un soggetto aggregatore o alle province, ai sensi della legge 7 aprile 2014, n. 56.

In alternativa, gli stessi comuni possono acquisire beni e servizi attraverso gli strumenti elettronici di acquisto gestiti da Consip S.p.A. o da altro soggetto aggregatore di riferimento.

L'Autorita' per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture non rilascia il codice identificativo gara (CIG) ai comuni non capoluogo di provincia che procedano all'acquisizione di lavori, beni e servizi in violazione degli adempimenti previsti dal presente comma.

Per i comuni istituiti a seguito di fusione l'obbligo di cui al primo periodo decorre dal terzo anno successivo a quello di istituzione». La disposizione, dettata all'evidente scopo di contenimento della spesa pubblica, e' finalizzata a realizzare un accorpamento della domanda di lavori, beni e servizi da parte dei comuni attraverso il doveroso utilizzo di forme di aggregazione (unioni, accordi consortili, soggetti aggregatori e province) ai fini dell'affidamento dei contratti pubblici.

Lo scopo e' quello di canalizzare la domanda di lavori, beni e servizi proveniente da una miriade di comuni, anche di dimensioni estremamente ridotte (si pensi ai cosiddetti «comuni polvere»), verso strutture aggregatrici, con l'effetto di concentrare le procedure di acquisto, aumentando, di conseguenza, i volumi messi a gara e riducendo le spese e i rischi connessi alla gestione delle procedure, garantendo, cosi' nel contempo, l'accrescimento della specializzazione, in capo ai soggetti piu' qualificati, nella gestione delle procedure di procurement.

Il sistema di centralizzazione degli acquisti introdotto dal nuovo comma 3-bis dell'art. 33 - che, rispetto alla precedente formulazione, oltre ad ampliare la platea dei destinatari (estendendola dai soli comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti a tutti i comuni non capoluogo di provincia), ha ampliato anche la gamma dei soggetti con funzioni di aggregazione - era previsto che entrasse in vigore dal 1° gennaio 2015 limitatamente all'acquisizione di beni e servizi e dal 1° luglio 2015 per l'acquisizione di lavori (art. 23-ter, decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modifiche, dalla legge di conversione 11 agosto 2014, n. 114).

Successivamente, l'art. 8, comma 3-ter della legge 27 febbraio 2015, n. 11, modificando l'art. 23-ter, sopra richiamato, ha fissato al 1° settembre 2015 l'entrata in vigore della disposizione de qua, sia per i lavori che per i servizi e le forniture.

Da ultimo, l'art. 1, comma 169 della legge 13 luglio 2015, n. 107, ha previsto che «all'art. 23-ter, comma 1, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, e successive modificazioni, le parole: "1º settembre 2015" sono sostituite dalle seguenti: "1º novembre 2015"».

Le uniche deroghe all'obbligo di procedere agli acquisti in forma aggregata sono riconosciute a favore degli enti pubblici impegnati nella ricostruzione delle localita' colpite da eventi sismici (Abruzzo e province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo) e dei comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti per acquisti di lavori, servizi e forniture di valore inferiore a 40.000 euro (art. 23-ter, commi 2 e 3, decreto-legge n. 90/2014).

Si passa poi ad affrontare il tema delle “Centrali di committenza, soggetti aggregatori e obblighi dei comuni”.

Per saperne di più:

vai al testo integrale della Determina n. 11 del 23 settembre 2015

 

Moreno Morando

(15 ottobre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 gennaio 2016
Enti Locali | Il Comunicato dell'Autorità Nazionale Anticorruzione sull’applicazione dell’art. 33, comma 3-bis del Codice dei Contratti Pubblici.

 
 
Condividi la notizia

26 marzo 2015
Autorità Anticorruzione | Il Consiglio dell'A.N.AC. ha approvato la risposta ad una serie di quesiti sugli artt. 38 e 46 del d.lgs. 12 aprile 2006, n.163.

 
 
Condividi la notizia

4 dicembre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Una pronuncia resa con riferimento all'art. 80 del Codice dei contratti (nella versione ante correttivo).

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2017
Consiglio dei Ministri | Le novità in sintesi del decreto legislativo approvato in esame definitivo.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2016
ANAC | Pubblicate le Linee Guida n. 5.

 
 
Condividi la notizia

4 dicembre 2016
Anac | Il comunicato del Presidente Cantone adottato a seguito della nuova disciplina del Codice dei Contratti e delle Concessioni.

 
 
Condividi la notizia

25 gennaio 2015
procedure di affidamento | Nella Determinazione n. 1/2015 i criteri interpretativi dei nuovi commi 2-bis e 1-ter, rispettivamente degli artt. 38 e 46 del Codice dei contratti.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2018
Appalti | L'approfondita analisi della natura giuridica delle Federazioni sportive da parte del Giudice amministrativo.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2014
Corruzione | Bankitalia ha segnalato alla Guardia di Finanza 38mila operazioni sospette. 400 denunce solo per gli appalti per un valore di gare irregolari di 1,2 miliardi.

 
 
Condividi la notizia

8 giugno 2015
Sblocca Italia | Il decreto contiene una serie di deroghe al codice dei contratti pubblici per snellire e semplificare, ma ci sono difformità nell'applicazione.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2017
Appalti | Le stazioni appaltanti e gli operatori economici sono invitati a segnalare eventuali problemi e criticità.

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2017
Contratti pubblici | L'art. 80 del Codice dei contratti interpretato dal TAR della Valle d'Aosta.

 
 
Condividi la notizia

23 ottobre 2018
TAR PALERMO | Sulla natura tassativa od esemplificativa delle cause di esclusione previste dal Codice dei contratti pubblici.

 
 
Condividi la notizia

13 settembre 2015
Gare pubbliche | Il Consiglio di Stato ribadisce due importanti principi in tema di domande di partecipazione lacunose.

 
 
Condividi la notizia

28 gennaio 2015
Antimafia | Nell'ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, e il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, hanno firmato il 28 gennaio 2015, le seconde linee guida.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.