Condividi la notizia

TAR PALERMO

Esclusione da una gara per gravi illeciti professionali pregressi

Sulla natura tassativa od esemplificativa delle cause di esclusione previste dal Codice dei contratti pubblici.

Una società, capogruppo di un costituendo R.T.I. impugnava dinanzi al TAR Palermo il provvedimento col quale la locale Azienda Sanitaria Provinciale l’aveva esclusa dalla gara per l’affidamento del servizio di assistenza domiciliare integrata per gli assistiti della stessa ASP per un periodo di 36 mesi.

Era infatti accaduto che nella fase di qualificazione una impresa concorrente aveva contestato la sussistenza delle condizioni di ammissione del raggruppamento perché avrebbe reso una dichiarazione non riflettente il recente passato imprenditoriale, non avendo riferito di avere subito, in un precedente appalto bandito da altra Azienda sanitaria, nel 2015, la revoca dell’aggiudicazione disposta per l’ingiustificato rifiuto di accettare la consegna provvisoria del servizio nelle more della stipulazione del contratto.

La ricorrente ha lamentato che il provvedimento impugnato sarebbe stato adottato basandosi su qualificazioni giuridiche contenute in ordinanze cautelari, mentre era ancora aperta la definizione nel merito della vicenda contenziosa e che, comunque, la revoca dell’aggiudicazione non potrebbe costituire, nemmeno astrattamente, illecito professionale ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 80, comma 5, lett. c) prima parte del D.L.vo n. 50 del 2016 e, pertanto, nessun obbligo dichiarativo rispetto a tale revoca sarebbe stato esigibile dalla medesima concorrente.

Con sentenza n. 2148 del 22 ottobre 2018 il TAR Palermo (II Sezione) ha respinto il gravame.

Il Collegio, nell’affrontare le censure relative alla portata applicativa della disposizione contenuta nell’art. dell’art. 80 comma 5 lett c) del Codice dei contratti che, com’è noto, consente alla stazione appaltante di valutare il comportamento tenuto dall’operatore nelle sue precedenti esperienze professionali e di escluderlo qualora dimostri, con mezzi adeguati, che l’operatore economico si sia reso colpevole di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o professionalità, ha ritenuto infondate le doglianze.

Dopo aver premesso che la giurisprudenza amministrativa ha variamente interpretato la sopra citata disposizione, in relazione alla quale si discute se l’elencazione dei motivi di esclusione per gravi illeciti professionali sia da considerarsi tassativa o, al contrario, suscettibile di interpretazione estensiva, il Collegio ha richiamato la recente pronuncia del Consiglio di Giustizia amministrativa per la Regione Siciliana, di cui alla sentenza del 30 aprile 2018 n. 252.

Con tale decisione è stata infatti accolta la tesi in ragione della quale sarebbe possibile considerare legittima l’esclusione per gravi illeciti professionali a prescindere dalla circostanza che la risoluzione contrattuale sia sub iudice, ritenendo meramente esemplificativa l’elencazione di cui all’art. 80, comma 5, lett. c), e valorizzando la motivazione della stazione appaltante sull’effettività, sulla gravità e sull’inescusabilità dell’inadempimento in questione, ed ha quindi affermato la possibilità della Stazione appaltante di procedere all’esclusione dell’impresa per gravi illeciti professionali – consistenti nella risoluzione in danno di un precedente contratto – anche qualora la medesima risoluzione sia stata contestata dall’impresa ed il giudizio si trovi sub iudice.

Inoltre è stato specificato che ciò risulta possibile laddove la Stazione appaltante riesca a dimostrare con mezzi idonei, e con motivazione adeguata l’effettività, gravità ed inescusabilità degli inadempimenti dell’impresa, e perciò, la mera pretestuosità delle obiezioni da questa mosse in giudizio avverso la misura risolutoria, oltre che, naturalmente, la dubbia “integrità o affidabilità” dell’operatore stesso.

Tale pronuncia ha quindi condiviso la tesi “estensiva”, che consente di ampliare il catalogo di cui alla citata lett. c) e di ritenere l’inadempimento rilevante quale grave illecito professionale a prescindere dalla risoluzione (in linea, peraltro, con l’interpretazione della norma già fornita dal Consiglio di Stato con sentenza del 2 marzo 2018 n. 1299).

E’ stato quindi ribadito il principio in forza del quale l’art. 80 comma 5, lett. c, ha carattere meramente esemplificativo nella parte in cui fa rientrare tra i “gravi illeciti professionali” anche “le significative carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto o di concessione, significative carenze che ne hanno causato la risoluzione anticipata, non contestata in giudizio, ovvero confermata all’esito di un giudizio, o hanno dato luogo ad una condanna al risarcimento del danno o ad altre sanzioni”.

Secondo la tesi maggioritaria, quindi - pur non sfuggendo al Collegio l’esistenza di un contrasto giurisprudenziale - essendo l’elencazione contenuta nella norma meramente esemplificativa, in capo alla stazione appaltante rimarrebbe la facoltà di valutare discrezionalmente la gravità di quelle inadempienze che, pur non immediatamente riconducibili a quelle tipizzate, siano tuttavia qualificabili come “gravi illeciti professionali” e, per questo, impediscano la partecipazione alla gara perché tali da inficiare l’integrità o l’affidabilità del concorrente.

Mattia Murra

(23 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 luglio 2017
Contratti pubblici | L'art. 80 del Codice dei contratti interpretato dal TAR della Valle d'Aosta.

 
 
Condividi la notizia

15 maggio 2014
Digitalizzazione | Dopo l'abolizione della pubblicazione dei bandi sui quotidiani cartacei, l’account Twitter @Consip_bandi faciliterà la diffusione delle informazioni.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2015
GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA | La "piena conoscenza degli atti di gara" nei principi richiamati dal TAR Potenza.

 
 
Condividi la notizia

10 dicembre 2017
Consiglio di Stato | Il carattere innovativo dell'art. 80 del D.Lgs n. 50/2016 rispetto al previgente Codice. La sentenza del 4 dicembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2015
Lavori pubblici | Monito sulla copertura finanziaria. Necessità di una verifica ex ante della sostenibilità economica degli interventi da realizzare. Niente spese senza impegno contabile. Al bando le clausole di stile sulla necessità del rispetto del patto di stabilità.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2015
Anomalia dell'offerta | I principi sanciti dalla sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 3 luglio 2015 n. 3329.

 
 
Condividi la notizia

15 maggio 2018
TAR BASILICATA | Secondo i giudici amministrativi vige l'obbligo di esperire procedure ad evidenza pubblica.

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2015
Appalti pubblici | Due interessanti principi stabiliti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2015
Elemento fiduciario | L'esclusione ex art. 38 comma 1 lett. f) del Codice dei contratti nei principi sanciti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Il coordinamento tra gli artt. 120 e 41 del Codice dei contratti alla base della decisione del Supremo Consesso.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Giustizia | Nessuna norma impone di rifare il conteggio dei punti dell'offerta economica quando la procedura è ormai conclusa con l'aggiudicazione provvisoria della gara. La sentenza del TAR Basilicata del 21 luglio 2015 n. 430.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2015
Composizione di commissioni di gara | Importanti principi stabiliti dal Consiglio di Stato sulle incompatibilita' dei componenti di commissioni di gara.

 
 
Condividi la notizia

22 marzo 2015
Consiglio di Stato | La verifica della regolarita' contributiva delle imprese partecipanti a procedure di gara per l'aggiudicazione di appalti spetta agli istituti di previdenza, le cui certificazioni si impongono alle stazioni appaltanti.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2016
Vigilanza e controllo | Firmato il Protocollo per monitorare le procedure di gara per prevenire tentativi di infiltrazione criminale.O

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2018
TAR LAZIO | Può la stazione appaltante scegliere una delle due offerte?

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.