Condividi la notizia

Funzione Pubblica

Scuole comunali: la circolare Madia salva-precari

La Circolare n. 3/2015 si occupa della disciplina applicabile ai rapporti di lavoro a tempo determinato e dei limiti di durata.

Il Ministero della Semplificazione e Pubblica Amministrazione (Mipa), sul sito istituzionale, ha pubblicato la Circolare n. 3 del 2 settembre 2015 del Ministro Madia, riguardante la “Disciplina applicabile ai rapporti di lavoro a tempo determinato del personale delle scuole comunali, con particolare riferimento ai limiti di durata”.

Nel Provvedimento in esame - in corso di registrazione da parte della Corte dei Conti - si premette che sono state segnalate da diversi comuni, oltre che dall'Associazione nazionale dei comuni italiani, incertezze sulla disciplina applicabile ai rapporti di lavoro a tempo determinato del personale scolastico ed educativo delle scuole comunali, con particolare riferimento ai limiti di durata dei suddetti rapporti, e l'esigenza di chiarire l'ambito di applicazione dell'articolo 29, comma 2, dcl decreto legislativo n. 81del2015 e dell'articolo 1, commi 131 e 132, della legge n. 107 del 2015.

Il Mipa sottolinea che la Circolare n. 3/2015 è stata emanata sulla base di approfondimenti svolti con il Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei ministri, con il Ministero dell'economia e delle finanze, con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e con il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, che ne hanno condiviso il contenuto.

Nel testo del Provvedimento di cui si discute si evidenzia che nella previgente disciplina - di cui all'articolo 10, comma 4-bis, dcl decreto legislativo n. 368 del 2001 - risultavano esclusi dal campo di applicazione del medesimo decreto "i contratti a tempo determinato stipulati per il conferimento delle supplenze del personale docente ed ATA".

La ratio dell'esclusione, evidenziata nel corpo dello stesso articolo 10, comma 4-bis, risiedeva nella "necessità di garantire la costante erogazione del servizio scolastico ed educativo", strettamente connesso ai livelli essenziali delle prestazioni in materia di istruzione ed educazione (articoli 33 e 34 della Costituzione) e caratterizzato da peculiari esigenze di flessibilità, dovuta a fenomeni come le oscillazioni demografiche, la migrazione scolastica e le variazioni nelle scelte dei diversi indirizzi. Delle stesse esigenze si erano fatte carico successive modifiche allo stesso articolo 10, comma 4-bis.

Il decreto legislativo n. 81 del 2015, recante il testo organico delle tipologie contrattuali diverse dal lavoro a tempo indeterminato, ha modificato e abrogato la previgente disciplina in materia di contratti a tempo determinato contenuta nel decreto legislativo n. 368 del 2001, prevedendo che al contratto di lavoro subordinato possa essere apposto un termine di durata non superiore a trentasei mesi.

L'art. 29, comma 2, lett. e), del decreto legislativo, peraltro, conferma l'ipotesi di esclusione relativa ai "contratti a tempo determinato stipulati con il personale docente ed ATA per il conferimento delle supplenze''.

Nonostante alcune diversità nella formulazione della disposizione, il fine della norma - continua la Circolare n. 3/2015 del Mipa - continua a essere quello di garantire la costante erogazione del servizio scolastico ed educativo, in presenza delle menzionate esigenze connesse al corretto funzionamento dello stesso servizio.

Dato che queste esigenze riguardano sia le scuole statali, sia quelle comunali, la disposizione non distingue tra le une e le altre. A norma dello stesso articolo 29, resta fermo quanto disposto dall'articolo 36 del decreto legislativo n. 165 del 2001, che definisce i limiti entro i quali le pubbliche amministrazioni possono ricorrere a contratti di lavoro flessibile secondo i rispettivi ordinamenti e sulla base dei pertinenti contratti di categoria.

Una disciplina speciale della durata dcl rapporto di lavoro a tempo determinato è contenuta nella legge n. 107 del 2015, recante la riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e la delega per il riordino delle disposizioni in materia.

L'articolo 1, comma 13 1, della legge n. 107 del 2015 stabilisce infatti che, a decorrere dal 1° settembre 2016, i contratti di lavoro a tempo determinato stipulati con il personale docente, educativo, amministrativo, tecnico e ausiliario presso le istituzioni scolastiche ed educative statali, per la copertura di posti vacanti e disponibili, non possono superare la durata complessiva di trentasei mesi.

In relazione a questa disposizione, la Circolare 2 settembre 2015 del Ministro Madia precisa che la disposizione è inserita in una legge che prevede un piano straordinario di assunzioni, con l'ampliamento dell'organico delle istituzioni scolastiche statali, volto tra l'altro a consentire un ricorso molto più limitato ai rapporti di lavoro a tempo determinato nel settore.

Essa fa riferimento al solo personale delle istituzioni scolastiche ed educative statali. Quest'ultima circostanza pone il problema dell'applicabilità dell'articolo 1, comma 131, della legge 107 al personale delle istituzioni scolastiche comunali.

A questo quesito - evidenzia la Circolare in esame - sembra doversi dare una risposta negativa, sia per il tenore letterale della disposizione (se il legislatore avesse voluto estenderla al personale diverso da quello statale, non avrebbe inserito la parola "statali", che non può avere altro scopo che quello di delimitarne l'ambito di applicazione), sia per il profilo teleologico (la disposizione è strettamente connessa al menzionato piano straordinario di assunzioni, che riguarda solo il personale statale e può giustificare una disciplina trm1sitoria per il tempo necessario al suo completan1ento ).

Ciò è dimostrato anche dal successivo comma 132, relativo allo stanziamento di risorse per il pagamento di eventuali condanne, che è a sua volta strumentale al definitivo superamento dei problemi del precariato scolastico e che - come si rileverà in seguito - riguarda solo la finanza statale.

Da quanto precede può dedursi che al personale docente e A T A delle istituzioni scolastiche comunali è applicabile l'esclusione dalla disciplina generale del lavoro a tempo determinato, posta dal decreto legislativo n. 81 del 2015, mentre non è direttamente applicabile la disciplina speciale della legge n 107 dcl 2015.

Ciò, peraltro, non vuol dire che non vi siano limiti alla durata complessiva dci rapporti di lavoro a tempo determinato di questo personale. È evidente infatti che le esigenze di tutela del lavoratore, sottostanti alla disciplina europea e a quella nazionale del lavoro a tempo determinato, si pongono anche per esso. E si deve escludere che il legislatore abbia voluto lasciare privi di tutela, in relazione alla durata del contratto, i dipendenti delle scuole comunali.

L'inapplicabilità della disciplina legislativa, quindi, impone comunque di individuare nell'ordinamento i limiti ai suddetti rapporti di lavoro. Questi limiti sono rinvenibili nel diritto nazionale e in quello europeo, comunque prevalente su quello nazionale.

Innanzitutto, occorre ricordare che il decreto legislativo n. 81 del 2015, nell'escludere l'applicabilità della disciplina in esso contenuta dei rapporti di lavoro a tempo determinato, fa salve le previsioni dell'articolo 36 del decreto lcgislativo n. 165 dcl 2001, che definiscono i limiti entro i quali simili rapporti di lavoro possono essere costituiti dalle pubbliche amministrazioni.

In secondo luogo, occorre tenere conto di quanto stabilito, con particolare riferimento al settore scolastico, dalla sentenza Mascolo della Corte di Giustizia dell'Unione europea (cause riunite C-22/13, da C-61/ a C-63/13 e C-418/13), in relazione alle ipotesi entro le quali è lecito il ricorso al rapporto di lavoro a tempo determinato e alle sanzioni per il ricorso abusivo.

In terzo luogo, dalla citata disposizione della legge n. 107 del 2015 emerge un orientamento legislativo volto al superamento del precariato nel settore scolastico attraverso un percorso di assunzioni.

Di questo orientamento i comuni, non soggetti alla disposizione della legge 107, potranno tener conto nella gestione del proprio personale, predisponendo misure volte al superamento del precariato nel rispetto dei vincoli di finanza pubblica e nei limiti della sostenibilità finanziaria.

Valuteranno, pertanto, i comuni la sussistenza delle ragioni oggettive che, nel rispetto dei principi e delle condizioni sopra menzionate, consentano di reiterare i contratti di lavoro a tempo determinato al fine di corrispondere alle esigenze improcrastinabili collegate all'inizio del presente anno scolastico.

Circolare n. 3/2015

Fonte: MIPA

 

Moreno Morando

(3 settembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Lavoro pubblico | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione Quarta Sezione Lavoro sentenza n. 27481 del 30.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2015
Corte dei Conti | Rientrano fra le spese d'ufficio poste a carico degli enti locali tutte le spese necessarie ad assicurare il normale funzionamento delle scuole.

 
 
Condividi la notizia

30 ottobre 2015
Governance Pubblica | Il Ministro Marianna Madia ha illustrato, fra le altre misure, il progetto di cittadinanza digitale e l'agenda per la semplificazione 2015-2017.

 
 
Condividi la notizia

15 aprile 2016
Legge di Stabilità 2016 | Firmato il decreto dai Ministri Dario Franceschini e Marianna Madia.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2015
Italia Semplice | Palazzo Vidoni evidenzia che sono 36 i semafori verdi (attività in linea con quelle previste e scadenze rispettate) e 4 quelli rossi (attività in ritardo).

 
 
Condividi la notizia

30 settembre 2015
Pubblica Amministrazione | Il provvedimento riguarda i dipendenti a tempo indeterminato degli enti di area vasta dichiarati in soprannumero, della C.R.I e della polizia provinciale per lo svolgimento delle funzioni di polizia municipale.

 
 
Condividi la notizia

16 marzo 2016
Inps | Il rallentamento ha coinvolto soprattutto i contratti a tempo indeterminato (–70.000, pari a 39%, sul gennaio 2015 e -50.000, pari a -32%, sul gennaio 2014).

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2016
INAIL | Registrato il dpcm contenente anche le iniziative congiunte di INAIL e PCM per la messa in sicurezza delle scuole italiane.

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2014
Senato della Repubblica | On line le domande per partecipare alle 4 iniziative del Senato rivolte alle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado.

 
 
Condividi la notizia

12 maggio 2016
Miur | Possono partecipare scuole statali di ogni ordine e grado, dall'infanzia alla secondaria. Ogni progetto ammesso al finanziamento riceverà fino a 10.000 euro.

 
 
Condividi la notizia

30 luglio 2016
Ministero del lavoro | Al via i pagamenti. L'importo totale erogato, pari a 938.918,22 euro, riguarda quarantuno Comuni situati nelle Regioni: Calabria, Campania, Lazio, Puglia e Sardegna.

 
 
Condividi la notizia

1 giugno 2016
Ambiente | Attraverso le migliori tecnologie ci sarà una mappatura scientifica su scala nazionale per delineare azioni efficaci nella bonifica dell'amianto nelle scuole.

 
 
Condividi la notizia

11 settembre 2015
Lavoro | Inps: nei primi sette mesi del 2015 cresce, rispetto al corrispondente periodo del 2014, il numero di questi nuovi rapporti nel settore privato (+286.126).

 
 
Condividi la notizia

11 novembre 2015
Lavoro stabile | INPS: nei primi nove mesi del 2015 c'è stato un incremento del +35,9% rispetto all'analogo periodo del 2014.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2015
Gazzetta Ufficiale | Assunzioni con contratto a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2018.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.