Condividi la notizia

Suprema Corte

Utilizzo di carte di credito clonate e frode informatica

La Corte di cassazione chiarisce le due fattispecie ex art. 640 ter c.p. ed art. 55 comma 9 d.lgs. 231/2007

La Suprema Corte di Cassazione con sentenza della II sez. 13 ottobre – 21 dicembre 2015, n. 50140, in applicazione del principio di specialità ha chiarito le differenze tra le due fattispecie in esame.

La frode informatica e' prevista dall'art.640 ter c.p. ed è punita meno gravemente del delitto di cui all'art.55 coma 9 d. lgs. 231 del 2007. La pena della frode va, infatti, da sei mesi a tre anni di reclusione e da euro 51 ad euro 1032 di multa;  quella per l'inedito utilizzo di carte di credito, invece, è punito con la reclusione da uno a cinque di reclusione e con la multa da euro 310 a 1550 euro.

La frode, nell'ipotesi non aggravata, e' procedibile a querela; il delitto ex art. 55 comma 9 del d. lgs. 231 del 2007 e' invece procedibile d'ufficio.

A fronte di ciò, la giurisprudenza di legittimità è incline ad affermare l’assorbimento del delitto di utilizzazione indebita di carte di credito clonate in quello di frode informatica.

Segnatamente, commette il delitto di frode informatica colui che, servendosi di una carta di credito falsificata e di un codice di accesso fraudolentemente captato in precedenza, penetri abusivamente nel sistema informatico bancario ed effettui illecite operazioni di trasferimento fondi, tra cui quella di prelievo di contanti attraverso i servizi di cassa continua.

L'elemento specializzante dell'utilizzazione fraudolenta' del sistema informatico, costituisce presupposto 'assorbente' rispetto alla 'generica' indebita utilizzazione dei codici d'accesso disciplinato dall'art. 55 n. 9 D.Lgs. n. 231/2007.

Deve percio' ritenersi la configurabilità del reato di cui all'art. 640 ter c.p. e non di quello di clonazione, ove il soggetto agente abbia posto in essere un 'intervento senza diritto su informazioni contenute in un sistema informatico, atteso che anche l'abusivo utilizzo di codici informatici di terzi ("intervento senza diritto") - comunque ottenuti e dei quali si è entrati in possesso all'insaputa o contro la volontà del legittimo possessore ("con qualsiasi modalità") - è idoneo ad integrare la fattispecie di frode informatica.

In questo caso, difatti, quei codici vengono utilizzati per intervenire senza diritto su dati, informazioni o programmi contenuti in un sistema informatico o telematico, al fine di procurare a sè od altri un ingiusto profitto e sempre che tale proditto sia stato poi effettivamente conseguito.

 

 

Giovanni Tartaglia Polcini

(4 gennaio 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

24 novembre 2014
Garante concorrenza e mercato | Il consorzio Bancomat, a seguito di un'istruttoria dell'Autorità, si è impegnata ad abbassare il costo delle commissioni per ogni operazione.

 
 
Condividi la notizia

31 maggio 2014
Ministero dello sviluppo economico | Commercianti e professionisti hanno tempo fino al 30 giugno per dotarsi di un POS.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Economia | Parte oggi l'obbligo per commercianti, artigiani, imprese e professionisti di accettare il pagamento tramite bancomat sopra i 30 euro. Confesercenti, intervento “pesante” e “inutile”.

 
 
Condividi la notizia

28 giugno 2014
RIVOLUZIONE PAGAMENTI | Dopo il rinvio di dicembre entra in vigore l'obbligo di dotarsi di Pos per carte e bancomat. I pro e i contro nell'analisi della Cgia di Mestre.

 
 
Condividi la notizia

24 gennaio 2016
Corte di Cassazione | La sentenza della Suprema Corte del 19 gennaio 2016 n. 806.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2015
corte di Cassazione | La definizione di provvedimento dato per ragione di giustizia nella sentenza della Suprema Corte, Sez. VI, n. 4417/2015.

 
 
Condividi la notizia

22 ottobre 2016
Corte di Cassazione | La sentenza n. 20690/2016 sul valore (relativo) da attribuire al comportamento delle parti.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2014
Depenalizzazione | Nessuna applicazione a molti dei reati rientranti nella cornice edittale massima di 5 anni. Per esempio: maltrattamenti in famiglia, violazione degli obblighi di assistenza famigliare, Stalking, furto in abitazione e furto con strappo ecc..

 
 
Condividi la notizia

3 maggio 2014
Riforma | Atti osceni, immigrazione clandestina, falsità in atti, danneggiamento e molti altri delitti diventeranno semplici illeciti amministrativi, in Gazzetta Ufficiale la legge per trasformare i reati in sanzioni e messa in prova degli imputati.

 
 
Condividi la notizia

20 settembre 2016
Fiscalità | In caso di violazione della stessa indole commesse in periodi d'imposta diversi, si applica la sanzione base aumentata dalla metà al triplo. La sentenza della Cassazione n. 18230 del 16.9.2016.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2016
Corte di Cassazione | Ogni singolo elettore può promuovere l'azione penale, può costituirsi, in qualità di persona offesa, parte civile nei processi e può opporsi alla richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero. La sentenza della Terza Sezione Penale n. 33040 del 28 luglio 2016.

 
 
Condividi la notizia

19 marzo 2015
Riforme | Il testo della norma appena pubblicata sulla G.U. prevede la non punibilità nei reati per i quali è prevista una pena non superiore a 5 anni, ma con importanti eccezioni.

 
 
Condividi la notizia

27 gennaio 2015
Fisco | Oltre a contanti e assegni è possibile utilizzare carte bancomat.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2018
Offerte in gare d'appalto | Per il Tar Calabria la sentenza di applicazione della pena su richiesta è assimilata ad un accertamento di responsabilità.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2015
D.lgs n. 158/2015 | Il pagamento del debito tributario ed i suoi effetti estintivi. Le nuove cause di non punibilità.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.