Condividi la notizia

Ministero dell'Interno

Banca dati del DNA, un importante strumento d'indagine

L'importante strumento identificativo nel ruolo della genetica forense e della biologia applicata al mondo delle investigazioni.

“La Banca Dati Nazionale del Dna” (Bdn-Dna) è stata illustrata, lo scorso 28 aprile, dal direttore del Servizio Polizia Scientifica Luigi Carnevale e dalla Biologa, direttore tecnico capo Alessandra Caglià, nel corso di una conferenza, a Roma, al Palazzo delle Esposizioni, nell’ambito di una serie di incontri correlati alla Mostra  “Il Dna: Il grande libro della vita da Mendel alla Genomica”.

La Bdn-Dna, istituita con una legge del 30 giugno del 2009 nasce con l’obiettivo di contrastare il terrorismo, la criminalità transfrontaliera e la migrazione illegale. L’Italia ha aderito al “Trattato di Prum” del 2005 sulla cooperazione transfrontaliera e il Consiglio dei Ministri n.72  del  3 luglio 2015, ha disciplinato le modalità di funzionamento e di organizzazione del Bdn-Dna.

La banca è collocata nel Dipartimento di pubblica sicurezza - Direzione centrale della Polizia criminale- Servizio per il sistema informativo interforze del ministero dell’Interno, mentre  il laboratorio centrale si trova nel Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap) presso il polo logistico di Rebibbia, del ministero della Giustizia.

La Bdn-Dna è un importante strumento identificativo nel ruolo della genetica forense e della biologia applicata al mondo delle investigazioni, un importante strumento di indagine all’avanguardia per la magistratura e le Forze di Polizia, sia sul piano tecnologico sia sulla certezza e sicurezza dei dati,  utile anche nella ricerca delle persone scomparse e alla soluzione dei delitti irrisolti “cold case”. 

L’aumento della sensibilità delle tecniche analitiche ha permesso, nel tempo, la possibilità di ottenere profili genetici anche da microtracce e non solo da fluidi biologici come avveniva in passato. Questo ha consentito alla Polizia Scientifica, di riaprire casi rimasti insoluti da tempo, con la possibilità di lavorare su reperti non ritenuti, all’epoca, idonei all’estrazione del Dna.

I profili del Dna raccolti, riguardano i soggetti colpiti da un procedimento penale, da un provvedimento restrittivo della libertà personale disposto dall’autorità giudiziaria. È possibile procedere al confronto con i profili del Dna non identificati, acquisiti dai reperti biologici trovati sulla scena del crimine, dalla polizia giudiziaria al fine di facilitare l’identificazione degli autori dei delitti.

La Banca del Dna permetterà all’autorità giudiziaria e alla polizia giudiziaria di interrogare e ricevere interrogazioni di profili del Dna dalle omologhe banche per le finalità di collaborazione internazionale. Il profilo del Dna entra a far parte degli strumenti tecnologici che giuridicamente consentono l’identificazione del soggetto.

E’ importate ricordare che dalle attivita' della Polizia Scientifica, da sempre arrivano input decisivi alla identificazione dei colpevoli di reati ma alle prove di laboratorio devono sempre affiancarsi le indagini tradizionali, ha sottolineato Carnevale.

Fonte: Ministero dell'Interno, comunicato del 4.5.2017

La Direzione

(4 maggio 2017)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 marzo 2016
Consiglio dei Ministri | Approvato in esame definitivo il Decreto del Presidente della Repubblica che stabilisce le modalità di funzionamento e di organizzazione.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2015
Attività di Governo | L'Esecutivo ha approvato, in via preliminare, anche un regolamento sulla banca dati nazionale del DNA e un d.lgs. sui collegi elettorali.

 
 
Condividi la notizia

23 marzo 2016
Viminale | Uno strumento di orientamento all’interno del complesso “contenitore” legislativo del decreto-legge 30 dicembre 2015 n. 210.

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2017
Viminale | Gli obiettivi, le priorità, le risorse, dell'attività dell'amministrazione dell'Interno nell'atto di indirizzo emanato dal ministro dell'Interno Marco Minniti

 
 
Condividi la notizia

4 maggio 2017
Occupazione | Domande entro il 1 giugno. I vincitori saranno inquadrati nel profilo professionale di funzionario amministrativo, Area funzionale terza, posizione economica F1.

 
 
Condividi la notizia

25 ottobre 2014
Ministero dell'Interno | La collaborazione attiva tra Abi, banche e Polizia di Stato ha consentito negli ultimi mesi di bloccare il 98 per cento dei tentativi di frode. Report del Convegno internazionale Fighting Financial Cybercrime.

 
 
Condividi la notizia

21 maggio 2014
Agenzia Italiana del farmaco | Consultare, scaricare e stampare gratuitamente fogli illustrativi dei farmaci con una semplice applicazione sullo smartphone.

 
 
Condividi la notizia

26 ottobre 2015
Privacy | In sostanza, l'Autorità punta il dito contro i mancati pagamenti non dovuti a difficoltà momentanee o a dimenticanze, ma ad una precisa volontà dell'utente.

 
 
Condividi la notizia

7 settembre 2014
Sicurezza stradale | Resi pubblici dal Ministero dell'Interno i risultati del Piano esodo estivo 2014.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2015
INPS | L'Inps, con la circolare n. 73, si rivolge in particolare agli enti erogatori di prestazioni sociali agevolate.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2015
Inps | Incentivo di 5.000 euro in favore delle imprese che provvedono ad assumere in forma stabile gli iscritti di età non superiore a 35 anni e con figli minori.

 
 
Condividi la notizia

28 febbraio 2016
Anac | Pubblicata la delibera che individua i dati, istituisce il nuovo sistema di verifica dei requisiti e stabilisce i termini e le regole tecniche per l'acquisizione, aggiornamento e consultazione.

 
 
Condividi la notizia

8 gennaio 2015
PCM | In Gazzetta Ufficiale il Regolamento che entrerà in vigore il 22 gennaio 2015 sulle modalita' di autenticazione, autorizzazione e di registrazione degli accessi.

 
 
Condividi la notizia

11 gennaio 2016
Ministero dell'Interno | Il nuovo sistema permetterà di accelerare e semplificare il rilascio delle comunicazioni e informazioni antimafia a vantaggio delle imprese.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2015
Gazzetta Ufficiale | Il Provvedimento conclude la prima fase del progetto sulla "dematerializzazione", cui seguirà il passaggio all'attestato "dinamico".

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.