Condividi la notizia

PORTO D'ARMI

E' illegittimo il diniego di rinnovo se non è assistito da una motivazione rafforzata

Un avvocato, dopo 40 anni, si è visto negare il rinnovo della licenza: il Consiglio di Stato obbliga al riesame della richiesta.

Un avvocato penalista, da molti anni titolare del porto d’armi per difesa personale, all’atto del rinnovo dell’autorizzazione si vedeva respinta la richiesta da una Prefettura emiliana, e quindi impugnava il provvedimento davanti al TAR locale. Il giudice di primo grado avallava il diniego gravato, che era motivato sul presupposto che l’attività professionale svolta dal ricorrente non lo esponeva a pericoli tali da giustificare il rinnovo del titolo.

Avverso la decisione ha proposto appello il professionista, allegando la circostanza di detenere il porto d’armi per difesa personale, ininterrottamente, sin dal 1978 e stigmatizzando la decisione prefettizia carente della c.d. “motivazione rafforzata”.

Il Consiglio di Stato, III Sezione, con sentenza 3 luglio 2018 n. 4055, ha accolto l’appello.

I giudici di Palazzo Spada hanno preliminarmente osservato che non è affatto controverso il potere dell’Amministrazione di mutare orientamento in ordine all’autorizzazione al porto d’armi per difesa personale ma soltanto l’obbligo di farlo con adeguata motivazione specie allorché detto permesso è risalente nel tempo e sistematicamente prorogato, nell’assenza di qualsivoglia forma di abuso del suo titolare.

E’ stato infatti constatato che nel provvedimento prefettizio non era contenuta alcuna motivazione rafforzata che tenesse conto di questi fatti oggettivi né risultavano indicate le ragioni (che possono anche essere di ordine generale) per le quali l’Amministrazione ha inteso mutare orientamento, rispetto ai precedenti rinnovi. Nel provvedimento impugnato si fa soltanto cenno a non meglio precisate “direttive” del Ministero dell’Interno.

E’ pacifico, secondo la giurisprudenza, che il porto d’armi non costituisce un diritto assoluto, rappresentando, invece, eccezione al normale divieto di portare le armi e che l’Amministrazione centrale (Ministero dell’Interno), ovvero quella periferica operante sul territorio, ben può effettuare valutazioni di merito in ordine ai criteri di carattere generale per il rilascio delle licenze di porto d’armi, tenendo conto del particolare momento storico, delle peculiarità delle situazioni locali, delle specifiche considerazioni che – in rapporto all’ordine ed alla sicurezza pubblica – si possono formulare a proposito di determinate attività e di specifiche situazioni.

Tuttavia di questi criteri generali (in tesi maggiormente restrittivi) idonei a legittimare il diniego del chiesto rinnovo non v’era traccia nel provvedimento impugnato (ne, tantomeno, negli atti dell’istruttoria).

Da qui la fondatezza dell’appello proposto da cui è conseguito l’accoglimento del ricorso di primo grado con l’obbligo per l’Amministrazione di riesaminare la richiesta di rinnovo del porto d’armi alla luce dei principi esposti.

 

Rodolfo Murra

(10 luglio 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

14 novembre 2018
TAR CALABRIA | La sussistenza di precedenti penali. L’abuso delle armi. L’affidabilita del richiedente.

 
 
Condividi la notizia

27 settembre 2014
Difesa personale | Il Consiglio di Stato: l'ampia discrezionalità amministrativa della P.A. deve rispettare i principi di trasparenza dell'azione amministrativa e di legittimo affidamento del privato.

 
 
Condividi la notizia

27 aprile 2014
Abuso di munizioni | Revocato il porto d'armi ad un leccese che aveva 3029 proiettili in casa

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Pubblica sicurezza | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 7.12.2015 n. 5542.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
TAR Parma | Ad un Sovrintendente della P. S. viene negata l'autorizzazione a detenere un'arma per difesa personale anche perché ne detiene una di servizio e non c'è un dimostrato bisogno della seconda.

 
 
Condividi la notizia

17 giugno 2014
TAR Parma | Ad un Sovrintendente della P. S. viene negata l'autorizzazione a detenere un'arma per difesa personale anche perché ne detiene una di servizio e non c'è un dimostrato bisogno della seconda.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2016
Sicurezza pubblica | I principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 5 luglio 2016 n. 2998.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2015
Consiglio si Stato | Necessaria una condotta di vita improntata alla piena osservanza delle norme nonché delle regole di civile convivenza.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2015
Caccia | Al soggetto potenzialmente pericoloso non può essere rilasciata l'autorizzazione a detenere armi, neppure a fini sportivi o di diporto.

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2016
Consiglio di Stato | Qualsiasi dispositivo di sicurezza, se collocato in un comodino, può essere agevolmente asportato, ancor prima che forzato. La sentenza n. 3087 del 12.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Pubblica sicurezza | Non occorre un obiettivo ed accertato abuso delle armi, ma è sufficiente la sussistenza di una o più circostanze che dimostrino come il soggetto non sia del tutto affidabile al loro uso.

 
 
Condividi la notizia

9 giugno 2014
Conflitti tra parenti | Legittima la revoca del porto d'armi al padre. Consiglio di Stato: "le cronache confermano che in questa materia la prudenza non è mai troppa, tanto sono frequenti i fatti di sangue".

 
 
Condividi la notizia

23 agosto 2014
Pubblica Amministrazione | Tanto più intenso deve essere l'impegno nella motivazione del provvedimento di annullamento quanto maggiore e' l'arco temporale trascorso dall'adozione dell'atto da annullare.

 
 
Condividi la notizia

26 maggio 2014
Nazionale | L'attuale CT della nazionale italiana siederà sulla panchina azzurra fino agli Europei del 2016

 
 
Condividi la notizia

11 aprile 2015
Processo amministrativo | La sentenza del Consiglio di Stato sull'orientamento non pacifico che consente l'integrazione postuma se gli esiti del procedimento non avrebbero comunque potuto essere diversi.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.