Condividi la notizia

Suprema Corte

Liti tra confinanti: intervento della Cassazione su trasferimento della servitù e distanze tra edifici

Sostituire una vecchia scala creando due gradini nuovi costituisce trasferimento della servitù? E cambiare una vetrata sul tetto con degli abbaini viola la regola delle distanze?

Adita da un proprietario di un immobile ubicato nel Comune di Bolzano, la Corte di cassazione, –ribaltando una sentenza della locale Corte di merito, –ha statuito che non integra gli estremi della violazione dell'art. 1068 cod. civ., recante il divieto per il  proprietario del fondo servente di trasferire la servitù in  luogo diverso da quello originario, la mera  ridefinizione dei  limiti o dei confini dell'area destinata all'esercizio della  servitù.

Pertanto, con sentenza n. 10875 del 25 maggio 2016, la Corte ha ribadito il principio in forza del quale non costituisce trasferimento della servitù in luogo diverso la sostituzione, ad opera del proprietario del fondo servente, di una vecchia scala in legno, su cui veniva esercitato, da parte dei titolari della servitù, il diritto di passaggio per accedere al fondo dominante, con una nuova scala  in muratura, anche se, in occasione della sostituzione della  scala, ne sia stato ridefinito il tracciato.

D'altra parte, nel valutare se l'innovazione compiuta dai proprietari del fondo servente abbia diminuito l'esercizio della servitù o lo abbia reso più incomodo, la Corte d'appello aveva dato rilievo esclusivo alla circostanza che, per effetto del compimento dell'opera (la nuova scala), è stato creato un dislivello a seguito dell'innalzamento della quota del pianerottolo antistante l'alloggio degli attori, tanto che, a superamento del dislivello, sono stati inseriti, nell'ultimo tratto, due scalini antistanti la porta di ingresso: il che - ha sottolineato la  sentenza impugnata - ha reso anche più scomodo l'accesso al fondo dominante, perlomeno nel suo ultimo tratto.

Sennonché, così argomentando, i giudici di merito non hanno logicamente motivato, secondo la Corte di legittimità, le basi del proprio conclusivo convincimento, perché hanno desunto il danno e lo svantaggio per i titolari del diritto di servitù esclusivamente dall'inserimento, nell'ultimo tratto, di due scalini, reso necessario dal rialzo di 35 cm., per motivi costruttivi, del pianerottolo, ma hanno omesso di effettuare una valutazione complessiva e non parcellizzata, trascurando di considerare il beneficio derivante dalla sostituzione della insicura e vetusta scala in legno con una nuova, solida scala in muratura.

Cogliendo poi l’'occasione di un diverso motivo di diritto introdotto con il ricorso, la Corte si è occupata del tema delle distanze legali tra edifici, poiché i ricorrenti avevano dato luogo alla realizzazione di alcuni abbaini, sul tetto di copertura, in luogo di una pregressa vetrata, distanti meno di tre metri dai muri dell’'edificio dei resistenti, che la Corte di appello aveva ritenuto illegittimi.

I giudici di Piazza Cavour hanno sentenziato che la modificazione del tetto di un fabbricato integra sopraelevazione e, come tale, una nuova costruzione soltanto se essa produce un aumento della superficie esterna e della volumetria dei piani sottostanti, così incidendo sulla struttura e sul modo di essere della copertura; spetta al giudice di merito di volta in volta verificare, in concreto, se l'opera eseguita abbia le anzidette caratteristiche ovvero se, in ipotesi, avendo carattere ornamentale e funzioni meramente accessorie rispetto al fabbricato, vada esclusa dal calcolo delle distanze.

A tale principio si era attenuta la Corte di appello, la quale ha ordinato l'eliminazione degli abbaini nella misura in cui distano meno di tre metri dai muri dell'edificio degli appellanti dopo aver sottolineato che i nuovi abbaini, evidentemente hanno comportato un aumento sensibile sia della superficie esterna che anche della volumetria del piano sottostante: in violazione, cioè, dell’art. 873 c.c. 

Rodolfo Murra

(29 maggio 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

31 agosto 2017
Corte di Cassazione | Il rapporto tra normativa statale e previsioni urbanistiche locali.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

15 giugno 2016
Corte di cassazione | Il principio affermato dalla Suprema Corte con la sentenza n. 10618/2016.

 
 
Condividi la notizia

12 novembre 2014
Corte di Cassazione | Inseriscono nell'atto di vendita il riconoscimento della servitù di parcheggio, ma gli eredi restano senza posto auto.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2017
Corte di Cassazione | Il principio sancito nell'ordinanza pubblicata il 19 gennaio 2016.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Diritto alla riservatezza | E' illecito l'invio di fax promozionali a numeri estratti dalle "Pagine Gialle" senza il consenso dell'interessato.

 
 
Condividi la notizia

14 luglio 2016
Corte di Cassazione | Quando il criterio della prevenzione è derogato dagli strumenti edilizi comunali.

 
 
Condividi la notizia

20 settembre 2016
Corte di Cassazione | La sentenza della Seconda Sezione n. 18244 del 16.9.2016.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2017
Corte di cassazione | I giudici di legittimitá fanno il punto tra tollerabilitá ed insopportabilitá delle immissioni.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

19 febbraio 2016
Borse taroccate | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 1108/2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.