Condividi la notizia

CONSIGLIO DI STATO

Tesserino marcatempo: è legittimo imporlo anche agli Avvocati pubblici?

Si discute se la modalità di verifica della presenza in servizio leda il decoro e la dignità  degli avvocati-dipendenti.

Alcuni avvocati dipendenti (con qualifica dirigenziale) di una Azienda sanitaria locale campana hanno impugnato davanti al T.A.R. la decisione, assunta dal Direttore della Funzione Gestione del Personale, con la quale obbligava anche costoro a far utilizzo del tesserino magnetico, assumendo il loro obbligo di marcatura, attestante la presenza in servizio, pena l’adozione di misure disciplinari.

Il TAR respingeva il ricorso, motivando la pronuncia con l’assenza di indebita ingerenza nell’esercizio della professione forense (che secondo i ricorrenti il provvedimento gravato determinava), e la sentenza relativa veniva fatta oggetto di appello da parte di alcuni di loro.

Il Consiglio di Stato, III Sezione, con sentenza n. 5538 del 26 settembre 2018, respingeva l’appello premettendo, innanzitutto, che l’oggetto della controversia atteneva in via principale alla compatibilità del meccanismo di rilevazione automatica delle presenze, attuato mediante l’uso del c.d. badge, con le caratteristiche di indipendenza ed autonomia professionali qualificanti la posizione dei Dirigenti-Avvocati degli Enti pubblici.

Il Collegio ha osservato, su un piano generale, che l’autonomia e l’indipendenza qualificanti l’esercizio di una determinata attività lavorativa possono assumere – e concretamente assumono – contenuti e modalità di estrinsecazione diverse, in relazione alla tipologia di prestazione che viene in rilievo ed alla connessa esigenza, avvertita e tutelata dall’Ordinamento, di evitare che le stesse risultino compromesse da scelte organizzative con esse confliggenti, promananti dall’Amministrazione di appartenenza.

In particolare, con riguardo alla posizione dei c.d. avvocati pubblici, ovvero quelli che sono incardinati organizzativamente presso un determinato Ente pubblico ed ai quali è affidato lo ius postulandi nell’interesse dello stesso, il Supremo Consesso ha osservato che le loro prerogative di indipendenza ed autonomia, proprio perché affidatari dell’interesse di una parte, attengono essenzialmente al “modo” in cui perseguire quell’interesse, ovvero alle scelte difensive da mettere in pratica per la sua migliore tutela, con la conseguenza che non rischiano di essere pregiudicate, anche nella percezione ab externo, da forme di controllo, circa le modalità anche temporali di svolgimento della loro prestazione, che con quelle scelte non siano, direttamente o indirettamente, interferenti.

Non può escludersi, tuttavia, che determinate forme di controllo, pur rivolte in via diretta a verificare le modalità temporali di assolvimento della prestazione professionale dell’avvocato pubblico, quindi attinenti agli aspetti “estrinseci” della stessa, si rivelino oggettivamente idonee ad intaccare il “nucleo essenziale” dei requisiti di indipendenza ed autonomia della sua attività lavorativa: si pensi, con riguardo al meccanismo oggetto di controversia, all’ipotesi in cui l’autorizzazione all’uscita dalla sede di servizio, per recarsi presso un ufficio giudiziario, debba essere rilasciata da un Settore dell’Amministrazione diverso da quello di inquadramento dell’avvocato.

Tale evenienza, tuttavia, secondo i giudici di Palazzo Spada non si può verificare nella specie, atteso che, secondo il regolamento vigente nella ASL resistente, relativo alla disciplina di utilizzazione del badge, l’autorizzazione a recarsi presso le sedi giudiziarie deve essere comunque richiesta allo stesso Dirigente Responsabile dell’Avvocatura.

Deve darsi atto, comunque, che in precedenza alcuni Giudici amministrativi si erano espressi, sulla stessa tematica, in senso favorevole agli avvocati pubblici, ritenendo che una siffatta modalità di controllo della presenza in servizio mortificasse il decoro e la dignità dei professionisti (ancorché dipendenti).

Mattia Murra

(2 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

22 dicembre 2015
Funzione Pubblica | Il DPCM per n. 10 Avvocati dello Stato e n. 14 Procuratori dello Stato

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2017
Avvocati degli Enti pubblici | La decisione del TAR Salerno sull'obbligo di marcatura.

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2016
Corte Costituzionale | Non fondate le questioni di legittimità costituzionale. La sintesi e il testo della sentenza n. 214 del 3 ottobre 2016.

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2018
CONSIGLIO DI STATO | I giudici di Palazzo Spada alle prese con una questione giuridica delicata.

 
 
Condividi la notizia

5 aprile 2016
Statali | Firmata l'ipotesi di accordo quadro nazionale che ridefinisce i nuovi comparti e le nuove aree di contrattazione.

 
 
Condividi la notizia

25 marzo 2018
Tar Veneto | Un'interpretazione innovativa dell'art. 42 bis del Testo Unico del pubblico impiego.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2017
Riforma della P.A. | Approvati dal Consiglio dei Ministri due decreti legislativi. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2015
Riforma della P.A. | La Camera ha approvato in seconda lettura il d.d.l. presentato dal Governo. Il provvedimento torna ora all'esame del Senato.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2015
INPS | La nuove modalità operative sono rese possibili dal livello raggiunto nel processo di integrazione, nonché dallo sviluppo delle procedure informatiche e dei sistemi di comunicazione telematica.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2014
Riforme | Divorzio lampo, senza passare davanti al giudice riducendo tempi e costi. Tutto si risolverà con un accordo tra i coniugi assistiti dai rispettivi avvocati

 
 
Condividi la notizia

9 marzo 2016
Cassa Forense | Nelle professioni d'eccellenza i medici, seguiti dai magistrati, professori universitari, notai, ingegneri. Gli esiti del Rapporto CENSIS.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2016
opportunità | Pubblicato l'avviso per istituire un elenco ad hoc. Termine per presentare le domande 31 maggio.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2018
CORTE DI CASSAZIONE | Nel pubblico impiego occorre fornire la prova che il mancato pagamento è dipeso da motivate esigenze di servizio o da cause di forza maggiore.

 
 
Condividi la notizia

25 febbraio 2017
Consiglio dei Ministri | Approvati in esame preliminare i decreti legislativi di riforma del testo unico del pubblico impiego, della disciplina della valutazione, del riordino delle forze di polizia, dei vigili del fuoco e dell’Aci/Pra.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.