Condividi la notizia

Riforme

Divorziare alla “francese”
Giudici baypassati dagli avvocati

Divorzio lampo, senza passare davanti al giudice riducendo tempi e costi. Tutto si risolverà con un accordo tra i coniugi assistiti dai rispettivi avvocati

Divorziare rapidamente e con meno spesa passando per lo studio di un avvocato e non più dinanzi ad un giudice. E' questa la misura rivoluzionaria annunciata dal ministro della Giustizia, Orlando, dinanzi alla Camera.

Nell’audizione sulle linee programmatiche del suo governo, il Guardasigilli ha sollevato il problema dell’enorme mole di processi civili pendenti e dell’arretrato che ne consegue, sottolineando l’urgenza di adottare misure “nell’immediato”.

La soluzione starebbe nell’introduzione di nuove procedure alternative alla via ordinaria del processo civile, favorendo il ricorso alla via stragiudiziale attraverso procedure arbitrali e negoziazione assistita da uno studio legale.

Nello specifico delle controversie familiari, la riforma della giustizia civile prevederà la possibilità per le coppie di dirsi addio in maniera consensuale senza presentarsi dal giudice ma stipulando semplicemente un accordo con i rispettivi avvocati.

L’Italia intende, così, rifarsi al modello francese di “procedura di negoziazione assistita da un avvocato”. Nel Paese Transalpino, infatti, tale misura è stata adottata da tempo e con risultati egregi: «Vogliamo introdurre la procedura di negoziazione assistita da un avvocato, rifacendoci all’esperienza francese: una procedura cogestita dagli avvocati delle parti e volta, con il loro apporto professionale, al raggiungimento di un accordo conciliativo che, da un lato, eviti il giudizio e, dall’altro, consenta la rapida formazione di un titolo esecutivo».

«Questo istituto — ha specificato Orlando — si potrà poi valorizzare fortemente con riguardo alle separazioni e ai divorzi consensuali, prevedendo che l’accordo dei coniugi assistiti dagli avvocati superi la necessità dell’intervento giurisdizionale». Unico limite alla procedura: «I casi di presenza di figli minori o portatori di grave handicap». 

Sono già passati molti anni da quando la Francia ha intrapreso un lungo percorso verso il progressivo cambiamento delle esigenze sociali.

La prima tappa fu, durante il governo di Jean Pierre Raffarin, l’approvazione della Legge n.439 del 2004 che ridusse i tempi del divorzio semplificando enormemente l’iter procedurale e minimizzando quindi i costi relativi alle spese legali.

Con la riforma siffatta la tempistica per la conclusione della procedura di divorzio consensuale oscillava nella forbice ricompresa tra i 3 ed i 9 mesi (tempistiche impensabili per una coppia in Italia).

Successivamente si è voluto semplificare ulteriormente la procedura per le separazioni ed i divorzi consensuali, affidando l'intero iter a un cancelliere senza bisogno di passare davanti al giudice. Secondo Le Figaro “Dato che oltralpe le cause di diritto familiare rappresentano circa l'80% dell'attività dei tribunali, la misura potrebbe contribuire in modo significativo a ridurre i tempi della giustizia” .

Alcuni magistrati, citati sempre da Le Figaro, parlano di evoluzione ''inevitabile'', visto l'elevato livello di formazione dei cancellieri e la loro esperienza in materia di giurisdizione, che li rendono del tutto adatti a trattare questo genere di casi.

Anche in Italia,i vantaggi di questa misura sono indubbi. Al di là di quelli meramente economici per i diretti interessati, come ricorda anche La Stampa : “dal punto di vista del governo: si crea un canale alternativo al processo civile, alleggerendo il carico dei tribunali; allo stesso tempo si dà spazio alla categoria degli avvocati, che non a caso vivono una luna di miele con questo Esecutivo”.

 

 

Claudia De Vincenzi

(24 aprile 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

17 marzo 2017
Nuova Agenzia anticorruzione a Parigi | Anche la Francia potrà contare sull'attività di un'agenzia nazionale anticorruzione sul modello dell'ANAC italiana.

 
 
Condividi la notizia

18 dicembre 2014
Opportunità di lavoro | L'Organizzazione Internazionale della Polizia Criminale offre la possibilità di uno stage fino a 11 mesi presso una delle sue sedi in Francia. Nell'articolo requisiti e modalità per partecipare.

 
 
Condividi la notizia

23 dicembre 2014
MEF | Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato il Rapporto trimestrale del contenzioso tributario con le appendici statistiche.

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2014
Giustizia | Nel corso di un incontro con l'Associazione Nazionale Magistrati il Ministro Andrea Orlando ha chiarito che nel progetto di riforma della Giustizia non sarà prevista alcuna riduzione dell'uso delle intercettazioni.

 
 
Condividi la notizia

23 giugno 2014
Istat | I matrimoni durano circa 16 anni. Le unioni più recenti durano meno, mentre le unioni religiose sono le più stabili.

 
 
Condividi la notizia

13 maggio 2014
Emergenza migranti | Ribadita dal Guardasigilli la necessità di un tempestivo intervento. L'Italia non deve essere lasciata sola, serve un salto di qualità.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2015
Dipartimento delle Finanze | Riguarda il primo trimestre dell'anno. Sono pervenuti complessivamente 78.992 ricorsi; le controversie pendenti sono 570.282.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Equitalia | Aumentano i ricorsi contro Equitalia, l'80% nelle Regioni del Sud.

 
 
Condividi la notizia

9 dicembre 2015
ministero della Giustizia | Il Ministro Orlando: "Ulteriore salto di qualità del servizio".

 
 
Condividi la notizia

11 maggio 2016
Agenzia Entrate | Come comportarsi in caso di cartelle di pagamento o avvisi di accertamento. Le novità della riforma del processo tributario.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2016
Guardasigilli | L'arretrato civile scenderà sotto la quota dei 4 milioni di procedimenti entro fine 2016, il primo grado di giudizio si esaurirà entro un anno.

 
 
Condividi la notizia

29 settembre 2016
Pubblica amministrazione | Terapia d'urto per vuoti organici amministrativi. 800 posti sono riservati ai vincitori del concorso e 200 all’assunzione degli idonei delle graduatorie in corso di validità. Valorizzati e riconosciuti i percorsi professionali di coloro che hanno svolto tirocini e stage presso gli uffici giudiziari.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Esposto anonimo | Colpiscono sempre più nel segno le denuncie anonime dei cittadini, che aumentano di giorno in giorno. Tempi duri per i furbi.

 
 
Condividi la notizia

20 dicembre 2015
Mef | Continua il trend iniziato da giugno 2012. I dati di raffronto tra il terzo trimestre 2015 e lo stesso periodo dell'anno precedente.

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2015
INPS | La circolare n. 84/2015 sulle indicazioni operative per i ricorsi ex-ENPALS.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.