Condividi la notizia

TAR NAPOLI

Scorrimento di graduatoria concorsuale e problemi di giurisdizione

Un caso singolare di graduatoria utilizzata da un Comune convenzionato con quello che aveva bandito il concorso.

Un cittadino partecipava al concorso pubblico per l’assunzione di n. 9 coordinatori tecnici bandito da un Comune campano, classificandosi al decimo posto della graduatoria di merito. L’utilizzo di questa graduatoria a fini assunzionali ha poi costituito oggetto di convenzione con altro Comune viciniore che ha rivolto proposta di assunzione al ricorrente, in quanto avente priorità in base all’ordine di collocazione. Precedentemente il concorrente, idoneo, aveva opposto un rifiuto alla richiesta del primo Comune di instaurazione del rapporto di lavoro e, quando invece ha manifestato la propria disponibilità ad essere assunto dal secondo Ente, quest’ultimo ha adottato il diniego considerandolo di fatto decaduto dalla graduatoria, in ragione della sua pregressa indisponibilità ad assumere l’incarico propostogli dall’altro Comune, ritenuta ostativa all’assunzione.

Avverso il diniego il concorrente proponeva ricorso al TAR, sostenendo in quella sede che l’archiviazione della propria proposta assunzionale da parte del primo Comune era illegittima, non avendo egli mai rinunciato alla posizione n. 10 in graduatoria, atteso che l’impossibilità temporanea dello stesso ad accettare l’incarico propostogli in origine non era idonea ad incidere sulle nuove chiamate al servizio.

Resisteva l’Amministrazione civica eccependo l’inammissibilità del ricorso per difetto di giurisdizione: secondo il Comune intimato, infatti, la controversia in esame radicherebbe la giurisdizione del giudice ordinario, non avendo essa ad oggetto la procedura concorsuale in sé, posto che, da un lato, non ne è contestata la legittimità e, dall’altro, la stessa risulta oramai esaurita con l’approvazione della graduatoria ed afferendo petitum e causa petendi alla tutela del diritto (presuntivamente leso) del ricorrente ad essere individuato da parte del Comune come destinatario del contratto di lavoro, in ragione della posizione occupata in graduatoria ed in forza del suo ‘scorrimento’.

Il TAR Napoli, Sezione V, con sentenza n. 5523 del 17 settembre 2018, accogliendo l’eccezione sollevata, dichiarava il difetto di giurisdizione del giudice amministrativo.

Il Collegio ha premesso che, con riguardo allo specifico tema dello “scorrimento” della graduatoria approvata all’esito della procedura concorsuale, le Sezioni Unite della Cassazione hanno da tempo chiarito che il fenomeno consente la stipulazione del contratto di lavoro con partecipanti risultati idonei e non vincitori, in forza di eventi successivi alla definizione del procedimento concorsuale con l’approvazione della graduatoria. Ciò può avvenire o in applicazione di specifiche previsioni del bando, contemplanti l’ammissione alla stipulazione del contratto del lavoro degli idonei fino ad esaurimento dei posti messi a concorso; ovvero perché viene conservata (per disposizione di atti normativi o del bando) l’efficacia della graduatoria ai fini dell’assunzione degli idonei in relazione a posti resisi vacanti e disponibili entro un determinato periodo di tempo. La pretesa allo”scorrimento”, di conseguenza, si colloca di per sé fuori dell’ambito della procedura concorsuale (esclusa, nella seconda delle ipotesi indicate, proprio dall’ultrattività della graduatoria approvata) ed è conosciuta dal giudice ordinario quale controversia inerente al “diritto all’assunzione”, salva la verifica del fondamento di merito della domanda, esulante dall’ambito delle questioni di giurisdizione (cfr. tra le tante Cass. civ, SS.UU., sent. n. 19595/2012).

Nel caso esaminato dal TAR campano la posizione giuridica soggettiva azionata dal ricorrente ha, quindi, natura di diritto soggettivo, afferendo alla pretesa assunzionale che si colloca nella fase successiva alla procedura concorsuale e si fonda sull’asserito diritto a permanere nella graduatoria medesima e a trarre le utilità derivanti dal suo scorrimento. Per quanto sopra esposto, il ricorso è stato dichiarato inammissibile, difettando la giurisdizione del giudice amministrativo e spettando la controversia azionata alla cognizione del giudice ordinario.

Rodolfo Murra

(24 settembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

23 febbraio 2015
Pubblico Impiego | La sentenza della Terza Sezione del 23 febbraio 2015. Obbligo di motivazione solo se il secondo concorso è identico. Nessuna identità tra i due concorsi se il secondo concorso è stato bandito da un altro ente e solo successivamente è intervenuto un accordo per avvalersi reciprocamente delle graduatorie in corso di validità.

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2016
Corte di Cassazione | Le Sezioni Unite della Suprema Corte definiscono il riparto di giurisdizione in materia di diritto all'assunzione.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Concorsi e Riparto di giurisdizione | Il Consiglio di Stato smentisce il TAR Lazio: la giurisdizione spetta al giudice amministrativo.

 
 
Condividi la notizia

10 luglio 2018
Consiglio di Stato | Il caso di una Azienda ospedaliera risolto con una interessante pronuncia.

 
 
Condividi la notizia

12 aprile 2015
Ministero delle Infrastrutture | Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 82 del 9.4.2015 il decreto con allegato l'elenco dei finanziamenti individuati tramite scorrimento di graduatoria.

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2015
Pubblico impiego | Ancora sull'indizione di un nuovo concorso in presenza di graduatorie pregresse ed efficaci nella sentenza del Consiglio di Stato del 9.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2016
Corte Costituzionale | Non fondate le questioni di legittimità costituzionale. La sintesi e il testo della sentenza n. 214 del 3 ottobre 2016.

 
 
Condividi la notizia

1 dicembre 2014
Pubblico impiego | Nessuna giurisdizione del giudice amministrativo. La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 28 novembre.

 
 
Condividi la notizia

5 aprile 2016
Statali | Firmata l'ipotesi di accordo quadro nazionale che ridefinisce i nuovi comparti e le nuove aree di contrattazione.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

25 marzo 2018
Tar Veneto | Un'interpretazione innovativa dell'art. 42 bis del Testo Unico del pubblico impiego.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2018
CORTE DI CASSAZIONE | I giudici di legittimità escludono l'applicabilità degli istituti del pubblico impiego.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2017
Riforma della P.A. | Approvati dal Consiglio dei Ministri due decreti legislativi. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2015
Riforma della P.A. | La Camera ha approvato in seconda lettura il d.d.l. presentato dal Governo. Il provvedimento torna ora all'esame del Senato.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2015
INPS | La nuove modalità operative sono rese possibili dal livello raggiunto nel processo di integrazione, nonché dallo sviluppo delle procedure informatiche e dei sistemi di comunicazione telematica.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.