Condividi la notizia

TAR LAZIO

Pallacanestro: gli arbitri "fuori quadro" perdono la partita al TAR

Il giudice amministrativo dichiara inammissibile il ricorso dell'arbitro Pietro Crescenti e prende atto della rinuncia dell'arbitro Stefano Gadda. Difetto di giurisdizione, e' questione interna alla giustizia sportiva.

L'inserimento tra gli Arbitri "Fuori quadro" e' questione riservata alla giustizia sportiva, questo in sistesi quanto stabilito dal TAR Lazio, Roma che con la sentenza del 5 agosto ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto contro le decisioni adottate dall'Alta Corte di Giustizia sportiva presso il Coni di rigetto dei ricorsi presentati dagli arbitri Pietro Crescenti e Stefano Gadda volti ad ottenere l'esecuzione delle decisioni nn. 1/2013 e 34/2013 della medesima Alta Corte di Giustizia Sportiva.

Per i giudici amministrativi nella controversia in esame c'è il difetto assoluto di giurisdizione, avendo la stessa ad oggetto, nella sostanza, l’inserimento dei ricorrenti tra gli Arbitri “Fuori quadro” conseguente a valutazioni di carattere tecnico, trattandosi di questione riservata alla giustizia sportiva.

La giustizia sportiva costituisce lo strumento di tutela per le ipotesi in cui si discute dell'applicazione delle regole sportive, mentre quella statale è chiamata a risolvere le controversie che presentano una rilevanza per l'ordinamento generale, concernendo la violazione di diritti soggettivi o interessi legittimi (Cons. St., sez. VI, 9 luglio 2004 n. 5025).

Come chiarito dal Cons. St., sez. VI, 17 aprile 2009, n. 2333, l’inserimento del ricorrente nel ruolo degli arbitri Fuori quadro, in dipendenza del giudizio di “demerito tecnico” e senza perdita dello status di tesserato, rimane infatti questione del tutto interna alla giustizia sportiva, che deve essere risolta con gli strumenti propri del relativo ordinamento.

Il collocamento Fuori quadro è dunque basato su un giudizio reso esclusivamente sulle qualità tecniche espresse dai due arbitri, con la conseguenza che manca, nella specie, il connotato della rilevanza esterna all’ordinamento sportivo degli effetti delle decisioni dell’Alta Corte e, ancora prima, dei pregressi provvedimenti impugnati dinanzi al giudice sportivo, che si esauriscono all’interno del predetto ordinamento non avendo alcun riflesso, né diretto né indiretto, nell’ordinamento statale il giudizio di scarsa capacità tecnica resa nei confronti dell’arbitro.

Nessun rapporto di lavoro lega l’arbitro alla Federazione, come è reso evidente, tra l’altro, dalla qualificazione in termini di mera indennità del compenso che riceve per le prestazioni rese, che l’inserimento nei ruoli degli arbitri Fuori quadro non ha comportato la cancellazione del tesseramento(avvenuta, per uno dei due ricorrenti, su propria iniziativa), e che nessuna altra conseguenza giuridicamente apprezzabile avente ricaduta all’esterno dell’ordinamento sportivo viene in evidenza (né viene addotta da parte ricorrente) come effetto dei provvedimenti impugnati.

Di qui la dichiarazione di inammissibilità per difetto di giurisdizione del giudice amministrativo del ricorso proposto da Pietro Crescenti, mentre per quanto riguarda la posizione dell'arbitro Gadda il TAR ha preso atto della sua rinuncia al ricorso.

La Direzione

(5 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 giugno 2014
Consiglio di Stato | Bocciato il regolamento della F.I.P.. Tutela gli interessi economici delle società sportive che massimizzano i profitti vendendo giocatori formati nei propri vivai e presenta profili di incompatibilità costituzionale e comunitaria.

 
 
Condividi la notizia

4 novembre 2015
Piano annuale sport | Due linee di intervento a favore delle associazioni, delle istituzioni scolastiche, degli Enti locali e delle Federazioni del Coni.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Ministero degli Esteri | Il Ministro Gentiloni ed il Presidente del Coni Malagò hanno sottoscritto un programma di collaborazione.

 
 
Condividi la notizia

26 maggio 2014
Gazzetta Ufficiale | Per far coincidere le iniziative programmate per il 9 e 10 giugno di celebrazione dei 100 anni di costituzione del Coni in via eccezionale la Giornata dello Sport e' stata posticipata all'8 giugno.

 
 
Condividi la notizia

18 dicembre 2014
Ministero dell'Interno | Sarà possibile per testimoni di giustizia, parificate per questo aspetto alle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, accedere ad un programma di assunzione in tutte le P.A., dello Stato e degli enti locali.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2014
Analisi statistiche | Uno studio commissionato dal Ministero della Giustizia mette sotto la lente, con dovizia di particolari e di numeri, il carico nazionale degli affari civili pendenti.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2014
Rapporto della Commissione Europea | 707 i giorni necessari per una pronuncia di divorzio in primo grado e 486 in secondo grado. 2.648 giorni solo per il primo grado per le procedure di insolvenza. La Commissione europea per l'efficienza della giustizia del Consiglio d'Europa analizza 46 Stati membri.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Governo | C'è tempo fino al 31 agosto 2014 per partecipare alle consultazioni pubbliche sulle linee guida dello "Sblocca Italia" e della riforma della Giustizia.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Consiglio dei Ministri | Nella consueta conferenza stampa dopo il CdM il Premier ha esposto le linee guida per lo sblocco delle grandi opere e per riformare la Giustizia civile e penale

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2016
Consiglio dei Ministri | Il provvedimento riguarda la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, l'efficienza degli uffici giudiziari, nonché la giustizia amministrativa.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2016
Palazzo Chigi | Il Presidente del Consiglio e il Presidente del CONI Malagò hanno presentato il piano.

 
 
Condividi la notizia

13 settembre 2014
Danno erariale | Corte dei Conti: condannati alcuni funzionari del Centro della Giustizia Minorile di Napoli a pagare allo Stato € 145.542,00 per illegittima erogazione di buoni-pasto.

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2015
Immigrazione e sport | Prende il via il concorso di integrazione sociale promosso dal CONI e dal Ministero del Lavoro. Scadenza 31 maggio 2015.

 
 
Condividi la notizia

9 dicembre 2015
ministero della Giustizia | Il Ministro Orlando: "Ulteriore salto di qualità del servizio".

 
 
Condividi la notizia

13 agosto 2015
Olimpiadi della ruralità | Interesseranno 15 comuni dell'area del Marmo Melandro. In ogni tappa è prevista la gara sportiva, musica e stand gastronomici.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.