Condividi la notizia

Analisi statistiche

Giustizia Civile: trasparenza sull'arretrato e sulla produttività dei Tribunali

Uno studio commissionato dal Ministero della Giustizia mette sotto la lente, con dovizia di particolari e di numeri, il carico nazionale degli affari civili pendenti.

La Direzione Generale di Statistica del Ministero della Giustizia, articolazione interna del Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria ha compilato le tabelle sui dati globali di tutti gli uffici giudiziari.

Come afferma Mario Barbuto, Capo del Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, nella sua relazione correlata all’analisi sui dati raccolti, lo slogan “Giustizia incivile: arretrato di 5,2 milioni di cause” è stato oggi chiarito, o meglio sono stati resi trasparenti i dati (ed i motivi) del carico civile, in parte un fenomeno sopravalutato (in termini di gravità).

Esisterebbero solo in teoria le condizioni affinché in Italia, nell’insieme degli uffici di primo grado (Tribunali ordinari, Giudici di pace e Tribunale per i minorenni), non si concretizzi mai una durata irragionevole dei processi civili (oltre i tre anni in primo grado). In pratica è tutto diverso.

I dati fanno emergere che l’arretrato ha caratteristiche di anzianità variegate e anomale, diverse da sede a sede, particolarmente gravi nelle sedi di Tribunale con numero insufficiente di giudici e personale di cancelleria, senza contare la tipologia dell’arretrato sotto il profilo delle materie (procedimenti contenziosi e procedimenti non contenziosi).

Ci sono anche serie conseguenze economiche. È un cane che si morde la coda, perché lo Stato (cioè i contribuenti) fino ad oggi ha dovuto risarcire le vittime dei ritardi della giustizia per una cifra che supera i 400 milioni di Euro.

Non tutto ciò che emerge tuttavia è da contrastare.

Anche alla luce dei dati Europei vi è un giudizio positivo sulla produttività dei nostri uffici. Le pratiche giudiziarie sono una mole da far paura (oltre 4 milioni), eppure i giudici italiani ne definiscono una quantità quasi pari al numero delle sopravvenienze di ogni anno.

I dati ci dicono che i giudici italiani, nonostante siano al 2° posto in Europa quanto a produttività in numeri assoluti, abbiano registrato (e continuano a registrare da anni) il più alto stock di pendenze, che fa permanere il nostro sistema al 1° posto (poco invidiabile) di una classifica negativa.

C’è un debito pregresso remoto che abbiamo ereditato dal passato e che riusciamo ad affrontare a fatica.

Il tutto anche in danno di possibili investitori stranieri che, visti i dati sulla giustizia civile, fuggono a gambe levate.

Quali rimedi allora?

Alla luce dei dati, il Capo del Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria propone una inversione di tendenza del lavoro che, a discapito della chiusura più celere dei nuovi “affari civili”, non trascuri più il vecchio (che diventa inevitabilmente sempre più vecchio).

Più nello specifico, la serie storica delle “pendenze” mostra un andamento decrescente a partire dal 2009, quando il totale complessivo era pari a circa 6 milioni di fascicoli aperti.

Dalla scomposizione del totale, ci dicono i dati, è emerso che il 63,3% delle pendenze è di competenza del Tribunale ordinario cui si aggiunge il 25,1% di fascicoli aperti presso il Giudice di Pace.

Al 30 giugno 2013, poi, se si escludono dal totale degli affari civili pendenti, tutti quei procedimenti che non costituiscono un contenzioso tra cittadini e quelle procedure che avendo una natura di lungo periodo sono una componente fissa non eliminabile delle pendenza (si pensi alle tutele e alle curatele) si ottiene che dei circa 5,2 milioni di procedimenti pendenti totali il 70% è rappresentato dal contenzioso puro, il 16 % sono il non contenzioso, l’11 % sono essenzialmente esecuzioni e il 3% sono le cause in Cassazione e presso il Tribunale per i minori.

Per la distribuzione territoriale, infine, dei carichi alla giustizia emergono dei dati “anomali”. Nelle prime dieci posizioni, a parte la presenza prevedibile e scontata di grandi uffici come Roma, Napoli e Milano, sorprendono le presenze di alcuni tribunali di medie dimensioni che evidenziano “divergenze territoriali”.

E’ interessante sapere che un terzo di quelle cause (in primo grado), per l’esattezza il 33,1% del totale, è concentrato in soli 10 Tribunali che non sono tutti i “maggiori” uffici del Paese.

I dati sono i seguenti (con riferimenti qui ai soli Tribunali):

-ROMA 204.913 pendenze

-NAPOLI 175.248 pendenze

-MILANO 125.512 pendenze

-FOGGIA 113.456 pendenze

-BARI 110.686 pendenze

-SALERNO 84.805 pendenze

-CATANIA 81.256 pendenze

-SANTA MARIA CAPUA VETERE 80.490 pendenze

-LECCE 63.592 pendenze

-PALERMO 63.235 pendenze

-Tutti gli altri Tribunali 2.225.262 pendenze

-Totale complessivo 3.328.455 pendenze

Il Dipartimento Competente ora si metterà al lavoro (dati nel dettaglio alla mano) nell’individuare le ragioni di tale anomalia: piante organiche, risorse materiali, tasso di scopertura del personale amministrativo, analisi dei flussi, altri fattori.

Per tutti i prospetti statistici selettivi (per anni e per materie) di tutti gli Uffici giudiziari, divisi per Distretto, relativi al registro SICID di ciascuna Corte di Appello e di ciascuno dei 140 Circondari sono disponibili visitando i link della pagine pagina Giustizia newsonline.

Luca Tosto

(16 novembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 maggio 2015
Giustizia - Banca d'Italia | Siglato l'accordo per accelerare i tempi di pagamento in base alla legge Pinto per l'equa riparazione di chi ha subìto un danno patrimoniale e non.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2015
Contenzioso | Scatta la guerra al vecchio arretrato. Il Ministero comunica che entra ufficialmente nella fase operativa il 'Programma Strasburgo 2'.

 
 
Condividi la notizia

14 gennaio 2015
Ministero della Giustizia | Presentato il Programma Strasburgo 2. Ridurre ad un anno la durata massima delle cause civili commerciali ed a meno di tre anni le altre cause di primo grado dimezzando al contempo l’arretrato e dando priorità processuale alle cause di imprese e famiglie.

 
 
Condividi la notizia

21 luglio 2016
Censimento speciale | I dati pubblici oltre ad essere un concreto esempio di trasparenza evidenzieranno il volume e l'andamento della “giacenza patologica”.

 
 
Condividi la notizia

6 settembre 2015
Legge Pinto | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza pubblicata il 3 settembre 2015 n. 17572.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Scommesse | La Sentenza nella causa C-463/13 Stanley International Betting Ltd e a./Ministero dell'Economia e delle Finanze.

 
 
Condividi la notizia

18 dicembre 2014
Ministero dell'Interno | Sarà possibile per testimoni di giustizia, parificate per questo aspetto alle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, accedere ad un programma di assunzione in tutte le P.A., dello Stato e degli enti locali.

 
 
Condividi la notizia

13 agosto 2015
Contenziosi | In occasione della presentazione dell'Aggiornamento sul censimento speciale è stato confermato il trend positivo: -20% di processi pendenti.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2014
Rapporto della Commissione Europea | 707 i giorni necessari per una pronuncia di divorzio in primo grado e 486 in secondo grado. 2.648 giorni solo per il primo grado per le procedure di insolvenza. La Commissione europea per l'efficienza della giustizia del Consiglio d'Europa analizza 46 Stati membri.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Governo | C'è tempo fino al 31 agosto 2014 per partecipare alle consultazioni pubbliche sulle linee guida dello "Sblocca Italia" e della riforma della Giustizia.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Consiglio dei Ministri | Nella consueta conferenza stampa dopo il CdM il Premier ha esposto le linee guida per lo sblocco delle grandi opere e per riformare la Giustizia civile e penale

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2016
Consiglio dei Ministri | Il provvedimento riguarda la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, l'efficienza degli uffici giudiziari, nonché la giustizia amministrativa.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2015
INPS | Le precisazioni dell'Istituto riguardano anche la procedura da utilizzare nel periodo transitorio.

 
 
Condividi la notizia

13 settembre 2014
Danno erariale | Corte dei Conti: condannati alcuni funzionari del Centro della Giustizia Minorile di Napoli a pagare allo Stato € 145.542,00 per illegittima erogazione di buoni-pasto.

 
 
Condividi la notizia

9 dicembre 2015
ministero della Giustizia | Il Ministro Orlando: "Ulteriore salto di qualità del servizio".

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.