Condividi la notizia

CONSIGLIO DI STATO

Calcio “Serie B”: la giustizia sportiva resta competente nella definizione dei campionati

Non é applicabile il D.L. n. 115/2018 ai procedimenti sportivi definiti prima della sua entrata in vigore.

Continua la telenovela del format della Serie B di calcio. Resterà a 19 squadre o tornerà a 22?

In realtà il campionato cadetto è cominciato da quasi tre mesi (esattamente dallo scorso 24 agosto), eppure la parola fine sembra ancora lungi dall’essere emessa.

Dopo un duello a distanza tra il Commissario della FIGC (favorevole al format a 22 squadre) e la Lega di Serie B (che in seguito al mancato ottenimento della licenza di tre squadre cadette voleva ridurre il numero delle compagini a 19), il primo cedeva alla volontà della Lega, revocando la precedente delibera del 30 maggio 2018.

D’intesa con la Lega di B, provvedeva inoltre a modificare l’art. 49 delle NOIF, portando il numero di squadre di B per la stagione in corso da 22 a 19.

Da lì le squadre escluse, o potenzialmente aventi diritto a disputare il campionato di serie B, ricorrevano dapprima agli organi di Giustizia Sportiva (Collegio di Garanzia, TNF e Corte Federale d’Appello) e da ultimo alla Giustizia Amministrativa (TAR).

Il risultato non mutava, considerando i giudici prevalere l’interesse al mantenimento dello status quo (la continuazione del campionato ormai avviato da tempo) rispetto al semplice interesse legittimo (e non diritto soggettivo) delle singole squadre ricorrenti.

Con il Decreto Legge n. 115 del 2018 (Disposizioni urgenti in materia di giustizia amministrativa, di difesa erariale e per il regolare svolgimento delle competizioni sportive) il Consiglio dei Ministri sembrava però irrompere nella vicenda, segnando una svolta decisiva. Nello stesso, infatti, veniva indicato il TAR come l’unico organo competente a decidere sulle “controversie aventi ad oggetto i provvedimenti di ammissione ed esclusione  dalle  competizioni professionistiche   delle   società    o    associazioni    sportive professionistiche,  o  comunque  incidenti  sulla  partecipazione   a competizioni professionistiche”.  Precisando altresì che per le stesse controversie era da ritenersi “esclusa ogni competenza degli organi di giustizia sportiva”.

Svolta che, tuttavia, non è ancora arrivata. O, più esattamente, la giustizia amministrativa ha fino a questo momento deciso di avallare quanto già deciso da quella sportiva.

E’ il caso dell’ultima decisione del 12 ottobre 2018 del Consiglio di Stato, chiamato a decidere in merito alla riforma dell’ordinanza cautelare del Tar dello scorso 27 settembre che confermava la decisione del TNF di respingere i ricorsi delle squadre escluse dalla Serie B.

Il Consiglio di Stato ha ritenuto di non dover applicare quanto stabilito dal Decreto Legge del Consiglio dei Ministri, specificando che “l’istanza cautelare non risulta allo stato e al momento accoglibile, non essendo … riconducibile alle tassative ipotesi del citato art. 1, comma 4, d.-l. n. 115 del 2018 (riproposizione davanti al giudice amministrativo di una «controversia» non ancora decisa in giustizia sportiva ovvero impugnazione – nei termini – di una decisione del giudice sportivo”.

Ma, soprattutto, il Consiglio di Stato ha difeso strenuamente il diritto della giustizia sportiva alla regolamentazione dei campionati, espressamente escluso invece dal Decreto Legge, affermando che “continuano a restare immanenti all’autonomia decisionale degli organi dell’ordinamento sportivo le valutazioni di opportunità circa la congrua definizione degli assetti organizzativi dei campionati”.

In ogni caso a breve il Tar sarà chiamato a valutare nuovamente e definitivamente la vicenda. Ma la posta in gioco sembra essere molto più grande: il Tribunale Amministrativo metterà in discussione il principio dell’autonomia della giustizia sportiva (sulla scia del citato Decreto Legge del Consiglio dei Ministri) o proseguirà nel solco sin qui tracciato?

Matteo Raimondi

(18 ottobre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

29 ottobre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Ribaltata la decisione del TAR di tornare al vecchio format.

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2018
Tribunale Federale Nazionale | Le squadre ricorrenti vantavano solo un "interesse semplice" alla conclusione della procedura.

 
 
Condividi la notizia

24 agosto 2018
Consiglio di Stato | La storia di un calciatore prima condannato e poi assolto dalla giustizia sportiva: gli spetta il risarcimento del danno?

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

21 aprile 2016
Antitrust | Condannate Sky, Mediaset Premium, Lega Calcio e Infront. Alterata la gara per i diritti sul Campionato di A per il triennio 2015-2018, del giugno 2014.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

15 giugno 2016
MEF | Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che è stato firmato dal premier Matteo Renzi è in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
TAR LAZIO | Il giudice amministrativo dichiara inammissibile il ricorso dell'arbitro Pietro Crescenti e prende atto della rinuncia dell'arbitro Stefano Gadda. Difetto di giurisdizione, e' questione interna alla giustizia sportiva.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

10 dicembre 2014
Violenza negli Stadi | La sentenza del 10.12.2014: Non basta la speranza di poter accedere al settore ospiti dello stadio nonostante privi della tessera del tifoso.

 
 
Condividi la notizia

22 dicembre 2014
Federazione Italiana Gioco e Leghe calcio | Negato dal Giudice amministrativo nella sentenza del 22 dicembre l'acceso ai documenti per controllare il modus operandi della Federazione.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2014
Accesso agli atti | Il diritto di cronaca si piega davanti all'interesse ad accedere agli atti.

 
 
Condividi la notizia

24 maggio 2015
Giustizia amministrativa | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 22 maggio 2015.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.