Condividi la notizia

Autonomia del Veneto

Il Governo impugna le leggi regionali che hanno indetto il referendum sull'indipendenza

Su proposta del Ministro Lanzetta l'Esecutivo ha impugnato le due norme adottate in Veneto forse per dare risposta al disagio diffuso.

Nell’ultima riunione del Governo, su proposta del Ministro per gli affari regionali Maria Carmela Lanzetta, l’Esecutivo guidato da Matteo Renzi ha deciso di impugnare le leggi regionali del Veneto che promuovono referendum per chiedere l’indipendenza della Regione.

E’ stata quindi deliberata l’impugnazione della L.R. Veneto n.15 del 19 giugno 2014 “Referendum consultivo sull’Autonomia del Veneto”, perché “contiene disposizioni in contrasto con gli artt. 3,5,116,117 e 119 della Costituzione”; e la L.R. Veneto n. 16, assunta nella stessa data, intitolata “Indizione del referendum consultivo sull’autonomia del Veneto”, perché  contrasta “con gli art. 5,114,117 co. 1 e 2 lett. a) della Costituzione”.

Per il Governo, naturalmente, non c’erano alternative rispetto alla presa di posizione del Consiglio regionale Veneto, che ha indetto il referendum su un argomento che, da quelle parti, infiamma gli animi da tanto tempo ma, soprattutto, dai tempi dei primi successi politici della Liga Veneta. In questo senso, alcuni analisti hanno “letto” la decisione del Consiglio Regionale del Veneto, come un tentativo di dare una sorta di risposta politica ai movimenti secessionisti ed agli episodi eclatanti che negli ultimi anni hanno riempito anche le cronache giudiziarie.

Sono, infatti, passati solo pochi mesi da quando, nei primi giorni di aprile di quest’anno, i Ros dei Carabinieri, dopo un’inchiesta della Procura di Brescia con 51 indagati, hanno eseguito gli arresti di 24 persone accusate di far parte di un gruppo secessionista con l’obiettivo di ottenere l’indipendenza del Veneto. Le accuse erano pesantissime:”associazione con finalità di terrorismo ed eversione dell’ordine democratico e fabbricazione e detenzione di armi da guerra”.

Nel provvedimento del G.I.P. di Brescia si faceva riferimento ad “un ampio disegno eversivo” di un gruppo che preparava un’azione eclatante. Per motivare la gravità delle accuse e la custodia cautelare si richiamavano tutta una serie di frasi inquietanti pronunciate al telefono da alcuni degli arrestati e il  ritrovamento, a Casale di Scodosia (PD), di una sorta di “carro armato artigianale” che, secondo le dichiarazioni di uno dei legali degli indagati, era stato ricavato dal “tanko” usato dal cosiddetto gruppo dei Serenissimi che nel 1997 diede l’assalto al campanile di S.Marco. Il mezzo era stato acquistato all’asta  al termine del procedimento penale celebrato avanti al Tribunale di Venezia.

La Lega Nord non era in alcun modo coinvolta nell’inchiesta, ma il suo segretario Matteo Salvini aveva contestato con veemenza la decisione del magistrato bresciano, sostenendo che in Italia, “mentre si lasciano liberi assassini e spacciatori,  si mette in galera chi si vede costretto a ricorrere a gesti eclatanti, ma solo dimostrativi,  al solo fine di ottenere l’indipendenza dallo stato centrale”.

Era intervenuto anche il filosofo Massimo Cacciari, dichiarando che chi organizza azioni di questo genere è un “malato di mente”; tuttavia, resta il fatto che “il malessere nella regione è sempre più diffuso, a causa dell’incapacità della classe politica di dare risposte esaurienti rispetto alla protesta, sempre più estesa, nei confronti di un’ amministrazione pubblica lenta ed inefficiente e contro la pessima qualità dei servizi pubblici offerti a cittadini ed imprese”.

In questa vicenda, in verità, si individuavano tratti assolutamente contraddittori: vale a dire, quelli di un vero e proprio dramma, a fronte dell’assoluta gravità delle accuse; ma, paradossalmente, anche quelli di una “farsa”, con riferimento alla costruzione di una specie di “carro armato casalingo”, non si sa bene con quale grado di effettiva pericolosità.

Non è questa la sede per valutare l’operato dei magistrati; ma va segnalato, tuttavia, che fin dall’inizio, da più parti erano stati espressi dubbi sull’opportunità di ricorrere a provvedimenti tanto gravi a poche settimane dalle elezioni europee e a pochi giorni dal contestatissimo “referendum on line sull’indipendenza del Veneto” organizzato, fra gli altri, anche da Franco Rocchetta, uno dei 24 sottoposti a custodia cautelare.

Questa posizione non era sostenuta solo dai leghisti e si basava, probabilmente, anche sul timore che ci potesse essere una sorta di “spettacolarizzazione” di una vicenda sicuramente inquietante, ma i cui protagonisti erano sembrati, in qualche caso, più personaggi da operetta, piuttosto che dei pericolosi terroristi. In sostanza, più di qualcuno pensava che ci fosse il concreto pericolo di “sopravvalutare” le azioni simboliche di un gruppo eterogeneo di inguaribili indipendentisti e, in sostanza, di farne dei “martiri”.

Una cosa è certa: Massimo Cacciari è considerato uno dei più profondi conoscitori della realtà veneta, almeno di quella della parte orientale della regione. Fra i 24 arrestati c’erano anche due personaggi che facevano parte del c.d. gruppo dei “Serenissimi” che, nella notte fra l’otto ed il nove maggio del 1997, si erano impadroniti del Campanile di S. Marco.

Massimo Cacciari, a quel tempo, era sindaco di Venezia e tentò di convincere gli autori di quel gesto clamoroso a rinunciare volontariamente alla loro “impresa”. Non essendoci riuscito, subito dopo intervennero le forze dell’ordine, catturando i “Serenissimi”.

Cacciari, nella sostanza, in occasione degli arresti decisi dai magistrati bresciani nell’aprile scorso, ha sostenuto le stesse cose di 17 anni fa : quei tizi sono “matti”, ma “ciò non toglie che i veneti non ne possano più delle inefficienze dell’amministrazione centrale  e di una burocrazia tanto lenta ed ottusa”.

Le indagini sono ancora in corso, ma la vicenda giudiziaria sembra essersi molto ridimensionata, soprattutto dopo una serie di provvedimenti del Tribunale del Riesame, che ha rimesso in libertà i protagonisti. La questione del referendum consultivo per l’indipendenza indetto dal Consiglio Regionale del Veneto non ha occupato grande spazio sui media, impegnati a seguire le evoluzioni del Pil nazionale e del duro confronto in Senato per le riforme costituzionali.

Tuttavia, va sottolineato che dalle dichiarazioni rilasciate nei primi giorni di aprile, a poco più di un mese dal suo insediamento a Palazzo Chigi, il Premier Matteo Renzi sembrava essersi reso conto del disagio segnalato da anni da Cacciari (e non solo da lui, per la verità), indicando vari tipi di intervento per cercare di affrontare e risolvere i problemi portati alla sua attenzione.

Alcuni di questi interventi in questi mesi il Governo ha cercato di attuarli, mettendo sul tavolo una serie di provvedimenti per snellire, sburocratizzare, semplificare le procedure della pubblica amministrazione; ma naturalmente il lavoro è appena agli inizi e sappiamo che, in un Paese come il nostro, dove nelle varie amministrazioni pullulano i c.d. “uffici complicazioni affari semplici”, tutto rischia sempre di diventare molto, ma molto più complicato di quanto in realtà dovrebbe essere.

Ma, forse, se qualcuno decide di iniziare a percorrere questa strada, prima o dopo si potrà incominciare a vedere la luce in fondo al tunnel. 

Moreno Morando

(10 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 maggio 2015
Elezioni regionali in Toscana | Il Consiglio di Stato chiude la lite tra i "leghisti".

 
 
Condividi la notizia

26 gennaio 2015
Dipartimento Affari Regionali | "Accetto la proposta del Presidente Oliverio: una sfida per il rilancio della Calabria". La Direzione del Quotidiano della P.A. ringrazia il Ministro per l'ottimo lavoro svolto augurandoLe un lavoro altrettanto proficuo in Calabria.

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Riforma Province | Collaborare con Regioni ed Enti locali per il complesso processo di riforma. Entro fine mese il riordino delle funzioni delle nuove Province.

 
 
Condividi la notizia

14 novembre 2014
Dipartimento Affari regionali | Intervento del Ministro al convegno "Le zone franche come politica di sviluppo del Mezzogiorno".

 
 
Condividi la notizia

22 novembre 2014
Dipartimento Affari Regionali | "Accelerare i processi di unione e le gestioni associate delle funzioni nei piccoli Comuni". "È in atto una radicale trasformazione del Paese. Le vecchie Province sono ormai trasformate in enti nuovi, più leggeri, al servizio dei Comuni".

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2014
Attuazione delle riforme | Firmato il Protocollo per ottimizzare l'attività di coordinamento tra Stato ed Autonomie nei processi di trasformazione derivanti dall'attuazione delle riforme.

 
 
Condividi la notizia

13 settembre 2014
Il Premier a Bari | Inaugurando la Fiera del Levante, il Presidente del Consiglio ha auspicato un Paese piu' semplice. Dura presa di posizione della Lega Nord sulle tasse.

 
 
Condividi la notizia

28 novembre 2018
CORTE COSTITUZIONALE | La Corte boccia (per la seconda volta) una legge ligure, dettata in tema di requisiti per l'esenzione.

 
 
Condividi la notizia

9 aprile 2018
TAR LAZIO | I giudici sottolineano la necessità che l'opera debba esser priva di autonomia funzionale.

 
 
Condividi la notizia

19 aprile 2015
Gestione rifiuti | Questo atto conferma il ruolo centrale e la piena autonomia dei Comuni all'interno del territorio forlivese.

 
 
Condividi la notizia

25 settembre 2019
Scuola | Le scuole, nella propria autonomia, possono considerare giustificata l'assenza degli studenti occorsa per la partecipazione alla manifestazione del 27 settembre 2019.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2015
LA BELLA ITALIA - PAESAGGIO | Il suo patrimonio artistico è immenso e fortemente legato al periodo di massima autonomia del comune e ai primi decenni del governo ecclesiastico.

 
 
Condividi la notizia

20 giugno 2014
Il mito a due ruote | Opinioni divise tra i puristi del bicilindrico Usa. LiveWire, 75 Cv e 70 Nm di coppia, avrà un autonomia di 85 km. Le batterie si ricaricheranno in due ore e mezza

 
 
Condividi la notizia

20 luglio 2014
Congresso Lega Nord | Il segretario federale della Lega Salvini e' stato prorogato nel suo incarico fino a dicembre 2016, grazie ad un ordine del giorno votato a Padova.

 
 
Condividi la notizia

28 settembre 2014
Opposizione parlamentare | Nonostante il duro confronto in atto nel partito di Matteo Renzi, le opposizioni non sembrano intenzionate a fare fronte comune per costruire un'alternativa.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.