Condividi la notizia

Opposizione parlamentare

Nel PD si litiga, ma le minoranze procedono in ordine sparso

Nonostante il duro confronto in atto nel partito di Matteo Renzi, le opposizioni non sembrano intenzionate a fare fronte comune per costruire un'alternativa.

Abbiamo trattato in lungo ed in largo l’argomento dell’aspro confronto in corso all’interno del Partito Democratico, sulla questione della riforma del lavoro. Volendo approfondire la stato delle cose sul fronte dell’opposizione parlamentare, si ha immediatamente l’idea di una situazione alquanto variegata.

Il gruppo parlamentare più consistente è quello del Movimento 5 Stelle, che non sembra ancora aver del tutto superato il trauma del risultato non soddisfacente ottenuto alle elezioni europee. Da segnalare le prese di posizione sempre più dure nei confronti dell’establishement del Paese nel suo complesso e, in particolare, contro le più alte cariche dello Stato.

Ieri, sul blog del leader Beppe Grillo, è stata postata una dichiarazione pesantissima del senatore Nicola Morra contro il Presidente della Repubblica, chiamato a testimoniare nel processo sulla c. d. “trattativa Stato-mafia”. Secondo il rappresentante pentastellato, Giorgio Napolitano “dovrebbe testimoniare in pubblico” e non “in privato nella sala ovattata del Quirinale”. Grillo, intanto, è indaffarato nella preparazione del grande raduno nazionale del  M5S, che si svolgerà ad ottobre al Circo Massimo, a Roma.

Il partito dell’opposizione più in salute sembrerebbe essere la Lega Nord, che tutti gli istituti di ricerca danno in crescita, grazie al grande consenso personale che incontra il segretario Matteo Salvini, che si piazza al secondo posto (ben lontano da Renzi), con percentuali più alte di quelle di Grillo e Berlusconi, che pure possono contare su partiti numericamente più consistenti.

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, periodicamente, lancia messaggi a tutti i possibili alleati di una ipotetica coalizione di centrodestra; ma i segnali che riceve, in realtà, non sono molto incoraggianti.  Infatti, solo il partito di Fratelli d’Italia, guidato dalla Meloni, si dichiara tutto sommato disponibile, senza porre particolari condizioni.

Il Nuovo Centrodestra di Alfano non ci pensa minimamente a rompere l’alleanza di Governo con Matteo Renzi e, questo, lo mette in rotta di collisione con la Lega Nord, tanto che i due partiti si dichiarano reciprocamente indisponibili ad alleanze comuni. Tuttavia, non è questo il problema più grosso con il quale di deve confrontare Berlusconi.

Proprio oggi, Corrado Passera -fondatore di “Italia Unica, impegnato a cercare di riunire attorno a lui tutti i moderati, per contrapporsi alla sinistra- lo ha attaccato duramente, contestando la dichiarazione con la quale (l’ex Presidente del Consiglio) aveva rivendicato che “Forza Italia è alternativa al governo renziano e che l’opposizione dei parlamentari azzurri è convinta”. Secondo l’ex Ministro del Governo Monti, al contrario, Berlusconi sta sostenendo “più o meno acriticamente le posizioni di Renzi, in ossequio al segretissimo Patto del Nazareno”.

A questo proposito, da qualche giorno il quotidiano "Libero" ha lanciato l’idea, che sembrerebbe semplicemente “fantapolitica”, di “un partito unico Renzi-Berlusconi", che vedrebbe il primo quale leader di una forza politica che dovrebbe cercare di aggregare consensi nell’area che va dal centrodestra al centrosinistra. Isolando così le ali “estreme” a destra -con la Lega, Fratelli d’Italia ed i falchi dissidenti di Forza Italia- e a sinistra -con Sel e tutti i dissidenti della minoranza PD che non accettano il programma e la leadership di Matteo Renzi.

Ad ogni buon conto, per tornare a Forza Italia, i problemi più grossi Silvio Berlusconi se li ritrova in casa. Passi per le critiche di Corrado Passera, che non ha un partito alle spalle ed al quale tutti i sondaggisti accreditano scarsissime possibilità di riuscire nell’impresa che si è proposto. La questione diventa, invece, molto  grave se le stesse critiche arrivano da un dissidente interno e popolarissimo come l’europarlamentare Raffaele Fitto.

L’ex Presidente della Giunta Regionale della Puglia, oggi in una nota ha scritto  che “l’opposizione va praticata, non solo predicata, per essere credibile”. Secondo Fitto “ora è necessario rendere l’opposizione visibile e percepibile per gli elettori, per le famiglie e per le imprese, sia in Parlamento che nel Paese, ogni giorno”.

L’attacco a Berlusconi è a tutto campo e non risparmia né l’aspetto dei contenuti programmatici, né i metodi di selezione della classe dirigente all’interno di Forza Italia, chiedendo a chiare lettere il coinvolgimento dei cittadini, per evitare che possa sorgere il dubbio che, invece, si preferisca “la cooptazione”, che prevede necessariamente la rinuncia alla ricerca “del consenso e della meritocrazia”, preferendo la strada più comoda delle “scelte calate dall’alto. Se si scegliesse quella via”, ha concluso Raffaele Fitto, “sarebbe un drammatico errore politico”.

Come si vede, la situazione interna ai partiti guidati dai protagonisti del “Patto del Nazareno” non è priva di tensioni e di aspre polemiche; ma, per la verità, Matteo Renzi sembra molto più a suo agio -rispetto ai problemi interni di Berlusconi- nel confrontarsi con una minoranza del PD che lui ama dipingere come “vecchia guardia”, perché a suo avviso si schiera sempre “a difesa del conservatorismo”.

Moreno Morando

(28 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 giugno 2014
Colpo di mano alla camera | Maggioranza battuta per 7 voti. L'emendamento della Lega al Ddl sull'Ue, nel Pd 34 franchi tiratori. Sel e M5s si astengono e favoriscono Forza Italia. L'Anm: "Norma anticostituzionale"

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2014
Riforme | Si e' svolto l'atteso incontro fra le due delegazioni per discutere di legge elettorale. PD e M5S si rivedranno per discutere di riforme costituzionali

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Palazzo Chigi | Nel loro terzo incontro il Premier ed il leader di Forza Italia si sono concentrati sulla legge elettorale.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Elezioni regionali in Toscana | Il Consiglio di Stato chiude la lite tra i "leghisti".

 
 
Condividi la notizia

3 luglio 2014
Riforme | Questa mattina si sono incontrate a Palazzo Chigi le delegazioni di PD, presente il Premier, e quella di Forza Italia guidata da Silvio Berlusconi

 
 
Condividi la notizia

8 agosto 2014
Riforme | L'Aula ha approvato con 183 voti a favore; M5S, Lega e Sel sono usciti dall'Aula. I dissidenti del PD non hanno partecipato al voto

 
 
Condividi la notizia

1 agosto 2014
Riforme | Dopo l'approvazione dell'art. 2 del "ddl riforme" il contestatissimo Presidente del Senato ha dichiarato decaduti altri 1.300 emendamenti.

 
 
Condividi la notizia

30 luglio 2014
Riforme | Sel, M5S e Lega si rifiutano di ritirare gli emendamenti, e' quindi scattato "il canguro" dopo due riunioni senza esito dei capigruppo.

 
 
Condividi la notizia

27 giugno 2014
Legge elettorale | Il deputato Massimo Corsaro di Fratelli d'Italia ha depositato presso gli uffici di Montecitorio una proposta di legge "provocatoria" per protestare contro il rifiuto di prevedere le preferenze nella legge elettorale

 
 
Condividi la notizia

13 settembre 2014
Il Premier a Bari | Inaugurando la Fiera del Levante, il Presidente del Consiglio ha auspicato un Paese piu' semplice. Dura presa di posizione della Lega Nord sulle tasse.

 
 
Condividi la notizia

16 luglio 2014
Riforme | In vista del voto sulla riforma del Titolo V e del Senato, il leader dei democratici e quello degli azzurri hanno chiesto ai loro parlamentari di tener fede all'accordo del "Nazareno"

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2014
Riforme | Nel secondo confronto fra le delegazioni del PD, presente Matteo Renzi, e del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio ha sottoposto ai democratici una nuova ed articolata proposta.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2014
Riforme | Sono proseguiti i duri scontri in Senato dopo la decisione di tagliare 1.400 emendamenti . Tiene il "Patto del Nazareno" tra il Premier e Berlusconi

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2014
DELL'UTRI IN CARCERE | L'ex senatore di Forza Italia condannato a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa recluso nel reparto che ospitava Provenzano e che oggi ospita Totò Riina

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2014
Caso Ruby | I Giudici di secondo grado hanno completamente ribaltato il verdetto del Tribunale, che aveva condannato il leader di Forza Italia a sette anni di reclusione.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.