Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Per la corruzione elettorale basta la sola promessa

Qualsiasi cittadino, anche senza l'intervento del candidato politico, può commettere il reato di corruzione elettorale.

Due collaboratori di giustizia, esponenti di spicco in una cosca 'ndranghetista, avevano riferito agli inquirenti che l'indagato aveva organizzato nel proprio studio due incontri per procurare voti elettorali ad un candidato alle elezioni calabresi. Nel corso degli incontri, peraltro, i due malavitosi avevano conosciuto anche il candidato al quale erano stati presentati come amici che potevano aiutarlo nella campagna elettorale.

Dalle dichiarazioni emergevano le finalità agevolative perseguite dall'indagato nell'organizzare e nel dirigere l'incontro, ma non consentivano di ritenere integrato il reato a carico del candidato alla competizione elettorale in quanto non veniva provato che quest'ultimo nel partecipare alla riunione avesse promesso ai suoi interlocutori benefici o altre utilità.

Entrambi i collaboratori avevano riferito che era stato il solo indagato, in separata sede ed in assenza del politico, ad esplicitare che era necessario attivarsi in favore del candidato per ottenere appalti e commesse nel settore della sanitá.

Il reato ascritto al ricorrente e' quello di corruzione elettorale previsto dall’art. 86 d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570 che dispone: "chiunque, per ottenere, a proprio od altrui vantaggio, la firma per una dichiarazione di presentazione di candidatura, il voto elettorale o l’astensione, dà, offre o promette qualunque utilità ad uno o più elettori, o, per accordo con essi, ad altre persone, è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e con la multa da lire 3.000 a lire 20.000, anche quando l’utilità promessa sia stata dissimulata sotto il titolo di rimborso spese o servizi elettorali. La stessa pena si applica all’elettore che, per dare o negare la firma o il voto, ha accettato offerte o promesse o ha ricevuto denaro o altra utilità."

L'indagato veniva raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere contro la quale ha proposto ricorso in Cassazione sostenendo che, ai fini dell'integrazione del reato, e' necessaria la presenza del politico e del destinatario, essendo a suo avviso impossibile che unico responsabile venga individuato nell'intermediario e, quindi, sarebbe necessaria la presenza di almeno due persone.

La Prima Sezione della Corte di Cassazione con la sentenza depositata in data 11 agosto e' intervenuta, quindi, a chiarire se il reato di corruzione elettorale possa essere commesso da un solo soggetto o sia necessaria la partecipazione di colui che si presenta alla competizione elettorale.

La Suprema Corte ha risolto il quesito precisando che il delitto previsto dall’art. 86 d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570 - integrante un’ipotesi di cosiddetta “corruzione elettorale” - non è un reato a concorso necessario e, quindi, per la sua configurabilità è sufficiente la sola promessa di utilità da parte del corruttore, la quale si atteggia come promessa del fatto del terzo e, conseguentemente, impegna solo chi la effettua.

La norma contempla due distinte ipotesi criminose: l'una a carico del candidato o di chi agisca a suo vantaggio, il quale per procurarsi il voto od altro vantaggio elettorale offre o promette agli elettori utilità di qualsiasi natura; l'altra a carico dell'elettore il quale per rendere favori elettorali accetta denaro od altra utilità.

Mentre il reato di corruzione in generale e' configurabile in presenza di un pubblico ufficiale, la corruzione elettorale e' un delitto comune che può essere commesso da chiunque. Infatti, anche se in molti casi può essere lo stesso soggetto politico candidato alle elezioni che realizza personalmente la condotta criminosa, nulla esclude che l'intervento correttivo sia posto in essere da un qualsiasi cittadino, che abbia un interesse proprio ad influenzare la competizione elettorale. Nel primo caso il candidato agirà a proprio vantaggio, nel secondo caso l'intervento sarà attuato a vantaggio altrui.

Sulla base di tali premesse la Corte ha rigettato la tesi del ricorrente il quale pretendeva affermare che l'intervento del politico e' sempre necessario per adempiere l'utilità promessa quando questa consista nell'aggiudicazione di appalti.

Per realizzare il reato, precisa la Corte, e' sufficiente la sola promessa di utilità e, quella del corruttore si atteggia come promessa del fatto del terzo che impegna solo chi la effettua. E', pertanto, corretta l'applicazione della norma al ricorrente che aveva organizzato nel proprio studio due incontri con esponenti di una cosca al fine di procurare il voto elettorale ad un candidato alle elezioni regionali promettendo in cambio utilità.

Enrico Michetti

Fonte: Corte di Cassazione

La Direzione

(17 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 dicembre 2014
Consiglio dei Ministri | Aumentate le pene del delitto di corruzione propria anche per aumentare i tempi di prescrizione del reato. Migliorato lo strumento della confisca allargata. Patteggiamento solo con restituzione del profitto del reato.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2016
Corte di Cassazione | La sentenza della Quinta Sezione della Suprema Corte n. 35019 del 18 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

31 luglio 2016
Corte di Cassazione | Ogni singolo elettore può promuovere l'azione penale, può costituirsi, in qualità di persona offesa, parte civile nei processi e può opporsi alla richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero. La sentenza della Terza Sezione Penale n. 33040 del 28 luglio 2016.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nelle sentenze n. 11368, 11370 del 2016.

 
 
Condividi la notizia

2 ottobre 2014
REATI CONTRO LA FEDE PUBBLICA | La Corte di Cassazione torna a pronunciarsi sulla successione di norme extrapenali.

 
 
Condividi la notizia

18 novembre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 15 novembre 2018.

 
 
Condividi la notizia

18 marzo 2018
Pubblica amministrazione | I principi sanciti dalla Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 22 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2016
Abolitio criminis | La soglia di rilevanza penale stabilita dall'art. 3 d.lgs. 15/1/2016 n. 8 nella sentenza della Corte di Cassazione n. 11376/2016.

 
 
Condividi la notizia

16 febbraio 2017
Corte di Cassazione | Offesa all'onore di consiglieri comunali. La scriminante dell'esercizio del diritto di critica politica. La sentenza della Suprema Corte del 10.2.2017.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2015
Infiltrazioni mafiose | È sufficiente che sussista, per colpa dello stesso amministratore, una situazione di cattiva gestione della cosa pubblica, aperta alle ingerenze esterne e asservita alle pressioni delle associazioni criminali. La sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.