Condividi la notizia

REATI CONTRO LA FEDE PUBBLICA

La detenzione di "Lire" contraffatte é ancora reato

La Corte di Cassazione torna a pronunciarsi sulla successione di norme extrapenali.

La Lira sembra un ricordo ma invece non lo è, ancora oggi detenere banconote contraffate o alterate integra il reato previsto all’art. 455 del Codice penale, rubricato “Spendita e introduzione nello Stato, senza concerto, di monete falsificate”

La vicenda in esame ne è una conferma. Il Signor F.M. era stato condannato, sia in primo grado che in Corte d’Appello,  alla pena di anni uno e mesi otto di reclusione per il reato di cui all’art. 455 c.p. Egli aveva acquistato banconote false del taglio da £ 10.000, per un importo complessivo di £ 3.000.000. Ad incastrarlo erano state le dichiarazioni accusatorie di altri due soggetti, uno separatamente giudicato riferiva di aver ceduto all’imputato all’interno della pizzeria dell’imputato le banconote contraffatte, ricevendone in cambio buoni pasto; l’altro collaboratore di giustizia confermava di aver assistito a questo episodio.

Imperterrito l’imputato proponeva ricorso in Cassazione, a parer dei suoi difensori la lira non è più in circolazione, ha perso quindi la qualità di moneta avente corso legale e pertanto il fatto non costituisce più reato.

I giudici della Quinta sezione non sono stati dello stesso parere e con la sentenza n. 39813, depositata il 25 settembre 2014 hanno affermato che “la detenzione di banconote in lire contraffatte continua ad integrare i reati previsti dagli artt. 455 e 453 cod. pen., pur dopo la “prescrizione” a favore dell’Erario dei biglietti e delle monete ancora in circolazione prevista dall’art. 26 del d.l. n. 201 del 2011 (conv. in l. n. 214 del 2011), trattandosi di norma extrapenale non integratrice del precetto penale”.

La lira – motivano la sezione -  ha conservato per un periodo decennale la nozione di mezzo di pagamento con efficacia liberatoria fino alla sua conversione nella nuova valuta (l’euro) riconosciuta dall’ordinamento; dal 7 dicembre 2011 precisamente, con l’art. 26 del D.L. 201/2011 ha cessato qualsiasi funzione di mezzo di pagamento.

La vicenda  riporta in evidenza l’annosa questione della successione di norme extrapenali. La Cassazione più volte ha chiarito gli effetti che può determinare sul trattamento penale la modificazione di una norma extrapenale e se tale modificazione si risolva sempre in un fenomeno di successione di leggi penali ai sensi dell’art. 2 c.p. (vedi sentenza S.U. del 26 marzo 2003, n. 25887 - Giordano). Le norme extrapenali – afferma la Corte - “non svolgono tutte la stessa funzione e perciò occorre operare, come detto una distinzione tra le norme integratrici della fattispecie penale e quelle che tali non possono essere considerate, sicché la modifica di un elemento normativo di natura extrapenale assume effetto retroattivo, solo se il medesimo integri la fattispecie penale, in tal modo venendo a partecipare della natura di questa”.

In particolare, si è dovuto stabilire se la “prescrizione” della lira italiana abbia inciso sulla fattispecie dell’art. 455 c.p., con effetto retroattivo, ovvero abbia solo dato luogo a una modificazione della situazioni di fatto, che ha reso non più lecita la detenzione di banconote in lire contraffatte. L’ultima ipotesi – secondo quanto affermato dai giudici sembra essere la più aderente.

Nel caso in esame è da escludere che l’art. 26 del D.L. 201/2011 conv. in L. 22 dicembre 2011, n. 214 – che ha sancito la prescrizione delle banconote, dei biglietti e delle monete in lire ancora in circolazione e quindi comportato l’impossibilità della conversione delle lire in euro – “costituisca una norma integratrice della fattispecie penale, non avendo funzione definitoria e non sostituendo idealmente la parte della disposizione penale che la richiama, rimanendo il reato tipizzato unicamente dalle norme penali di cui all’art. 455 e 453 n. 1 c.p. Il cambiamento avvenuto nella normativa extrapenale, modificando il contesto giuridico di “valenza” della lira, ha determinato solo una diversità del fatto e non certamente della fattispecie”.

 

Gianmarco Sadutto

(2 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

21 novembre 2016
Opportunità | Indetta la procedura per la selezione di tirocini formativi per il periodo 10 gennaio 2017 - 10 luglio 2018 presso le Sezioni civili penali della Corte.

 
 
Condividi la notizia

13 novembre 2014
Ministero della Giustizia | Dal 12 novembre è partita presso la Suprema Corte la sperimentazione dell'invio telematico delle comunicazioni di cancelleria nel settore civile, mediante posta elettronica certificata.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Fiscalità Enti Locali | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 8 luglio 2015 n. 14226.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2016
Reati contro la P.A. | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2017
Suprema Corte | Nessuna depenalizzazione del reato di disturbo della quiete pubblica. La sentenza del 14 febbraio 2017.

 
 
Condividi la notizia

30 settembre 2015
Giurisprudenza | La formula di Frank nei parametri che fanno ritenere dolosa la condotta dei pirati della strada che provocano incidenti mortali.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2016
Sanzioni disciplinari | Il caso di un dipendente comunale licenziato per due giorni di assenza non giustificata. La proporzionalità nella sentenza n. 17355 del 25 agosto 2016.

 
 
Condividi la notizia

28 settembre 2015
Energia ed Ambiente | Per il Presidente del Consiglio Regionale lucano Lacorazza si tratta di un "fatto di grande rilevanza, al di là del colore politico delle amministrazioni regionali".

 
 
Condividi la notizia

15 ottobre 2014
Ambiente | L'aria predisposta al raccoglimento di rifiuti ingombranti è uno "stabilimento pubblico". Si deve procedere anche in assenza di querela.

 
 
Condividi la notizia

16 aprile 2015
Fiscalità | L'impossibilità di edificare esclude il pagamento. La sentenza della Sezione Quinta Tributaria n. 5992 del 25.03.2015.

 
 
Condividi la notizia

2 dicembre 2015
Tutela del terzo | La Suprema Corte rinforza la responsabilità del datore di lavoro nella sentenza n. 44793/2015.

 
 
Condividi la notizia

28 novembre 2015
Energia ed ambiente | Lacorazza: "un buon punto di partenza, attendiamo fiduciosi il giudizio di ammissibilità della Corte Costituzionale".

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2016
Suprema Corte | Le frasi incriminate "Fattucchieri, maghi e guaritori" "ve la faccio pagare" e "vi lancio i vasi dal balcone".

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2016
Tributi locali | I principi sanciti nella sentenza n. 13997 pubblicata l'8 luglio 2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.