Condividi la notizia

"Denaro sporco"

Cgia: "il sommerso criminale in Italia vale 170 miliardi l'anno"

L'Ufficio Studi dell'Associazione Artigiani di Mestre ha elaborato il suo rapporto anche sulla base dei dati forniti dalla Banca d'Italia

Il 9 luglio scorso il “Quotidiano della P.A.” ha pubblicato un articolo intitolato “Allarme della Banca d’Italia : segnalate operazioni sospette per 84 miliardi”. Si trattava delle segnalazioni pervenute negli ultimi anni all’Unità di informazione finanziaria (Uif) della Banca d’Italia. Operazioni ambigue denunciate da intermediari finanziari (banche, ma non solo), riguardanti per la gran parte “attività di riciclaggio”.

L’Ufficio Studi della Cgia di Mestre si è avvalsa anche di questo rapporto redatto dalla Uif per studiare a fondo il fenomeno e lanciare in conclusione un vero e proprio allarme, sottolineando che “l’economia criminale in Italia vale 170 miliardi l’anno”. Ne danno notizia Repubblica.it e adnkronos.

Il segretario Giuseppe Bortolussi ha precisato che si tratta di un’elaborazione dell’Ufficio Studi sulla base dei dati forniti da Bankitalia, con la precisazione che la nostra banca centrale -secondo le indicazioni stabilite dall’Ocse- non comprende i proventi da furti, rapine, usura ed estorsioni.

Mentre sono inserite le transazioni illecite, derivanti da accordi tra venditore e acquirenti, in relazione ai reati di contrabbando, prostituzione  gioco d’azzardo, ricettazione, traffico di stupefacenti, smaltimento illegale di rifiuti, ricettazione ed altro.

Bortolussi precisa che la stima della Cgia fa riferimento alla testimonianza fornita al Parlamento da Anna Maria Tarantola (ora presidente della Rai), che quantificò il valore presunto del “sommerso criminale” nel nostro Paese.

Questo approfondimento dell’Ufficio Studi degli Artigiani di Mestre, oltretutto, arriva proprio a pochi giorni dall’introduzione del nuovo metodo europeo denominato “Esa 2010”, in base al quale l’Istat, da settembre, dovrà inserire -ai fini del calcolo del prodotto interno lordo- anche la stima presunta delle attività illegali, di cui più volte abbiamo trattato sul nostro quotidiano.

Secondo le previsioni, si tratterebbe di importi variabili tra i 16 ed i 32 miliardi; ma il quotidiano “Il Foglio” ha invece sottolineato che le somme saranno molto meno significative. Al contrario, ora, la Cgia di Mestre sostiene che le cifre derivanti dalle attività criminali sarebbero molto, ma molto più consistenti; anche se va nuovamente evidenziato che non tutte le voci del sommerso criminale potranno essere calcolate in base ai parametri di “Esa 2010”.

Bortolussi ricollega l’aumento spropositato delle denunce ricevute tra il 2009 ed il 2013 dall’Uif della Banca d’Italia, con la necessità -da parte delle organizzazioni criminali- di reinvestire i loro proventi nell’economia legale.

Quanto alla effettiva incidenza di queste attività illegali sul nostro Pil, non ci resta che attendere i dati che l’Istat dovrebbe comunicare dopo il 20 di settembre.

Moreno Morando

(30 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 luglio 2014
"Denaro sporco" | L'Unita' di informazione finanziaria (Uif) di Bankitalia, nel suo primo rapporto annuale ha evidenziato che sono pervenute 65.000 segnalazioni, riguardanti nella quasi totalita' operazioni di riciclaggio, anche "ascrivibili a persone politicamente esposte".

 
 
Condividi la notizia

8 ottobre 2015
Gazzetta Ufficiale | Il Provvedimento determina gli indicatori di anomalia per individuare le operazioni sospette da parte degli uffici della pubblica amministrazione.

 
 
Condividi la notizia

7 novembre 2014
Governatore di Bankitalia | Nel corso di un intervento a Milano, il numero uno di via Nazionale ha evidenziato che un sistema creditizio sano e prudente costituisce una barriera contro la criminalita'.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2014
Documento di Economia e Finanza | E' questo il "botto" preannuciato da Renzi: con il nuovo sistema di calcolo del Pil rientreremo nei parametri del Patto di Stabilitá.

 
 
Condividi la notizia

25 agosto 2014
"Sblocca Italia" | L'attesissimo provvedimento che dovrebbe spingere l'economia con una serie di misure per il rilancio dell'edilizia e' ancora all'esame di via XX Settembre

 
 
Condividi la notizia

9 settembre 2014
Nuovo calcolo del PIL | E' entrato in vigore il nuovo metodo di calcolo, che comprende anche le attivita' illegali, e che corrisponde all'1% del prodotto interno lordo.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.