Condividi la notizia

Caso mose

Galan: "Su di me molte fesserie e le peggiori infamie".

I Pm contestano movimenti per 50 milioni. L'ex governatore non viene ascoltato dai giudici e convoca una conferenza stampa: tante omissioni della Gdf, io non ho colpe. Sulla richiesta di arresto: confido che la Giunta leggerà tutte le carte.

“Non mi sento perseguitato né tradito ma sono convinto che la Guardia di Finanza abbia fatto un lavoro modesto e scadente, tale da indurre in errore il giudice”. L'ex governatore del Veneto e deputato di Forza Italia Giancarlo Galan, ha depositato una memoria difensiva in Giunta alla Camera, poi ha convocato una conferenza stampa per fornire all'opinione pubblica la sua versione dei fatti sull'inchiesta sul Mose: “Non ho le colpe che mi vengono attribuite” dice mostrando documenti, tabelle, foto e sostenendo che nei suoi confronti “vi sia stato fumus persecutionis”.

Per gli inquirenti però esisterebbero “cospicue operazioni commerciali nel Sud Est asiatico”. Un giro di affari per 50 milioni di dollari, e di cui sarebbero state trovate tracce nei documenti (ma sembra che ci siano anche alcune intercettazioni ambientali e telefoniche) in possesso del presunto prestanome Paolo Venuti (fermato all'aeroporto di Venezia mentre stava per partire per l'Indonesia) e che condurrebbero direttamente alla famiglia Galan e per questo i pm hanno richiesto al Gip gli arresti. Prima della conferenza stampa gli avvocati di Galan, Antonio Franchini e Niccolò Ghedini, avevano affermato che “la notizia di presunti interessi economici in Indonesia dell'onorevole Galan attraverso la società 'Thema Italia Spa' è stata puntualmente smentita, documentalmente e testimonialmente, sia dall'imprenditore Roberto Bonetto che dal suo legale Avv. Piero Belloni Perresutti”. Galan appare amareggiato quando dice: “Chiedevo che i magistrati mi ascoltassero e che fossero i primi a farlo, nel 2013 quando sono stati arrestati i miei attuali accusatori e volevo che mi ascoltassero all'inizio di questa vicenda. Non hanno voluto farlo e ora sono qui”.

Poi sul presunto sistema delle mazzette: “In 160 mila pagine di inchiesta non c'è uno che dica che mi ha messo in mano mille euro - ha insistito Galan - Io mi sono fatto un'idea: qualcuno quei soldi se li è presi. Avete capito come funziona? Baita fa una fattura falsa a San Marino, la Minutillo parte e gli porta i soldi, come facevo ad accorgermi? Comunque nessuno dice che mi ha dato una lira”.

Quindi sul suo “patrimonio accumulato prima di diventare presidente della Regione Veneto, nessuno ne tiene conto, tanto meno la Guardia di Finanza. La somma fiscale netta delle mie entrate dal 1987 dal 1991 è stata di un milione e 326mila euro. Sono gli anni che sono esclusi dalla sommatoria della Gdf. Ero un dirigente di una società privata che fatturava miliardi di lire, non un negozietto”. Quindi smentisce di avere 18 conti correnti e di avere interessi in Indonesia sul gas: “Io ho un attivo di 702 mila e rotti euro, non sono nato entrando in politica eppure del patrimonio accumulato prima nessuno ne tiene conto, soprattutto la Guardia di Finanza” che calcolerebbe solo l'imponibile da quando “sono in politica. E' l'unica voce che la Gdf mette a mio carico, ma si dimentica altre voci che sono il 70-80% del reddito. Quanto agli interessi nascosti in Indonesia, io non sapevo neppure che in Indonesia ci fosse del gas, a me del gas in Indonesia non me ne frega proprio niente”.

Quindi rivolto ai giornalisti che avrebbero scritto “le peggiori infamie. Io so che il politico è un mostro, ma mi aspettavo più rispetto nei confronti miei e della mia famiglia”.

Sul manager Piergiorgio Baita che lo accusa: “È un uomo di intelligenza elevatissima, ma di un cinismo feroce, uno davvero capace di tutto e ha un limite preciso: la presunzione. Si ritiene troppo più intelligente di chiunque altro. Ora è tornato a lavorare, nello stesso settore, fa l'uomo copertina in alcune interviste settimanali, ha patteggiato per quei reati. Si direbbe un fenomeno, un fenomeno del male, se non ci fosse qualche altro valore nella vita”.

Sulla la richiesta di arresto nei sui confronti, Galan si dice “fiducioso sul fatto che la Giunta per le autorizzazioni della Camera leggerà bene i documenti. Fino a prova contraria, credo sempre nella buona fede delle persone. Voglio sperare si leggano bene la carte”.

Poco dopo la conferenza, al termine di una seduta durata oltre 10 ore, il consiglio comunale di Venezia, travolto dalla vicenda Mose e privo del sindaco che non si è presentato, è stato sciolto dopo che 24 consiglieri di maggioranza hanno rassegnato contemporaneamente le dimissioni. Il pubblico ha interrotto più volte i lavori al grido di “dimettetevi”.

Giuseppe Bianchi

(24 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

11 luglio 2014
Scandalo MOSE | Mose e corruzione: sedici voti a favore, tre contro e un astenuto. L'Aula di Montecitorio dovrà ora esprimersi martedì prossimo

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Corruzione | 35 arresti per tangenti per il MOSE, in carcere anche il sindaco della città e richiesta di custodia cautelare per l'ex presidente della Regione Galan.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2014
SCANDALO MOSE | La Presidenza di Montecitorio ha accolto la richiesta dell'ex ministro di posticipare il voto sulla richiesta di arresto nell'ambito dello scandalo corruzione sui lavori del Mose di Venezia

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2014
Corruzione | Dopo l'arresto del generale in pensione Spaziante nell'ambito dell'inchiesta sul Mose la Procura di Napoli ordina l'arresto del comandante di Livorno Mendella

 
 
Condividi la notizia

7 giugno 2014
Tangenti in Laguna | Il Presidente dell'Autorita' anticorruzione Cantone, l'ex PM di Venezia Felice Casson ed il Procuratore Aggiunto Carlo Nordio intervengono a vario titolo sullo scandalo che ha sconvolto la citta' lagunare

 
 
Condividi la notizia

22 luglio 2014
Scandalo Mose | L'Assemblea si e' espressa a larga maggioranza, accogliendo le richieste avanzate dai magistrati veneziani che indagano sullo scandalo Mose

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2014
Colpo di mano alla camera | Maggioranza battuta per 7 voti. L'emendamento della Lega al Ddl sull'Ue, nel Pd 34 franchi tiratori. Sel e M5s si astengono e favoriscono Forza Italia. L'Anm: "Norma anticostituzionale"

 
 
Condividi la notizia

20 dicembre 2015
Manovra economica | Il provvedimento ora torna all'esame dell'altro ramo del Parlamento.

 
 
Condividi la notizia

2 febbraio 2015
Guardia di Finanza | I finanzieri del Comando Unità Speciali della Guardia di Finanza di Roma hanno eseguito arresti e perquisizioni disposti dalla Procura della Repubblica capitolina. Nell'articolo il video.

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2014
Ucraina | E' accaduto a Kiev, davanti al Parlamento. Un deputato contestato dalla folla che continua a protestare a Piazza Maidan è stato preso e con grande gentilezza... adagiato in un cassonetto dei rifiuti.

 
 
Condividi la notizia

30 novembre 2014
Parlamento | I disegni di legge passano ora all'esame dell'altro ramo del Parlamento.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Lotta all'evasione | Rinnovata la convenzione tra Equitalia e fiamme gialle. Accertamenti per debiti erariali sopra i 100.000 euro

 
 
Condividi la notizia

11 febbraio 2015
Mef | La Commissione Finanze della Camera, nell'ambito dell'indagine conoscitiva, ha ascoltato in audizione la dottoressa Maria Cannata, Capo della Direzione Debito pubblico.

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2014
Dubbi di costituzionalità | Zaia: "una riforma allucinante ed aberrante". Conferito dalla Giunta Regionale apposito mandato all'Avvocatura per impugnare la legge n. 56/2014.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Reati contro la P.A. | Modificata la legge Severino. Introdotti obblighi informativi a carico delle Stazioni appaltanti e dei giudici amministrativi.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.