Condividi la notizia

Governo del Territorio

E' finita l'era dell'esclusiva universitaria su incarichi e consulenze: via libera agli ingegneri

Il Consiglio di Stato bacchetta il Comune di Brescia sul nuovo Piano di Governo del Territorio. Il bando per l’'affidamento dell'incarico non potrà più essere riservato ai soli Istituti Universitari.

Giustizia è fatta per gli ingegneri Lombardi.

Ora il Comune di Brescia non potrà più escluderli dal partecipare al bando per il nuovo progetto del territorio.

La questione, sulla quale si è pronunciata in via incidentale anche la Corte di Giustizia Europea, si è conclusa positivamente per gli Ordini degli Ingegneri lombardi che hanno visto accolto l’appello innanzi al Consiglio di Stato. Niente più discriminazioni e falsamento della concorrenza: chi ha le carte in regole e le competenze adeguate deve essere libero di partecipare al bando.

Così il Giudice Amministrativo ha chiuso la vicenda con sentenza del 23 giugno, annullando gli atti che riguardavano l’affidamento dell’incarico di studio e consulenza all’Università di Pavia con esclusione degli studi di ingegneria e progettazione urbanistica.

L’avviso di selezione disponeva, in modo illegittimo, che fossero gli Istituti Universitari i più adatti a garantire, in ragione del carattere multidisciplinare della loro organizzazione e delle loro strutture scientifiche, un livello di attività di studio, consulenza e coordinamento adeguato.

Tutti i migliori e prestigiosi studi di ingegneria erano fuori, a prescidere.

Così quasi tutti gli ordini degli ingegneri della Lombardia sono insorti nel vedere così manifestamente violato il loro diritto a concorrere per l’affidamento di un lavoro di progettazione così imponente.

I ricorrenti, prima con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, poi innanzi al giudice amministrativo, hanno dedotto, in particolare, la violazione dei principi generali in materia di affidamento di incarichi di servizi, ai sensi della normativa nazionale e comunitaria.

In primo grado il Tar, facendo richiamo ad alcune sentenza della CGCE ed all’art. 15 della legge sul procedimento amministrativo, aveva rigettato il ricorso sul rilievo che nel nostro ordinamento è possibile stipulare accordi a titolo oneroso tra amministrazioni pubbliche quando l’obiettivo è disciplinare lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune.

Gli Ordine degli ingegneri, che non si sono dati per vinti, hanno proposto appello deducendo ancora la violazione del codice dei contratti pubblici di appalto.

Il Consiglio di Stato, rilevata la delicatezza del caso e la presenza di questione interpretativa pregiudiziale, nel 2011 ha rimesso alla Corte di Giustizia UE la causa chiedendo di valutare se l’affidamento all’Università, senza procede a gara pubblica, fosse compatibile con l’ordinamento Europeo.

Il problema di fondo risiedeva nel fatto che, pur essendo un ente pubblico, l’università è ritenuta nella direttiva sugli appalti pubblici (per settori ordinari) anche operatore economico, quindi soggetto alle regole sulla concorrenza.

La CGCE, inquadrata la problematica, ha rinviato nuovamente al giudice nazionale per l’accertamento del rispetto delle condizioni essenziali previste dalla normativa Europea.

Al di là del fondamento scientifico, ha detto la Corte sovranazionale, le attività di studio e progettazione sono oggettivamente ascrivibili a servizi tipici delle professioni di ingegnere ed architetto, il che avrebbe escluso l’adempimento di una funzione di servizio pubblico comune all’ente locale e all’Università.

Secco allora il giudice di Palazzo Spada al quale è stata demandata la decisione: riguardo la natura delle attività dedotte in contratto è esclusa la configurabilità di una cooperazione tra enti pubblici finalizzata a garantire l’adempimento di una funzione di servizio pubblico comune a questi ultimi.

Niente di più di contratto con natura privatistica, per di più violando le regole concorrenziali.

E’ vero, la cooperazione tra enti pubblici può e deve sussistere ma deve avere alcuni tratti distintivi che nel caso in esame erano assenti.

Necessario, dice il giudice, è che la collaborazione verta sul carattere comune dell’attività che svolgono gli Enti e che, in un ottica Europea, l’accordo riguardi attività non deducibili in contratti di diritto privato. È inoltre essenziale una pari dignità tra gli Enti che si accordano, non al fine di comporre un conflitto di interessi di carattere patrimoniale, bensì di coordinare i rispettivi ambiti di intervento su oggetti di interesse comune attraverso una “sinergica convergenza”.

È proprio questa convergenza a difettare, afferma oggi il giudice, perché la prestazione di consulenza scientifica e tecnica soddisfava solo l’esigenza del Comune di pianificazione del territorio.

Il motto “l’unione fa la forza” non è esattamente applicabile quando di parla di servizi pubblici.

Un conto è che gli enti hanno stessi obiettivi perseguibili solo attraverso la pubblica collaborazione, un conto è mascherare una prestazione di consulenza astrattamente reperibile presso soggetti privati.

L’Università di Pavia in questo caso ha assunto, con violazione della concorrenza, la veste di operatore economico privato.

Il servizio, seppur necessitato dal carattere scientifico, opera in una logica di scambio economico che in alcun modo legittima l’esclusione di intere categorie di professionisti.

Ora un nuovo bando dovrà essere indetto e stavolta senza più restrizioni ingiustificate. Sotto a chi tocca.

Luca Tosto

(24 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

22 aprile 2015
Consiglio di Stato | Piena legittimità, se nei contratti, convenzioni od intese il corrispettivo è forfettario a copertura delle spese vive sostenute. Il parere del Presidente Santoro del 22.4.2015 n. 1178.

 
 
Condividi la notizia

4 marzo 2016
Consiglio dei Ministri | Via libera in esame preliminare al decreto legislativo di attuazione delle direttive europee. La sintesi e le slide.

 
 
Condividi la notizia

20 ottobre 2016
Anac | Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2016 il Regolamento con il nuovo iter procedimentale.

 
 
Condividi la notizia

2 aprile 2016
Riforma | C'è tanto da riscrivere a partire dal nome di battesimo. "I tempi stretti di redazione hanno comportato inevitabili refusi, incoerenze e difetti". I punti principali del parere 1 aprile 2016, n. 855.

 
 
Condividi la notizia

23 febbraio 2016
Contratti pubblici e concessioni | La vigente normativa sarà radicalmente modificata entro il 18 Aprile 2016. Alcune norme sono già di immediata applicazione. La sintesi sulle attese novità.

 
 
Condividi la notizia

5 maggio 2016
Regime transitorio | L'Anac ritorna sui suoi passi e tutela la buona fede delle stazioni appaltanti.

 
 
Condividi la notizia

13 aprile 2016
Giustizia Europea | La Corte di Giustizia Europea sul problema della violazione del diritto d'autore nell'ambito dei siti internet.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2014
Corte di Giustizia Europea | È discriminatorio fissare limiti di età nell'accesso ai concorsi. Lo ha stabilito con sentenza C-416/13 la Corte di Giustizia europea, esprimendosi sulla legge del Principato delle Asturie che fissa a 30 anni l'età massima di assunzione degli agenti della polizia locale.

 
 
Condividi la notizia

12 aprile 2016
Contratti pubblici | Il parere reso dalla Commissione Lavori Pubblici del Senato sullo schema di decreto legislativo.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2015
Anticorruzione | Pubblicati gli esiti delle verifiche nei comuni capoluogo di provincia. On line le tabelle di monitoraggio.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2016
Convegno Consip | Operativo un network dedicato alla governance in materia di appalti pubblici.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2014
Lotta alla criminalità | Il Consiglio di Stato estende anche agli appalti di importo inferiore alla soglia comunitaria la possibilità di richiedere l'interdittiva antimafia.

 
 
Condividi la notizia

2 gennaio 2015
Gazzetta Ufficiale | È consentito all'Autorità, in sede di audizione delle parti, formulare una proposta di risoluzione della controversia. Conseguenze in caso di mancata partecipazione al procedimento, senza giustificato motivo.

 
 
Condividi la notizia

19 settembre 2015
Consiglio dei Ministri | In questo modo la materia sarà disciplinata dalla Legge 146/1990 sull'esercizio del diritto di sciopero. Approvata anche la Nota di Aggiornamento al DEF.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.