Condividi la notizia

Corte dei Conti

Le aziende partecipate costano allo Stato 26 miliardi

Gli esiti dell'analisi sul Rendiconto generale dello Stato. La lotta alla corruzione non giustifica la soppressione di regole e controlli. Sulle aziende speciali manca trasparenza e serio riordino.

Sono 7.500. Di queste, 50 sono partecipate dallo Stato e 5.258 dagli enti locali, poi ci sono altri 2.214 organismi di varia natura (consorzi, fondazioni ecc...) che contribuiscono a non rendere definitivo il dato in quanto le società partecipate sono soggette a frequenti modifiche dell'assetto societario. Allo Stato italiano costerebbero qualcosa come 26 miliardi di euro.

La Corte dei Conti, nella relazione sul Rendiconto generale dello Stato 2013 illustrata dal presidente di coordinamento delle Sezioni riunite in sede di controllo, Enrica Laterza sottolinea che “il fenomeno degli enti, agenzie, fondazioni, società ed organismi, comunque denominati e di qualsiasi natura giuridica, facenti capo alle Amministrazioni centrali e territoriali merita un approfondimento. A partire dal 2001, le leggi finanziarie annuali hanno sistematicamente introdotto disposizioni per il riordino di tali enti affrontando, tuttavia, il tema sotto il profilo meramente finanziario, privilegiando immediati effetti in termini di tagli di spesa. E’ mancata invece una riflessione sulle linee strategiche di riordino sostenuta da un’approfondita ricognizione dei settori di intervento, delle funzioni e delle risorse ad essi dedicate. La rilevanza del fenomeno, emersa dai primi risultati della ricognizione effettuata dalla Corte dei conti nel recente Rapporto di coordinamento della finanza pubblica, incide sulle politiche di revisione della spesa delle Amministrazioni che hanno fatto maggior ricorso a tale modulo organizzativo. Nella stessa logica, un’attività di profonda razionalizzazione richiede il quadro delle società strumentali partecipate dalle Amministrazioni statali nel cui ambito andrebbe attentamente valutata, da un lato, la funzione strategica e l’essenzialità delle partecipazioni e, dall’altro, il rapporto tra le funzioni esercitate e quelle tipiche dell’Amministrazione di riferimento. La compresenza, infatti, di strutture ministeriali e società partecipate, quando non sia finalizzata a fornire ben identificati servizi alla collettività, non consente di distinguere con immediatezza i rispettivi ambiti di competenza, duplicando, talvolta, costi e funzioni”.

Il procuratore generale Salvatore Nottola riferisce che il movimento finanziario indotto dalle società partecipate dallo Stato, costituito dai pagamenti a qualsiasi titolo erogati dai Ministeri nei loro confronti ammonta a 30,55 miliardi nel 2011, 26,11 miliardi nel 2012 e 25,93 nel 2012; il 'peso' delle società strumentali sul bilancio dei Ministeri è stato di 785,9 milioni nel 2011, 844,61 milioni nel 2012 e 574,91 milioni nel 2013; quanto agli enti partecipati dagli enti locali, un terzo è in perdita). Questo aspetto richiederebbe una assoluta trasparenza del fenomeno ma la realtà è diversa: anzitutto, soltanto nel dicembre 2013 il MEF ha reso il 'Rapporto sulle partecipazioni statali' (richiesto dall’art.2, comma 222, della legge 191 del 2009), peraltro riferito al 31 dicembre 2011. Quanto alle partecipazioni degli enti locali, è stato rilevato che i dati disponibili all’attualità non coprono 'l’universo degli organismi partecipati' pur consentendo approfondimenti successivi. Ciò è peraltro spiegabile: si tratta di enti che hanno un assetto talvolta mutevole e vicende spesso complesse: ad esempio, le società partecipate dallo Stato a loro volta 'partecipano' ad altre 526 società, dette di secondo livello. Gli aspetti contabili – conclude Nottola - sono spesso oscuri”.

In un altro passaggio della relazione il procuratore generale aggiunge: “Le considerazioni possibili, da quanto si è detto, sono che gli interventi diretti a comprimere la spesa, se servono a stabilizzare i conti e a ridurre il debito, non contribuiscono di per sé allo sviluppo culturale, morale ed anche economico del Paese, se non sono accompagnati da azioni dirette a razionalizzare le strutture e se il risparmio non è selettivo (in proposito si è parlato di 'qualità' della spending review). In particolare ciò è vero per la pubblica Amministrazione nel suo insieme, la cui efficienza è un fattore fondamentale per l’economia: la spesa risulta diminuita, specie quella per il personale, fortemente ridotto, ma ai tagli di spesa non si sono accompagnati interventi diretti alla razionalizzazione ed all’efficacia dell’azione amministrativa, alla eliminazione delle duplicazioni di uffici (coesistono uffici ministeriali, enti, autorità indipendenti, società partecipate); a ciò consegue che il calo della spesa corrente è di gran lunga superato da quello della spesa in conto capitale, concernente servizi, investimenti ed opere pubbliche e ciò contribuisce notevolmente alle difficoltà di sviluppo e di crescita economica”.

LA CORRUZIONE “E' uno dei fattori che condizionano gravemente l’economia del Paese – sottolinea Nottola nella sua relazione - al pari dell’evasione fiscale, dell’economia sommersa e della criminalità organizzata: fra l’altro, è singolare come questi quattro fenomeni siano collegati e a volte s’intreccino. La gravità del fenomeno – sul quale azzardare delle cifre sarebbe impossibile ed inutile ma che sicuramente condiziona pesantemente lo sviluppo dell’economia anche per l’effetto deterrente che ha sugli investimenti ed in particolare su quelli delle imprese straniere – richiede una seria riflessione sui contesti che lo favoriscono e sulla sufficienza ed efficacia dei rimedi che solitamente vengono apprestati. Impone anche una chiara denuncia delle cause. Dalla riflessione risulterà che la corruzione può attecchire dovunque: nessun organismo e nessuna Istituzione possono ritenersene indenni o al riparo e quindi esenti da obblighi di vigilanza. Inoltre nessuna Istituzione che abbia competenze pubbliche può ritenersi scevra da responsabilità di fronte al suo dilagare. Per un efficace contrasto alla corruzione si deve considerare che i contesti in cui essa ha occasione di svilupparsi sono i più vari, non si limitano al mondo degli appalti né all’aspetto della illecita dazione di danaro o di benefici: essa trova facile terreno nell’evasione fiscale e nell’economia sommersa ed è un mezzo congeniale agli ambienti criminali. Insomma, il suo terreno di coltura è la illegalità in tutte le sue forme. Un efficace contrasto alla corruzione richiede l’individuazione di tutti i casi che possono derivare dalla corruzione o accompagnarla o esserne occasione: ad esempio, nomine pubbliche al di fuori delle regole, incarichi fiduciari, consulenze illecite o superflue. Va posta attenzione alle situazioni che favoriscono o celano accordi illeciti: ritardi nelle opere pubbliche che giustificano poi il ricorso a leggi eccezionali, perizie di variante in corso d’opera di dubbia utilità che possono celare dazioni illecite, opacità dell’Amministrazione ed eccesso di oneri burocratici. A tal proposito, si sostiene che la corruzione è agevolata dall’eccesso di leggi, che causa la moltiplicazione delle competenze e delle responsabilità ed aumenta l’opacità dell’azione amministrativa. L’osservazione è giusta, le norme vanno semplificate e i centri decisionali ridotti all’essenziale ma ciò non deve giustificare la soppressione di regole e controlli: invece questi vengono via via smantellati, in base alla motivazione della somma urgenza ovvero dell’emergenza, che giustificano deroghe ai codici degli appalti e ai principi della concorrenza, nonché abolizione di controlli preventivi e di gestione, anche attraverso il sistema di estendere ai c.d. Grandi Eventi la normativa speciale dettata per la protezione civile. Emblematico è il caso dell’Expo-Milano...”.

Giuseppe Bianchi

(29 giugno 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

27 giugno 2014
Relazione sul Rendiconto dello Stato | I giudici contabili nella relazione annuale sul rendiconto dello Stato chiariscono i rischi della corruzione e spiegano che la semplificazione e la spending review devono essere applicate nell'ambito di un ripensamento dell'assetto funzionale della PA.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Legge di stabilità 2015 | Le attività devono essere finanziate da terzi e risultare del tutto neutre per il bilancio, mentre resta fermo il divieto assoluto di attribuire incarichi di studio e consulenze. Il parere della Sezione Regione Emilia Romagna del 10.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Legge di stabilità 2015 | Le attività devono essere finanziate da terzi e risultare del tutto neutre per il bilancio, mentre resta fermo il divieto assoluto di attribuire incarichi di studio e consulenze. Il parere della Sezione Regione Emilia Romagna del 10.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

2 gennaio 2015
Contabilità Enti Locali | Il parere della Corte dei Conti del 29 dicembre sulla sanatoria e sui conseguenti limiti dell'accertata e dimostrata utilità ed arricchimento per l'ente.

 
 
Condividi la notizia

5 luglio 2015
GIUSTIZIA CONTABILE | Impossibilità oggettiva di utilizzare il personale interno della P.A. e legittimità dell'istruttoria avviata sulla base di articoli di stampa nei principi sanciti nella sentenza n. 36/2015.

 
 
Condividi la notizia

21 aprile 2016
Fiscalità | Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 92 del 20.4.2016 il decreto del Ministero dell'Interno.

 
 
Condividi la notizia

16 maggio 2018
Concorsi pubblici | All'interno dell'articolo tutti i link ai concorsi banditi dai comuni, asl, ministeri, università e tanto altro.

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2015
Lotta alla corruzione | Avviata l'iniziativa di cooperazione e coordinamento per contribuire ad arginare il fenomeno corruttivo.

 
 
Condividi la notizia

4 giugno 2014
Economia | Presentato il rapporto 2014 della Corte dei Conti sulla finanza pubblica. Pesa la pressione fiscale sull'economia del Paese. Oltre 50 miliardi di euro all'anno il sommerso.

 
 
Condividi la notizia

24 giugno 2014
Governo del Territorio | Il Consiglio di Stato bacchetta il Comune di Brescia sul nuovo Piano di Governo del Territorio. Il bando per l’'affidamento dell'incarico non potrà più essere riservato ai soli Istituti Universitari.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2014
Istituto Luce | La veste giuridica di S.r.l. non basta ad evitare la sottoposizione a controllo del giudice contabile se la gestione della società grava sul bilancio dello Stato

 
 
Condividi la notizia

10 gennaio 2015
Ministero della Giustizia | Il governo ha presentato in commissione Giustizia al Senato una serie di emendamenti al disegno di legge Grasso sulla corruzione.

 
 
Condividi la notizia

15 maggio 2014
Danno erariale | La Corte dei Conti condanna al risarcimento del danno il primo cittadino negligente.

 
 
Condividi la notizia

28 marzo 2015
Enti locali | Problematiche interpretative sui divieti di assunzione nelle P.A. ex Legge di Stabilita' 2015 e Circolare Madia. Precisazioni anche sulla mobilita' e sui contratti a termine.

 
 
Condividi la notizia

16 maggio 2014
Angelo Rughetti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, annuncia gli obiettivi della riforma per la P.A. | Ruolo unico della Dirigenza e carriera a termine | Licenziamento del Dirigente privo di incarico | Valutazione dei risultati non del singolo ma del gruppo | Retribuzione di risultato subordinata all’andamento dell’economia | Trasparenza e semplificazione attraverso gli open-data | Una sola scuola nazionale della Pubblica Amministrazione | Gestione manageriale dei poli museali | Le incompatibilità dei Giudici Amministrativi | Apertura del Governo all’ascolto di cittadini e dipendenti pubblici

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.