Condividi la notizia

Sentenze civili sul sito della Cassazione

Il Garante della Privacy chiede alla Corte Suprema di oscurare nomi e dati identificativi

Il Presidente dell'Autorita' Garante Antonello Soro ha scritto al Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione esprimendo preoccupazione

La Corte di Cassazione, in quasi tutti gli Stati ad ordinamento “civil law” (modello derivante dal diritto romano, oggi dominante a livello mondiale) è l’organo al vertice del potere giudiziario. In particolare, nell’ordinamento italiano, la Corte Suprema di Cassazione rappresenta il giudice di legittimità di ultima istanza delle sentenze emesse dalla magistratura ordinaria.

Tuttavia, il nostro Paese è bellissimo, ma -come tutti sanno- è anche molto strano e, quindi, può succedere che, seppur molto diplomaticamente, il Garante della Privacy decida di “contestare” -sempre con il massimo rispetto dovuto- al vertice della Cassazione la decisione di mettere sul sito tutte le sentenze civili degli ultimi cinque anni, corredate di nome, cognome e di tutti i dati sufficienti per identificare attori e convenuti del relativo processo.

Il Presidente dell’Autorità Garante della Privacy, Antonello Soro ha scritto una lettera al Primo Presidente della Corte Suprema, chiedendo, allo scopo, di oscurare tutti i nomi, perché c’è “preoccupazione in ordine al diritto alla protezione dei dati personali (spesso anche sensibili e giudiziari) degli interessati”.

Soro ritiene che l’iniziativa sia apprezzabile nelle sue finalità, tuttavia chiede di “eliminare nomi, cognomi e ogni riferimento che riconduca all’identità delle persone coinvolte”. A questo scopo, “potrebbe essere utile riflettere sull’opportunità di espungere dai provvedimenti i dati identificativi, cosa che, pur non togliendo nulla alla comprensione del contenuto giuridico della pronuncia, consentirebbe di minimizzare l’impatto, in termini di riservatezza , della più ampia accessibilità in rete”.

In sostanza, l’Autorità Garante della Privacy apprezza l’idea di dare concreta attuazione al principio generale “di pubblicità delle norme, degli atti e delle sentenze”; tuttavia, c’è anche preoccupazione per l’uso, spesso improprio, che di tutti questi dati viene fatto, una volta finiti nei motori di ricerca, con la possibilità di sapere tutto di una persona, solamente digitando il suo nome.

La Corte di Cassazione ha pubblicato sul suo sito quasi 160.000 documenti, con tutti i dati necessari per l’identificazione dei soggetti interessati, in base ad una circolare del Primo Presidente del 2006, che -sulla scorta della previsione dell’art. 52 del codice della privacy-  dava disposizione di cancellare solo alcuni nomi (minori, vittime di reati sessuali, quelli di chi ha chiesto espressamente di non essere citati), nell’intento -ribadito alcuni mesi fa dal Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione Giorgio Santacroce- di “rafforzare i valori della stabilità e della certezza del diritto non solo tra gli operatori del settore ma fra tutti i cittadini”.

In chiusura, il Presidente dell’Autorità Garante della Privacy Antonello Soro si “dichiara sin da ora disponibile a ogni utile confronto”; tuttavia la richiesta alla Corte Suprema di Cassazione è chiara: bisogna cancellare tutti i dati identificativi dei soggetti interessati.

Moreno Morando

(9 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

27 agosto 2014
Garante Privacy | L'Autorita' Garante (nella foto il Presidente Antonello Soro) ha stabilito che il datore di lavoro non deve comunicarli in alcun modo al personale

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2016
diritto alla riservatezza | La pubblicazione sull'Albo Pretorio on line. Il tempo non perentorio di affissione on line. I dati sensibili e la risarcibilità dei danni non patrimoniali. La sentenza della Cassazione del 13.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

23 giugno 2015
Authority | Il Presidente dell'AGCM Giovanni Pitruzzella e quello per la protezione dei dati personali Antonello Soro hanno illustrato le attività del 2014.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2014
Sicurezza Nazionale | I Garanti europei della privacy, riunitisi a Bruxelles, chiedono ai Governi maggiore trasparenza

 
 
Condividi la notizia

10 agosto 2015
Privacy | Le "bustine" sullo schermo del televisore con all'interno messaggi per sollecitare mancati pagamenti non devono violare la riservatezza dei clienti.

 
 
Condividi la notizia

25 marzo 2015
Protezione dati personali | Il Presidente Soro paventa il pericolo che possa venir meno "l'equilibrio tra privacy e sicurezza".

 
 
Condividi la notizia

29 settembre 2015
Diritto alla riservatezza | Sono numerosi i casi per i quali l'Autorità è dovuta intervenire a tutela degli interessati facendo oscurare le pagine web istituzionali.

 
 
Condividi la notizia

6 novembre 2015
Garante Privacy | L'Autorità presieduta da Antonello Soro comunica che ora le imprese dovranno mettere in campo altri strumenti per tutelare i cittadini.

 
 
Condividi la notizia

7 giugno 2014
Report di Vodafone | La relazione del colosso delle Telecomunicazioni sulla situazione delle norme a tutela della privacy nei 29 Paesi in cui opera ha provocato la reazione del Presidente dell'Autorita'.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2015
Diritto alla riservatezza | Lo ha chiarito il Garante Privacy rispondendo ai quesiti posti da due Regioni alle quali erano state richieste informazioni contenute nel sistema informatico regionale.

 
 
Condividi la notizia

28 settembre 2015
Garante Privacy | Il principio è stato riaffermato nell'accogliere il ricorso di una dipendente che lamentava l'illecita acquisizione di conversazioni con clienti e fornitori.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Internet | Scaduto il termine per mettersi in regola, l'Autorità ha risposto a tutta una serie di quesiti.

 
 
Condividi la notizia

6 maggio 2015
Garante | Individuate dall'Autorita' Garante le linee guida in materia di trattamento dati per la profilazione on line.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2015
Opportunità | Le domande dovranno essere presentate entro il 16 novembre 2015. L'inizio è previsto per il mese di gennaio dell'anno prossimo, per una durata di 6 mesi.

 
 
Condividi la notizia

8 luglio 2014
Smartphone e social network | Vademecum del Garante per proteggere la privacy propria e altrui durante le vacanze estive.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.