Condividi la notizia

Stati Uniti

Red Bull precipita sulla pubblicità ingannevole

Le bevande energizzanti pongono diverse problematiche: concorrenza, mercato e salute dei consumatori.

La Red Bull azienda austriaca produttrice dell’omonima bevanda energetica è stata condannata per “pubblicità ingannevole” a pagare una multa di 13 milioni di dollari. La multinazionale si è vista costretta a patteggiare la cifra richiesta nell’ambito di una class action negli Stati Uniti. I promotori dell’azione collettiva contestavano quanto dichiarato nello spot, questo infatti esalta le caratteristiche del prodotto garantendo un miglioramento della concentrazione e della velocità di reazione nelle attività quotidiane. Ciò che manca però è il supporto scientifico.

Secondo quanto riferito da Consumerist e da BevNet sono molte le persone che negli Stati Uniti hanno fatto causa al colosso “energizzante”. Le campagne pubblicitarie dell’azienda infatti sono sempre state incalzanti sulla stampa, in tv e sul web e le parole accattivanti “ti mette le ali” o “dare la carica” secondo quanto affermato dai consumatori statunitensi indurrebbero in errore.

In risposta alla notizia riportata dalla BevNet, l’azienda ha voluto chiarire la sua posizione: “La Red Bull ha patteggiato la causa per evitare il costo e la distrazione del contenzioso”.

Questo non è di certo il primo episodio a vedere come protagonista l’azienda austriaca. Anche in Italia, nel 2013, su segnalazione dell’associazione dei consumatori Altroconsumo, l’Autorità Garante della Concorrenza del Mercato aveva iniziato un procedimento di valutazione dei messaggi pubblicitari nei confronti del pubblico giovane. In quella occasione la società austriaca, per non incorrere in sanzioni, modificò la sua politica commerciale, prestando particolare attenzione ai giovani consumatori.

Sul consumo delle bibite energetiche anche l’Unione Europea è intervenuta più volte.

Infatti, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) ha espresso parere nel 2009  sull’uso abituale di queste bevande sostenendo che non c’era motivo di preoccupazione per la sicurezza.

Un altro studio è stato commissionato da alcuni Stati membri preoccupati per l’abuso eccessivo di liquidi energizzanti, ricchi di caffeina, taurina e d-glucuronolattone. I dati raccolti sono preoccupanti: circa il 68 % degli adolescenti (10-18 anni) intervistati erano consumatori di bevande “energetiche”; circa il 18% dei bambini intervistati (3-10 anni), tra questi la quasi totalità ne beveva quasi un litro a settimana. La maggior parte dei consumatori intervistati poi ha confermato di assumerle contemporaneamente con l’alcol.

Insomma sicuramente nell’uso di queste bevande occorre prestare la dovuta attenzione!

Gianmarco Sadutto

(9 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 febbraio 2015
Antitrust | Oltre 1 milione di sanzioni a "San Carlo”, “Amica chips”, “Pata” e “Ica Foods”.

 
 
Condividi la notizia

8 giugno 2014
F1 | Al termine di una gara entusiasmante vince Ricciardo, seconda il leader della classifica piloti Rosberg, terzo il campione del mondo in carica Vettel. La Ferrari latita.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2014
Servizi sul web | Attraverso i siti www.auto-prezzo.net e www.auto-valutazione.com 7 società pubblicizzavano il servizio di valutazione delle auto spacciandolo per gratuito.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2014
Pubblicità ingannevole | È soltanto un integratore. Nel propagandare il prodotto, sostiene l’'Autorità sono state date informazioni ambigue e non veritiere.

 
 
Condividi la notizia

19 marzo 2016
Consumatori | Bloccati dall'Autorità garante della Concorrenza e del Mercato 6 operatori che spacciavano per autentici prodotti di varia natura.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2015
Consiglio dei Ministri | Obiettivo stimolare la crescita economica frenata dalla scarsa concorrenza nel settore dei servizi. In sintesi il contenuto del provvedimento.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2015
Tribunale dell'Unione Europea | Per i giudici UE, la divulgazione dei documenti scambiati tra la Commissione e le autorità nazionali garanti della concorrenza potrebbe arrecare pregiudizio.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
Trasporto marittimo | Intesa restrittiva della concorrenza per imprese campane che gestiscono i collegamenti con le isole di Ischia e Capri e con i maggiori centri della costa come Amalfi, Sorrento, Positano, Castellammare e Torre Annunziata, nonché da Napoli con le Isole Eolie e da alcuni porti Laziali con le Isole Pontine.

 
 
Condividi la notizia

23 luglio 2014
Antitrust | Per farsi pubblicità sponsorizzava un SUV ancora fuori commercio. Il Consiglio di Stato conferma sanzione dell’Antritrust per pratica commerciale scorretta.

 
 
Condividi la notizia

4 maggio 2015
Concorrenza e Mercato | L'A.G.C.M. vuole accertare se Giochi Preziosi e Artsana abbiano creato o rafforzato una posizione dominante nella distribuzione al dettaglio.

 
 
Condividi la notizia

23 giugno 2015
Authority | Il Presidente dell'AGCM Giovanni Pitruzzella e quello per la protezione dei dati personali Antonello Soro hanno illustrato le attività del 2014.

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2015
Concorrenza e mercato | A fronte di numerosi reclami e segnalazioni, l’indagine è volta ad accertare eventuali violazioni del Codice del Consumo. Ispezioni a Roma e Milano.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2015
Concorrenza e Mercato | L'A.G.C.M. comunica che è in funzione lo strumento più diretto per inviare comunicazioni, scritte o vocali.

 
 
Condividi la notizia

5 novembre 2014
Autorità Garante Concorrenza e Mercato | L'Antitrust blocca i sistemi che non commercializzano beni o servizi, ma utilizzano pubblicità caratterizzate da incentivi economici connessi al mero reclutamento di nuovi soggetti.

 
 
Condividi la notizia

2 febbraio 2015
Antitrust | L'operatore pubblicizzava una promozione a prezzi particolarmente vantaggiosi ma non rendeva evidente in maniera adeguata al consumatore le effettive condizioni e limitazioni dell’offerta.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.