Condividi la notizia

Antitrust

Un grosso Bluff "il primo caso di un SUV prodotto per essere venduto in un supermercato"

Per farsi pubblicità sponsorizzava un SUV ancora fuori commercio. Il Consiglio di Stato conferma sanzione dell’Antritrust per pratica commerciale scorretta.

Si sa, a noi italiani piacciono le belle macchine. Caratteristiche della vettura, luogo di progettazione e fabbricazione, sono componenti a cui prestiamo attenzione. 

I giornali del tempo parlavano del "primo caso in Italia di un’auto prodotta per essere venduta in un supermercato".

Quel bel modello di SUV sponsorizzato, tuttavia, ancora non esisteva nel mercato. Per di più l’auto effettivamente commercializzata al momento dell'acquisto aveva il motore cinese invece che italiano.

Con questi presupposti la caccia ai clienti per la catena di distribuzione del nord Italia è finita male: sanzione pecuniaria dell’Autority di 60 mila euro a carico di Dr Motor di Isernia e altrettanti a carico della Iper Montebello S.p.A. confermata sia dal TAR (che l’ha solamente ridotta) sia ora dal Consiglio di Stato.

Alla pratica commerciale scorretta, con cospicua sanzione pecuniaria, è seguito un contensioso tra ipermercato e Antitrust, chiuso il 22 luglio con una sentenza del Consiglio di Stato che non lascia margini all’interpretazione.

In particolare, i messaggi proponevano un’autovettura acquistabile in tutti i punti vendita dell’ipermercato con motore italiano powertrain common-rail di ultima generazione, design italiano al prezzo di 15.900 euro, mentre il consumatore, recandosi presso i punti vendita - essendo in realtà indisponibile l’autovettura reclamizzata al momento del messaggio - poteva acquistare esclusivamente una versione diversa con motore a benzina prodotto in Cina dalla casa automobilistica ad un prezzo pari a 19.900 euro.

Sia il prezzo che l’oggetto della compravendita erano quindi diversi.

Nel gioco dello scaricabarile, la catena commerciale ha cercato di tirarsi fuori dando la colpa alla sola casa produttrice. La difesa puntava tutto, peraltro, sul fatto che il messaggio pubblicitario era comparso solo per due giorni sul giornale di Brescia e senza indicare le caratteristiche dei veicolo commercializzato.

Inutile coprirsi dietro ad un dito, distinguere tra produttore dell’auto e commerciante non si può: nel sodalizio scorretto entrambi i professionisti hanno commissionato la pubblicità del lancio della vettura.

Entrambi sono responsabili della veridicità ed attendibilità dei contenuti della stessa.

La campagna pubblicitaria era studiata, progettata ad un unico scopo: lanciare il prodotto a tutti i costi.

I giudici di Palazzo Spada a conferma della sentenza di primo grado, hanno ribadito che la pubblicità era in grado di orientare indebitamente le scelte economiche dei consumatori che, sulla base di informazioni false relative ad elementi essenziali della decisione di acquisto di un’autovettura, erano indotti a recarsi presso i punti vendita o ad entrate in contatto con il produttore.

Non importa la durata della pubblicità ingannevole, anche se occasionale era stata studiata per far abboccare i consumatori. 

Luca Tosto

(23 luglio 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 ottobre 2014
Stati Uniti | Le bevande energizzanti pongono diverse problematiche: concorrenza, mercato e salute dei consumatori.

 
 
Condividi la notizia

18 febbraio 2015
Antitrust | Oltre 1 milione di sanzioni a "San Carlo”, “Amica chips”, “Pata” e “Ica Foods”.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

19 marzo 2018
AGCM | Per l'Autorità la condotta ingannevole e omissiva risulta assumere particolare rilievo in considerazione dell’importanza del settore economico interessato.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

24 agosto 2018
Tutela centri storici | Il Consiglio di Stato afferma che la tutela attiene a profili urbanistici.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2014
Servizi sul web | Attraverso i siti www.auto-prezzo.net e www.auto-valutazione.com 7 società pubblicizzavano il servizio di valutazione delle auto spacciandolo per gratuito.

 
 
Condividi la notizia

24 settembre 2014
Pubblicità ingannevole | È soltanto un integratore. Nel propagandare il prodotto, sostiene l’'Autorità sono state date informazioni ambigue e non veritiere.

 
 
Condividi la notizia

19 marzo 2016
Consumatori | Bloccati dall'Autorità garante della Concorrenza e del Mercato 6 operatori che spacciavano per autentici prodotti di varia natura.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2014
Pedaggi autostradali | Il pedaggio non e' un'imposizione fiscale e deve essere assicurata la corrispondenza tra pagamento e fruizione

 
 
Condividi la notizia

8 agosto 2016
Scandalo emissioni | La sanzione dell'Autorità della Concorrenza e del Mercato riguarda la manipolazione del sistema di controllo delle emissioni inquinanti da parte della casa automobilistica tedesca

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
Attività di estetista | Per lettini abbronzanti e lampade UVA, anche se direttamente ed autonomamente utilizzati da soci di circoli privati, e' necessaria l'autorizzazione comunale.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.