Condividi la notizia

Autodifesa

Bocciato anche dal Consiglio di Stato il laureato in legge che voleva farsi giustizia da solo

Avere la laurea in giurisprudenza non sempre é sinonimo di adeguata preparazione giuridica. La vicenda giudiziaria in esame é un esempio eclatante di "giuristi" inesperti che restano sordi nonostante le chiare affermazioni del TAR.

Se si ritiene ingiusta una contestazione per violazione del Codice della Strada o si vuole evitare di pagare un avvocato per una causa di basso valore, il cittadino può far valere i propri diritti senza l’assistenza legale.

Tranne pochissimi casi, tuttavia, nel nostro Paese, anche se si è esperti di diritto, per poter effettuare una causa davanti a un qualsiasi Tribunale l’assistenza di un legale iscritto all’albo è obbligatoria.

Non è una novità nel nostro ordinamento, ma, evidentemente, al dottore in giurisprudenza protagonista della vicenda conclusa con sentenza del Consiglio di Stato, Sesta Sezione, n. 5028/2014, non andava giù: voleva difendersi da solo contro l’Università di Bologna e il Ministero dell’istruzione.

Al giurista era stata negata l’ammissione alle prove concorsuali di accesso alle Scuole di specializzazione, così personalmente, senza un legale, ha chiesto prima al TAR e poi addirittura al Consiglio di Stato l’annullamento dei provvedimenti di diniego, dei bandi di concorso delle stesse scuole e, ancora, dell’istanza di immatricolazione al corso di laurea in scienze filosofiche con esonero totale del pagamento della quota di immatricolazione per carenza di reddito, anch’essa rigettata.

A prescindere dai fatti di causa, interessanti sono le ragioni che hanno ritenuto del tutto inammissibili (quindi non analizzate nel merito) le richieste del laureato è la reazione di quest'ultimo.

In primo grado il TAR aveva chiarito al laureato che il mero possesso della laurea magistrale in giurisprudenza non consente di stare in giudizio senza l’assistenza di un difensore abilitato e iscritto al previsto albo professionale, fatta eccezione per i giudizi in materia di accesso, in materia elettorale e nei giudizi relativi al diritto dei cittadini dell’Unione Europea e dei loro familiari di circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri.

Il laureato a quel punto non solo non si premura di approfondire meglio i principi sopra riportati, ma addirittura, nuovamente senza avvocato, decide di impugnare la sentenza del TAR davanti al Consiglio di Stato.

A quanto pare non aveva neppure tenuto conto dell'art. 22 del Codice del Processo amministrativo che é lapidario nello stabilire che per i giudizi davanti al Consiglio di Stato è obbligatorio il ministero di avvocato ammesso al patrocinio innanzi alle giurisdizioni superiori. Se neppure un semplice avvocato puó patrocinare cause davanti al Consiglio di Stato, figuriamoci un mero laureato!

La conseguenza é “la mancanza di una valida instaurazione del rapporto processuale per nullità dell’atto difensivo”.

Errare é umano, perseverare é diabolico!

Invocare un supposto diritto alla “autodifesa”, scomodando, oltre alla Costituzione, anche la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, è stato inutile.

Ricordano i giudici che “la Corte Costituzionale ha sempre riconosciuto la discrezionalità del legislatore in tema di disciplina dei casi in cui è necessario il patrocinio di un avvocato e ha riconosciuto quindi che il diritto all’autodifesa può essere limitato dal diritto dello Stato interessato di emanare disposizioni concernenti la presenza di avvocati davanti ai tribunali.”

In conclusione, richiamato l’art. 22 del Codice del processo amministrativo, applicabile al caso, è stato chiarito che il patrocinio di un avvocato era obbligatorio, pertanto, il mero possesso della laurea magistrale in giurisprudenza, di per sé, non consentiva una difesa senza il legale.

Per approfondire e scaricare gratuitamente la sentenza clicca gazzettaamministrativa.it

Luca Tosto

(14 ottobre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

24 luglio 2014
Accesso alla professione di avvocato | Importante sentenza giunge dall'Europa che chiude il fervente dibattito italiano sulla possibilità di ottenere l'abilitazione in un'altro Paese.

 
 
Condividi la notizia

9 giugno 2016
Miur | La nuova procedura per insegnare all'Università.

 
 
Condividi la notizia

14 luglio 2015
Ministero della Giustizia | Intervento del Dicastero per chiarire i dubbi interpretativi sull'operatività del divieto per l'avvocato di fiducia della parte chiamata in mediazione.

 
 
Condividi la notizia

24 agosto 2018
Consiglio di Stato | La storia di un calciatore prima condannato e poi assolto dalla giustizia sportiva: gli spetta il risarcimento del danno?

 
 
Condividi la notizia

18 dicembre 2014
Ministero dell'Interno | Sarà possibile per testimoni di giustizia, parificate per questo aspetto alle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, accedere ad un programma di assunzione in tutte le P.A., dello Stato e degli enti locali.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2014
Analisi statistiche | Uno studio commissionato dal Ministero della Giustizia mette sotto la lente, con dovizia di particolari e di numeri, il carico nazionale degli affari civili pendenti.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2014
Rapporto della Commissione Europea | 707 i giorni necessari per una pronuncia di divorzio in primo grado e 486 in secondo grado. 2.648 giorni solo per il primo grado per le procedure di insolvenza. La Commissione europea per l'efficienza della giustizia del Consiglio d'Europa analizza 46 Stati membri.

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Governo | C'è tempo fino al 31 agosto 2014 per partecipare alle consultazioni pubbliche sulle linee guida dello "Sblocca Italia" e della riforma della Giustizia.

 
 
Condividi la notizia

29 agosto 2014
Consiglio dei Ministri | Nella consueta conferenza stampa dopo il CdM il Premier ha esposto le linee guida per lo sblocco delle grandi opere e per riformare la Giustizia civile e penale

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2016
Consiglio dei Ministri | Il provvedimento riguarda la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, l'efficienza degli uffici giudiziari, nonché la giustizia amministrativa.

 
 
Condividi la notizia

8 maggio 2016
Fondo 2016 | Al via anche la nuova programmazione triennale. Nuove modalità di ripartizione della quota premiale.

 
 
Condividi la notizia

18 agosto 2015
Agricoltura e tutela ambientale | Sarà obbligatorio un certificato di abilitazione all'uso che avrà valore su tutto il territorio italiano.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2015
EXPO | L'iniziativa permetterà agli studenti dell'Università della Basilicata di acquistare il biglietto dell'Esposizione Universale al costo di 10 euro.

 
 
Condividi la notizia

8 agosto 2015
Opportunità di lavoro | Segnaliamo due occasioni pubblicate sulla G.U. n. 60 del 7 agosto 2015. Le domande fino al 7 settembre prossimo.

 
 
Condividi la notizia

13 settembre 2014
Danno erariale | Corte dei Conti: condannati alcuni funzionari del Centro della Giustizia Minorile di Napoli a pagare allo Stato € 145.542,00 per illegittima erogazione di buoni-pasto.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.