Condividi la notizia

Inps

Lavoro accessorio: la Circolare con i chiarimenti e le indicazioni

L'Istituto si occupa di questo tema in relazione al Decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, che ha fornito una disciplina organica dei contratti.

Con la Circolare n. 149 del 12 agosto 2015, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale tratta il tema del “lavoro accessorio”, in relazione al Decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81 artt. 48; 49; 50, riguardante la “Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183”.

In particolare, l’INPS sottolinea che il citato d.lgs. n. 81/2015 (G.U. n. 144 del 24 giugno 2015-Supplemento ordinario n. 34) ha abrogato e sostituito integralmente gli articoli da 70 a 73 del d.lgs. n. 276/2003, nell’ottica di consentire il ricorso a prestazioni di lavoro accessorio per le attività lavorative in tutti i settori produttivi, garantendo, nel contempo, la piena tracciabilità dei buoni lavoro acquistati.

Questa norma, evidenzia l’Istituto, introduce importanti novità in ordine:

-al limite massimo del compenso che il prestatore può percepire;

-alla possibilità di remunerazione con i voucher dei soggetti percettori di prestazioni integrative del salario e/o di prestazioni a sostegno del reddito;

-all’obbligo di comunicazione preventiva in capo al committente;

-alla possibilità di acquisto esclusivamente telematica dei voucher da parte di committenti imprenditori o professionisti.

Con la Circolare in esame, l’INPS fornisce le prime indicazioni in ordine alla richiamata disciplina.

Limiti alle prestazioni di lavoro accessorio

L’art 48, comma 1, del citato Decreto legislativo innalza il limite massimo del compenso che il prestatore può percepire da 5000 a 7000 euro (rivalutabili annualmente), stabilendo che “per prestazioni di lavoro accessorio si intendono attività lavorative che non danno luogo, con riferimento alla totalità dei committenti, a compensi superiori a 7 .000 euro (lordo € 9.333) nel corso di un anno civile (dal 1 gennaio al 31 dicembre), annualmente rivalutati sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati”.

Rimane, invece, immutato il limite di 2.000 euro per le prestazioni rese nei confronti del singolo committente imprenditore o professionista.

Con circolare n. 77 del 16 aprile 2015 è stato comunicato il valore, in riferimento all’anno 2015, “annualmente rivalutato sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati intercorsa nell’anno precedente”.

Tale valore, per l’anno in corso è paria a 2.020 euro (lordo 2.693). Le disposizioni di cui al comma 1 dell’art.48 si applicano anche in agricoltura:

a) alle attività lavorative di natura occasionale rese nell'ambito delle attività agricole di carattere stagionale effettuate da pensionati e da giovani con meno di venticinque anni di età se regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado, compatibilmente con gli impegni scolastici, ovvero in qualunque periodo dell'anno se regolarmente iscritti ad un ciclo di studi presso l'università;

b) alle attività agricole svolte a favore di soggetti di cui all'articolo 34, comma 6, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.

Tali attività, non possono, tuttavia, essere svolte da soggetti iscritti l'anno precedente negli elenchi anagrafici dei lavoratori agricoli.

Viene, altresì, confermata e resa strutturale (art. 48, comma 2), la possibilità per i percettori di prestazioni integrative del salario o di sostegno al reddito, di effettuare prestazioni di lavoro accessorio, in tutti i settori produttivi, compresi gli enti locali, nel limite complessivo di 3000 euro (lordo € 4000) di compenso per anno civile, annualmente rivalutati sulla base della variazione dell’indice ISTAT.

Il predetto limite complessivo dei € 3.000 di compenso, per l’anno in corso, è da intendersi comprensivo anche delle prestazioni di lavoro accessorio già rese dal 1.1.2015 al 24.6.2015 (giorno precedente all’entrata in vigore del D.L. 81).

Modalità di acquisto

Una importante novità è introdotta dall’art 49, comma 1, che prevede, per i committenti imprenditori o liberi professionisti, l’obbligo di acquistare esclusivamente con modalità telematiche “uno o più carnet di buoni orari, numerati progressivamente e datati, per prestazioni di lavoro accessorio il cui valore nominale è fissato con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, tenendo conto della media delle retribuzioni rilevate per le diverse attività lavorative e delle risultanze istruttorie del confronto con le parti sociali”.

La Circolare in esame si occupa dell’acquisto dei buoni da parte di committenti imprenditori e liberi, precisando che le modalità di accesso, acquisto e gestione dei voucher “telematici” sono descritti nell’allegato 1 (vedi in calce);

Misura del voucher

In attesa dell’emanazione del decreto di cui al comma 1 dell’art.49, e fatte salve le prestazioni rese nel settore agricolo, il valore nominale del buono orario è fissato in 10 euro e nel settore agricolo è pari all'importo della retribuzione oraria delle prestazioni di natura subordinata individuata dal contratto collettivo stipulato dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Di seguito, l’INPS affronta il tema della “Comunicazione telematica della prestazione di lavoro accessorio”.

Per saperne di più:

vai al testo integrale della Circolare n. 149/2015 (con l'Allegato)

Moreno Morando

(12 agosto 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

16 aprile 2015
Inps | Gli importi sono stati definiti sulla base della variazione dell'indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati nell'anno precedente.

 
 
Condividi la notizia

10 ottobre 2015
Osservatorio Statistico | In aumento la vendita dei voucher. Tasso medio di crescita del 70% dal 2012 al 2014 e del 75% nel primo semestre del 2015.

 
 
Condividi la notizia

10 giugno 2016
Jobs act | Il Consiglio dei Ministri approva in via preliminare alcune modifiche al d.lgs. n. 81/2015.

 
 
Condividi la notizia

12 aprile 2016
Inps | L'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale ha pubblicato l'aggiornamento dell'Osservatorio statistico.

 
 
Condividi la notizia

11 giugno 2015
Comunicazioni obbligatorie | Il Ministero ha comunicato i primi riscontri su attivazioni e cessazioni, ricavati dal Sistema Informativo.

 
 
Condividi la notizia

13 ottobre 2015
INPS | Con la Circolare n. 170 del 13 ottobre 2015, l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale si è occupato del Decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81.

 
 
Condividi la notizia

26 settembre 2016
Consiglio dei Ministri | Approvato il decreto correttivo del Job Act.

 
 
Condividi la notizia

25 agosto 2015
Occupazione | Il Ministero ha pubblicato la Nota con le prime evidenze ricavate dal Sistema Informativo delle Comunicazioni Obbligatorie.

 
 
Condividi la notizia

29 giugno 2015
Gazzetta Ufficiale | Pubblicato nella G.U n. 144 del 24 giugno scorso il D. Lgs. 15 giugno 2015, n. 81 che contiene anche la revisione della normativa in tema di mansioni.

 
 
Condividi la notizia

1 luglio 2016
Consiglio dei Ministri | Lavoro accessorio con tracciabilità dei Voucher, contratti di solidarietà, dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, queste ed altre le modifiche approvate in via preliminare.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2014
Corte di giustizia UE | Per la Corte di giustizia UE "la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell’Unione".

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
Lavoro | Italia Lavoro finanzia le imprese per assumere giovani a tempo pieno, con contratti di lavoro subordinato a tempo determinato per almeno 12 mesi o a tempo indeterminato. Scadenza 28.2.2015.

 
 
Condividi la notizia

4 luglio 2016
Ministero del Lavoro | Pronti altri 20 milioni di euro. Già attivati 5.412 contratti di lavoro di cui 2.020 contratti a tempo indeterminato e 3.392 di apprendistato professionalizzante.

 
 
Condividi la notizia

12 settembre 2014
Danno erariale | La Corte dei Conti condanna due dirigenti dell’INPS per aver mantenuto dei dipendenti oltre i limiti di tempo a mansioni superiori (con stipendi maggiori). Lo scatto di mansioni doveva essere solo in via provvisoria per consentire temporanee assenze di organico.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2014
Senato della Repubblica | Il Servizio studi del Senato ha pubblicato una Nota sulla sentenza della Corte di Giustizia del 26 novembre 2014 sulla successione dei contratti di lavoro a tempo determinato per il personale docente e ATA della scuola.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.