Condividi la notizia

Corte Costituzionale

Assegno divorzile, ecco i criteri che possono azzerarlo

Solo in astratto l'assegno deve garantire al coniuge economicamente più debole il medesimo tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. Il "diritto vivente" secondo la Consulta.

Il parametro del "tenore di vita goduto in costanza di matrimonio" serve per determinare in astratto il tetto massimo della misura dell’assegno, ma in concreto altri fattori di moderazione e diminuzione della somma considerata in astratto possono "valere anche ad azzerarla".
 
In particolare, la condizione ed il reddito dei coniugi, il contributo personale ed economico dato da ciascuno alla formazione del patrimonio comune, la durata del matrimonio e le ragioni della decisione agiscono sono i criteri che si aggiungono al parametro del "tenore di vita goduto in costanza di matrimonio", concorrendo al necessario bilanciamento caso per caso, quali come fattori di moderazione e diminuzione della somma considerata in astratto.
 
Questi i principi consolidati della Corte di Cassazione richiamati dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 11 del 11.2.2015 con la quale è stata dichiarata non fondata la questione di legittimità costituzionale sollevata dal Tribunale di Firenze dell’art. 5, sesto comma, della legge 1° dicembre 1970, n. 898 (Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio), come modificato dall’art. 10 della legge 6 marzo 1987, n. 74 (Nuove norme sulla disciplina dei casi di scioglimento di matrimonio).
 
Nel corso di un giudizio civile per scioglimento di matrimonio, il Tribunale ordinario di Firenze ha sollevato tale questione di legittimità costituzionale sulla base dell’interpretazione, che assume consolidatasi in termini di "diritto vivente", per cui, in presenza di una disparità economica tra coniugi, "l’assegno divorzile […] deve necessariamente garantire al coniuge economicamente più debole il medesimo tenore di vita goduto in costanza di matrimonio".

Ad avviso della Corte Costituzionale l’esistenza, presupposta dal Tribunale, di un “diritto vivente” secondo cui l’assegno divorzile ex art. 5, sesto comma, della legge n. 898 del 1970 "deve necessariamente garantire al coniuge economicamente più debole il medesimo tenore di vita goduto in costanza di matrimonio" non trova, infatti, riscontro nella giurisprudenza del giudice della nomofilachia (che costituisce il principale formante del diritto vivente), secondo la quale, viceversa, il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio non costituisce l’unico parametro di riferimento ai fini della statuizione sull’assegno divorzile.

La Corte di Cassazione, precisa la Consulta, infatti, in sede di esegesi della normativa impugnata, ha anche di recente, in tal senso, appunto, ribadito il proprio "consolidato orientamento", secondo il quale il parametro del "tenore di vita goduto in costanza di matrimonio" rileva, bensì, per determinare "in astratto […] il tetto massimo della misura dell’assegno" (in termini di tendenziale adeguatezza al fine del mantenimento del tenore di vita pregresso), ma, "in concreto", quel parametro concorre, e va poi bilanciato, caso per caso, con tutti gli altri criteri indicati nello stesso denunciato art. 5. 

Tali criteri (condizione e reddito dei coniugi, contributo personale ed economico dato da ciascuno alla formazione del patrimonio comune, durata del matrimonio, ragioni della decisione) "agiscono come fattori di moderazione e diminuzione della somma considerata in astratto" e possono "valere anche ad azzerarla".

Conclude la Corte che l’erronea interpretazione della norma denunciata, da cui muove il Tribunale, travolge conseguentemente, in radice, tutte le censure di illegittimità costituzionale. 

Fonte: Corte Costituzionale

Enrico Michetti

La Direzione

(12 febbraio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

12 febbraio 2015
MEF | Le dichiarazioni del vice ministro all'Economia in relazione alla decisone della Consulta dell'11 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2015
Previdenza | Pubblicata il provvedimento n. 125 del 25.6.2015 con le istruzioni operative sulle novità in materia di pensioni, ammortizzatori sociali e TFR di cui all'art. 1 del decreto legge 21 maggio 2015, n. 65.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
Concorso pubblico | I principi sanciti nella sentenza n. 7/2015.

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2015
Agenzia delle Entrate | Le precisazioni del Fisco in risposta alla stampa sulle conseguenze derivanti dalla sentenza della Corte Costituzionale.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2015
Cooperazione | Circolare esplicativa del Ministero del Lavoro sulla sentenza Corte Costituzionale n.51/2015 sui minimi retributivi.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2015
Consiglio dei Ministri | Dopo la sentenza della Corte Costituzionale n.70/2015, approvato il decreto legge a vantaggio di una platea di 3,7 milioni di pensionati.

 
 
Condividi la notizia

11 maggio 2017
Cassazione | Il parametro del "tenore di vita" viene sostituito dall'"indipendenza economica". Il testo della sentenza n. 11504 del 10 maggio 2017.

 
 
Condividi la notizia

9 giugno 2016
Fondo sperimentale riequilibrio | In accoglimento di un'ordinanza di rimessione del Tar Lazio, la Corte Costituzionale dichiara l'illegittimità con la sentenza n. 129 del 6 giugno 2016.

 
 
Condividi la notizia

2 novembre 2014
Parlamento in seduta comune | Resta in dubbio l'atteggiamento del Movimento 5 Stelle, al quale e' stato proposto di esprimere la candidatura per il Consiglio Superiore della Magistratura.

 
 
Condividi la notizia

29 marzo 2015
Province e città metropolitane | Bocciati i ricorsi delle Regioni. Assicurato il principio di leale collaborazione da parte dello Stato. Nessuna violazione delle competenze regionali. La sentenza della Corte Costituzionale n. 50 del 26.3.2015.

 
 
Condividi la notizia

24 gennaio 2016
Banca d'Italia | Stabilite le modalità di esecuzione della sentenza della Corte Costituzionale che riguardano coloro che dimostrano di aver richiesto la conversione tra il 6 dicembre 2011 e il 28 febbraio 2012.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2018
Consulta | È incostituzionale il quinto comma dell’articolo 656 del Codice di procedura penale.

 
 
Condividi la notizia

1 febbraio 2017
Ministero della Giustizia | A far data dal 14 febbraio sarà disponibile il modulo che consente di presentare l'istanza per ottenere il contributo economico per chi non riceve l'assegno di mantenimento per inadempimento del coniuge.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2015
Viminale | In attesa della pubblicazione in G.U. della legge sul c.d. "divorzio breve", la circolare n. 6/15 interviene su negoziazione assistita, accordi di separazione e divorzio davanti al Sindaco.

 
 
Condividi la notizia

17 dicembre 2015
Fiscalità | L'art. 23 della Costituzione stabilisce che "nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge". L'esenzione dipende dall'Elenco Istat "frutto di discrezionalità dell'amministrazione che redige l'elenco..". Nell'articolo il testo integrale dell'ordinanza.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.