Condividi la notizia

Processo amministrativo

Notifica del ricorso via PEC: avvocati nel caos

Mentre TAR Lazio e TAR Abruzzo dichiarano i ricorsi inammissibili, TAR Calabria e TAR Campania considerano valida la notifica eseguita telematicamente a mezzo di posta certificata.

In data 5 febbraio avevamo pubblicato un articolo nel quale si comunicava che il Tar Abruzzo, Pescara Sez. I con sentenza del 3 febbraio 2015 n. 49 aveva dichiarato inammissibile nel processo amministrativo il ricorso notificato a mezzo pec. Questa sentenza richiamava quella precedentemente depositata in data 13 gennaio 2015 dal Tar Lazio.

Ebbene occorre dar atto che contro tale orientamento interpretativo, appena un giorno dopo il TAR Calabria, Sezione II con sentenza n. 183 del 4 febbraio 2015 ha espressamente affermato in sintesi che "Nel processo amministrativo, è consentito al ricorrente redigere, ai sensi dell’art. 136, coma 2-bis c.p.a., il ricorso introduttivo nelle forme del documento informatico sottoscritto con firma digitale; notificarlo telematicamente, nel rispetto della disciplina dettata dall’art. 3-ter l. 21 gennaio1994, n. 53; costituirsi depositando, ai sensi dell’art. 9, commi 1-bis e 1-ter l. 21 gennaio 1994, n. 53, copia analogica del messaggio di postaelettronica certificata mediante la quale ha provveduto alla notifica di ricorso, del ricorso e degli altri allegati, delle ricevute di accettazione e avvenuta consegna, con attestazione, da parte del difensore, della conformità delle copie depositate ai documenti informatici da cui sono tratte. A tali condizioni, il rapporto processuale deve ritenersi correttamente instaurato e la costituzione del ricorrente è da considerarsi valida."

Tale diversa conclusione, peraltro, non risulta isolata in quanto il TAR Campania, Sezione Settima, con sentenza del 6 febbraio 2015 n. 923 ha espressamente affermato che "- che la notifica per mezzo di posta elettronica certificata (PEC) deve ritenersi valida ed efficacemente effettuata: ad avviso del Tribunale, la mancata autorizzazione ex art. 52 CPA non può ritenersi ostativa atteso che la predetta norma si relazione a forme “speciali” di notificazione, laddove il processo amministrativo, nella sua interezza tende ormai irreversibilmente a trasformarsi in processo amministrativo telematico (PAT; cfr. ex pluris, il DPCM 13 novembre 2014); sul piano della economicità delle forme, va ancora rilevato che l’autorizzazione, a seguito di innegabile rinnovabilità della notifica, non comporterebbe altro che una nuova notifica (verisimilmente) a mezzo PEC; che, in particolare, la legittimità della predetta notifica è comunque recuperabile ex art. 1 L. n. 53 del 21 gennaio1994 secondo cui 1. L'avvocato o il procuratore legale, munito di procura alle liti a norma dell'articolo 83 del codice di procedura civile e della autorizzazione del consiglio dell'ordine nel cui albo è iscritto a norma dell'articolo 7 della presente legge, può eseguire la notificazione di atti in materia civile, amministrativa e stragiudiziale a mezzo del servizio postale, secondo le modalità previste dalla legge 20 novembre 1982, n. 890, salvo che l'autorità giudiziaria disponga che la notifica sia eseguita personalmente. Quando ricorrono i requisiti di cui al periodo precedente, fatta eccezione per l'autorizzazione del consiglio dell'ordine, la notificazione degli atti in materia civile, amministrativa e stragiudiziale può essere eseguita a mezzo di posta elettronica certificata".

Gli avvocati, alla luce di tali diverse interpretazioni ed in mancanza di un intervento chiarificatore del Consiglio di Stato, prima di procedere alla notificazione a mezzo pec del ricorso dovranno accertarsi dell'orientamento che nelle varie regioni viene fatto proprio dal giudice amministrativo.

La Direzione

(12 febbraio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

5 febbraio 2015
Processo amministrativo | L'utilizzo dell'indirizzo di posta elettronica certificata solo per le comunicazioni di cancelleria. La sentenza del TAR Abruzzo, Pescara Sez. I del 3 febbraio 2015 n. 49.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Digitalizzazione | In G.U. pubblicato il decreto legge che proroga i termini per l'avvio a regime.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2018
Giustizia | Dal 25 maggio si devono utilizzare esclusivamente tali moduli.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Digitalizzazione | Già disponibili i moduli di deposito e le istruzioni per gli avvocati.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Giustizia amministrativa | Niente domande nuove nella sentenza del Consiglio di Stato del 15.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2015
Consiglio di Stato | Rivoluzione copernicana nel contenzioso lavoro. I principi sanciti nella sentenza del 28.10.2015.

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2016
Consiglio dei Ministri | 53 unità di personale con competenze specialistiche tra le misure di attuazione del programma di digitalizzazione degli uffici giudiziari.

 
 
Condividi la notizia

24 luglio 2015
Giustizia Amministrativa | Chi è stato parte sostanziale della procedura ha un interesse qualificato a difendere la propria posizione giuridica di titolare di un diritto di proprietà.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Consiglio di Stato | I riflessi del principio di non aggravio è ragionevole durata del processo nella sentenza del 7.12.2015 n. 5571.

 
 
Condividi la notizia

3 settembre 2014
CORTE DI CASSAZIONE | Nel processo ormai telematico la pec decide le sorti del giudizio. La Suprema Corte non entra nel merito del licenziamento e chiude in via tombale il processo.

 
 
Condividi la notizia

8 agosto 2016
Lavoro | È quanto prevede, fra le altre, una norma del decreto-legge 30 giugno 2016, n. 115 recante Disposizioni in materia Processo Amministrativo Telematico.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2018
Consiglio di Stato | Un singolare caso di mala gestio processuale che ha fatto durare inutilmente anni un processo amministrativo.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Abuso del Processo | La sentenza del 5 dicembre sui presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria prevista dell'art. 26 del codice del processo amministrativo come novellato dal D.L. n. 90/2014.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Fiscalità locale | La sentenza non definitiva del TAR Lazio del 4 agosto.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Fiscalità Locale | Caos generale e caos anche al TAR che rinvia all'udienza di merito.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.