Condividi la notizia

CONSIGLIO DI STATO

E' appellabile il decreto cautelare del Presidente del TAR?

La pronuncia del Presidente della IV Sezione del Consiglio di Stato, nel silenzio del Codice del processo amministrativo, sull'istanza di un futuro avvocato.

Un candidato all’esame di abilitazione alla professione forense veniva escluso dalla selezione (fin dalle prove scritte) poiché egli – pur avendo tempestivamente effettuato il versamento degli importi dovuti e presentato la domanda (in data 9 novembre 2018, prima della scadenza del termine del 12 novembre), ricevendo il c.d.  ‘codice identificativo a sbarre’ – non aveva allegato la copia della carta d’identità e le ricevute dei pagamenti già effettuati.

Rivoltosi al TAR (Emilia Romagna) otteneva un decreto presidenziale di rigetto delle richieste misure cautelari (ammissione con riserva).

Da qui l’appello al Consiglio di Stato, atteso che il TAR avrebbe esaminato collegialmente l’istanza cautelare in tempo non più utile (il 16 gennaio, quando le prove si sarebbero tenute a dicembre 2018).

Il Presidente della IV Sezione del Consiglio di Stato si è inizialmente interrogato se, nel silenzio del Codice del processo amministrativo, fosse possibile proporre appello avverso il decreto. E si è pronunciato con decreto n. 5971 del 7 dicembre 2018.

L’appellabilità del decreto monocratico del Presidente del TAR va considerata ammissibile esclusivamente quando vi siano eccezionali ragioni d’urgenza, tali da rendere irreversibile – per il caso di mancata emanazione di una misura monocratica in sede d’appello – la situazione di fatto, a causa del tempo che intercorre tra la data di emanazione del decreto appellato e la data nella quale è fissata la camera di consiglio per l’esame della domanda cautelare, da parte del TAR in sede collegiale.

Il caso in esame rientra nell’ipotesi in questione, poiché le prove scritte dell’esame di abilitazione si svolgono in data anteriore a quella fissata per l’esame della domanda cautelare in primo grado, nella sede collegiale.

E’ stato precisato che il Presidente della Sezione del Consiglio di Stato, se ritiene di accogliere l’appello e di riformare il decreto impugnato, emette una misura che ha unicamente la finalità di evitare che una situazione di fatto diventi irreversibile, e che comunque perde effetti quando il TAR esamina la domanda cautelare nella ordinaria sede collegiale: il TAR, ove ritenga di non condividere il decreto reso in sede d’appello (pur se “confermato” dall’ordinanza del Consiglio di Stato in sede collegiale nella relativa peculiare fase incidentale), decide la domanda cautelare posta al suo esame, con la pienezza dei propri poteri.

Ovviamente, il decreto cautelare monocratico del Presidente della Sezione del Consiglio di Stato va comunque sottoposto all’esame del Collegio e, nel caso di accoglimento dell’appello rivolto contro il decreto del TAR, egli deve fissare senza indugio la camera di consiglio collegiale del Consiglio di Stato, affinché il Collegio valuti (qualora il TAR non si sia già pronunciato in sede collegiale) se ribadire o meno le statuizioni del Presidente, fermo restando in ogni caso il potere del TAR di decidere anche successivamente la fase cautelare.

Rodolfo Murra

(11 dicembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 maggio 2015
Giustizia amministrativa | Niente domande nuove nella sentenza del Consiglio di Stato del 15.5.2015.

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2016
Consiglio dei Ministri | 53 unità di personale con competenze specialistiche tra le misure di attuazione del programma di digitalizzazione degli uffici giudiziari.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Consiglio di Stato | I riflessi del principio di non aggravio è ragionevole durata del processo nella sentenza del 7.12.2015 n. 5571.

 
 
Condividi la notizia

24 luglio 2015
Giustizia Amministrativa | Chi è stato parte sostanziale della procedura ha un interesse qualificato a difendere la propria posizione giuridica di titolare di un diritto di proprietà.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2014
Abuso del Processo | La sentenza del 5 dicembre sui presupposti per l'applicazione della sanzione pecuniaria prevista dell'art. 26 del codice del processo amministrativo come novellato dal D.L. n. 90/2014.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2018
Giustizia | Dal 25 maggio si devono utilizzare esclusivamente tali moduli.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Concorsi pubblici | I principi sanciti dalla Quinta Sezione del Consiglio di Stato sull'improcedibilità del giudizio.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Digitalizzazione | Già disponibili i moduli di deposito e le istruzioni per gli avvocati.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2015
Consiglio di Stato | Rivoluzione copernicana nel contenzioso lavoro. I principi sanciti nella sentenza del 28.10.2015.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2016
Digitalizzazione | In G.U. pubblicato il decreto legge che proroga i termini per l'avvio a regime.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2018
Consiglio di Stato | Un singolare caso di mala gestio processuale che ha fatto durare inutilmente anni un processo amministrativo.

 
 
Condividi la notizia

7 novembre 2018
TAR CAMPANIA | Quando secondo il Codice il sabato é equiparato ai giorni festivi.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

7 maggio 2016
Riforma | I punti principali evidenziati dal Consiglio di Stato, Commissione Speciale, nel parere del 3 maggio 2016 n. 1075.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.