Condividi la notizia

Appalti e contratti pubblici

L'A.N.AC alle stazioni appaltanti: fidejussioni solo da intermediari autorizzati

E' stato segnalato che vengono presentate, da parte degli operatori economici, garanzie provenienti da soggetti non in regola.

Con il Comunicato depositato in segreteria il 6 giugno, il Presidente dell'A.N.AC. Raffaele Cantone ha evidenziato che l’Autorità ha ricevuto segnalazioni di stazioni appaltanti in merito al protrarsi del fenomeno, già oggetto di specifica trattazione nella Determinazione n. 1 del 29.07.2014, relativo alla presentazione, da parte degli operatori economici, di garanzie a corredo dell’offerta ex art. 75 e di garanzie definitive ex 113 del d.lgs. 163/06 costituite sotto forma di fideiussione, rilasciate da intermediari non autorizzati.

L’art. 75 del d.lgs. 163/06 prevede che, qualora la garanzia sia costituita sotto forma di fideiussione, quest’ultima può essere bancaria o assicurativa o rilasciata da intermediari finanziari, purché questi siano iscritti nell'albo degli intermediari di cui all'articolo 106 del d.lgs. 1° settembre 1993, n. 385 (Testo Unico Bancario – d’ora in avanti T.U.B.) che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie e che sono sottoposti a revisione contabile da parte di una società di revisione iscritta nell’albo previsto dall’articolo 161 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58.

L’art. 113 del Codice prevede che la garanzia definitiva è costituita sotto forma di polizza fideiussoria con le modalità individuate dall’art. 75 del Codice.

Sul punto, l'Autorità Anticorruzione precisa che l’Albo unico degli intermediari di cui al citato art. 106 del d.lgs. 385/1993 (previsto a seguito della modifica apportata al T.U.B. dall’art. 28, comma 1, del d.lgs. 19 settembre 2012 n. 169),  non è stato ancora istituito e che, dalla data del 12 maggio 2015, ha preso avvio il regime transitorio di dodici mesi volto ad assicurare l’ordinato passaggio dal vecchio al nuovo regime normativo.

Pertanto, fino al 12 maggio 2016, continuerà ad applicarsi, per gli intermediari non iscritti al nuovo albo unico, il regime antecedente secondo cui gli intermediari abilitati al rilascio delle garanzie previste dal Codice dei Contratti, sono soltanto quelli iscritti nell’elenco previsto dall’art. 107 del T.U.B. (nella formulazione antecedente alla riforma intervenuta con il d.lgs. n. 169/2012).

Al fine di assicurare che le garanzie in argomento, preordinate ad assicurare la serietà e l’affidabilità dell’offerta e l’esatto adempimento della prestazione, siano rilasciate da soggetti preventivamente autorizzati dalla Banca d’Italia e sottoposti ai controlli prudenziali dell’Organismo di vigilanza, gli operatori economici e le stazioni appaltanti dovranno verificare che le polizze fideiussorie presentate ai sensi degli artt. 75 e 113 del Codice siano state rilasciate dai soggetti iscritti negli appositi elenchi consultabili sul sito internet della Banca d’Italia al seguente indirizzo: 
https://infostat.bancaditalia.it/giava-inquiry-public/flex/Giava/GIAVAFEInquiry.html#.

L'A.N.AC. segnala, altresì, che la Banca d’Italia ha inserito sul proprio sito internet anche un elenco dei soggetti non legittimati allo svolgimento dell'attività bancaria e finanziaria in Italia e un elenco di segnalazioni di abusiva attività bancaria e finanziaria ricevute da Autorità di vigilanza estere, che potranno essere consultati nei casi dubbi.

Inoltre,  nel suo  Comunicato il Presidente Cantone chiarisce che, in caso di presentazione di una cauzione provvisoria rilasciata da un soggetto non autorizzato, la stazione appaltante dovrà procedere all’esclusione del concorrente dalla procedura di affidamento. Come già evidenziato nella determinazione dell’Autorità n. 4 del 10.10.2012,  l’art. 75 del Codice presenta un contenuto immediatamente prescrittivo e vincolante, tale per cui deve ritenersi che la presentazione della cauzione provvisoria configuri un adempimento necessario a pena di esclusione.

La garanzia provvisoria, infatti, assolve allo scopo di assicurare la serietà dell’offerta e di costituire una liquidazione preventiva e forfettaria del danno nel caso non si addivenga alla stipula del contratto per causa imputabile all’aggiudicatario. Pertanto, essa è un  elemento essenziale dell’offerta e non un mero elemento di corredo della stessa.

Per avere maggiori informazioni: vai al testo integrale del Comunicato

Fonte: A.N.AC.

Moreno Morando

(7 luglio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

26 marzo 2015
Autorità Anticorruzione | Il Consiglio dell'A.N.AC. ha approvato la risposta ad una serie di quesiti sugli artt. 38 e 46 del d.lgs. 12 aprile 2006, n.163.

 
 
Condividi la notizia

4 dicembre 2016
Anac | Il comunicato del Presidente Cantone adottato a seguito della nuova disciplina del Codice dei Contratti e delle Concessioni.

 
 
Condividi la notizia

7 gennaio 2016
Enti Locali | Il Comunicato dell'Autorità Nazionale Anticorruzione sull’applicazione dell’art. 33, comma 3-bis del Codice dei Contratti Pubblici.

 
 
Condividi la notizia

25 gennaio 2015
procedure di affidamento | Nella Determinazione n. 1/2015 i criteri interpretativi dei nuovi commi 2-bis e 1-ter, rispettivamente degli artt. 38 e 46 del Codice dei contratti.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2017
Consiglio dei Ministri | Le novità in sintesi del decreto legislativo approvato in esame definitivo.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2016
ANAC | Pubblicate le Linee Guida n. 5.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2018
Appalti | L'approfondita analisi della natura giuridica delle Federazioni sportive da parte del Giudice amministrativo.

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2017
Contratti pubblici | L'art. 80 del Codice dei contratti interpretato dal TAR della Valle d'Aosta.

 
 
Condividi la notizia

13 settembre 2015
Gare pubbliche | Il Consiglio di Stato ribadisce due importanti principi in tema di domande di partecipazione lacunose.

 
 
Condividi la notizia

23 ottobre 2018
TAR PALERMO | Sulla natura tassativa od esemplificativa delle cause di esclusione previste dal Codice dei contratti pubblici.

 
 
Condividi la notizia

8 giugno 2015
Sblocca Italia | Il decreto contiene una serie di deroghe al codice dei contratti pubblici per snellire e semplificare, ma ci sono difformità nell'applicazione.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2015
Elemento fiduciario | L'esclusione ex art. 38 comma 1 lett. f) del Codice dei contratti nei principi sanciti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

4 dicembre 2018
CONSIGLIO DI STATO | Una pronuncia resa con riferimento all'art. 80 del Codice dei contratti (nella versione ante correttivo).

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2019
Miur | Bussetti: “Deroga importante al codice dei contratti pubblici per sveltire procedure”

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2017
Appalti | Le stazioni appaltanti e gli operatori economici sono invitati a segnalare eventuali problemi e criticità.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.