Condividi la notizia

Viminale

Separazione e divorzio, i chiarimenti sull'accelerazione del procedimento

In attesa della pubblicazione in G.U. della legge sul c.d. "divorzio breve", la circolare n. 6/15 interviene su negoziazione assistita, accordi di separazione e divorzio davanti al Sindaco.

Nelle scorse settimane, il Parlamento ha approvato in via definitiva la norma che riduce i tempi che devono intercorrere fra separazione e divorzio (il c. d. “divorzio breve”). Anticipato anche il momento dello scioglimento della comunione dei beni. In sostanza, dopo 45 anni, tutto cambia in materia di separazione e divorzio.

Nelle more della pubblicazione della legge sulla Gazzetta Ufficiale, ci limitiamo a sottolineare, brevemente, che la nuova disciplina dello scioglimento del matrimonio,  interviene direttamente sulla legge n. 898 del 1970, frutto di una lunga e dibattuta battaglia parlamentare. Inutili furono i successivi tentativi di abrogare la legge, anche attraverso il referendum.

Oggi tutto cambia velocemente e questa esigenza di rapidità è stata avvertita anche dal Legislatore, che è intervenuto con soli tre articoli, ma in maniera assolutamente significativa in una materia particolarmente delicata.

La nuova legge, in primo luogo, prevede la riduzione del tempo che deve passare fra la separazione e la richiesta per ottenere il divorzio, da tre anni a 6 mesi se si tratta di una separazione consensuale. Se, al contrario, le parti non sono d'accordo sui termini della separazione, i tempi si allungano a 12 mesi (separazione giudiziale). Tutto ciò, indipendentemente dalla presenza o meno di figli.

La separazione decorre da quando si compare davanti al Presidente del Tribunale; inoltre, la norma anticipa il momento dello scioglimento della comunione dei beni tra i coniugi al momento in cui il Presidente autorizza i coniugi a vivere separati. Con la vecchia legge, invece, occorreva aspettare il passaggio in giudicato della sentenza di separazione.

La nuova disciplina si applica anche ai procedimenti attualmente in corso. L'ordinanza che autorizza i coniugi a vivere separati sarà comunicata all'ufficio dello stato civile per l'annotazione dello scioglimento della comunione sull'atto di matrimonio.

Dal provvedimento, durante la discussione a Palazzo Madama, era stata stralciata la norma che prevedeva il c.d. "divorzio immediato", vale a dire "senza il periodo di separazione".

Sull'accelerazione del procedimento di separazione e divorzio erano già state adottate nel 2014 alcune misure acceleratorie, come la negoziazione assistita e gli accordi di separazione e divorzio davanti al sindaco.

In particolare, il decreto legge n. 132/2014, convertito nella legge 162/2014, prevede due modalità che semplificano i procedimenti di separazione e scioglimento degli effetti del matrimonio, ovvero delle condizioni di separazione o di divorzio, entrambi adottabili solo in caso di totale accordo dei coniugi.

Il Ministero dell’Interno - Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali - è intervenuto in questi giorni con la circolare n. 6/15 con importanti chiarimenti applicativi proprio in riferimento al decreto n.132/14 (conv. nella l. n. 162/14).

Con circolari ministeriali n. 16 del 1° ottobre 2014 e n. 19 del 28 novembre 2014, erano state emanate le prime indicazioni in merito agli adempimenti degli ufficiali dello stato civile ai sensi degli articoli 6 e 12 della norma testè citata.

In sede di applicazione delle nuove disposizioni normative, sono emerse difficoltà interpretative da parte degli ufficiali dello stato civile, in ragione della diversificata casistica delineatasi, che ha evidenziato fattispecie non sempre esattamente riconducibili all'ambito degli indirizzi diramati dal Viminale.

L'eventualità che possa essere pregiudicata l'uniforme ed omogenea applicazione sul piano nazionale delle nuove norme, ha suggerito al Ministero dell’Interno la necessità di ulteriori puntualizzazioni, che hanno tenuto conto anche approfondimenti condotti con il Ministero della Giustizia.

1. Applicabilità dell'istituto di cui all'art. 12 nei casi in cui siano presenti figli minori di uno solo dei coniugi.

La disposizione di cui all'articolo 12, comma 2, del decreto legge in esame, in forza della quale è escluso il ricorso all'istituto in presenza di figli minori, di figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero economicamente non autosufficienti, si riferisce all’ipotesi in cui i coniugi abbiano “figli in comune”, che si trovino nelle condizioni richiamate nell'articolo.

Al contrario, nulla osta l'eventuale presenza di figli minori, portatori di handicap grave, maggiorenni incapaci o economicamente non autosufficienti, non comuni ma di uno soltanto dei coniugi richiedenti.

2. Ambito di applicazione dell'articolo 12, con riferimento alla previsione di cui al comma 3, terzo periodo (patti di trasferimento patrimoniale).

La disposizione di cui all'articolo 12, comma 3, del decreto-legge in esame, vieta espressamente che l'accordo possa contenere "patti di trasferimento patrimoniale" produttivi di effetti traslativi di diritti reali.

Non rientra, invece, nel divieto della norma la previsione, nell'accordo concluso davanti all'ufficiale dello stato civile, di un obbligo di pagamentodi una somma di denaro a titolo di assegno periodico, sia nel caso di separazione consensuale (c.d. assegno di mantenimento), sia nel caso di richiesta congiunta di cessazione degli effetti civili o scioglimento del matrimonio ( c. d. assegno divorzile).

Le parti possono inoltre richiedere, sempre congiuntamente, la modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio già stabilite ed, in particolare, possono chiedere l'attribuzione di un assegno periodico (di separazione o di divorzio) o la sua revoca o ancora la sua revisione quantitativa.

Si tratta, infatti, di disposizioni negoziali che determinano tra i coniugi l'insorgenza di un rapporto obbligatorio, chenon produce effetti traslativisu di un bene determinato preclusi dalla norma.

Al riguardo, il Viminale precisa che l'ufficiale dello stato civile è tenuto a recepire quanto concordato dalle parti, senza entrare nel merito della somma consensualmente decisa, né della congruità della stessa.

Non può, invece, costituire oggetto di accordo la previsione della corresponsione, in unica soluzione, dell'assegno periodico di divorzio (c.d. liquidazione una tantum), perché si tratta di attribuzione patrimoniale (mobiliare o immobiliare).

3. Decorrenza del termine entro cui l'avvocato della parte deve trasmettere l'accordo autorizzato dall'autorità giudiziaria ai sensi dell'articolo 6.

Il termine dei 10 giorni, entro il quale l'avvocato della parte è obbligato a trasmettere all'ufficiale dello stato civile copia dell'accordo, decorre dalla data di comunicazione alle parti del provvedimento (nulla osta o autorizzazione) del Procuratore della Repubblica o del Presidente del Tribunale, a cura della segreteria o della cancelleria.

4. Possibilità che le parti della convenzione di cui all'art. 6 si avvalgono del medesimo avvocato.

Il dato letterale della disposizione normativa, preclude l'interpretazione tesa a consentire alle parti di avvalersi di un unico avvocato.

A tal proposito, tuttavia, il Ministero dell’Interno chiarisce, in ogni caso, che alla trasmissione della copia dell’accordo potrà provvedere anche uno soltanto degli avvocati che ha assistito uno dei coniugi ed ha autenticato la sottoscrizione.

Per maggiori informazioni: circolare n. 6/15

Moreno Morando

(2 maggio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

25 marzo 2015
Avvocati | Sono il frutto della collaborazione fra il Consiglio Nazionale Forense, l'Istat, il Ministero dell'Interno e quello della Giustizia.

 
 
Condividi la notizia

11 maggio 2015
Matrimonio civile | Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n. 107 del 11 maggio 2015, le disposizioni che modificano la legge approvata 45 anni fa.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2014
Rivoluzione divorzio | Sei mesi per sciogliere il matrimonio se la separazione e' consensuale, stop alla separazione obbligatoria di tre anni.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2014
Riforme | Un nuovo passo in avanti per semplificare e rendere più celere l'addio tra i coniugi. Ok agli emendamenti proposti al disegno di legge sul "divorzio breve”.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2015
Agenzia delle Entrate | Nella Risoluzione n. 65/E/2015 affrontato il tema della tassazione, ai fini dell’imposta di registro, degli accordi conclusi a seguito di convenzione di negoziazione assistita.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2014
Camera dei Deputati | Questione di ore per la decisione finale.

 
 
Condividi la notizia

13 gennaio 2016
Dichiarazione dei redditi | Il Ministero della Giustizia comunicherà all’interessato entro il 30 aprile, l’importo del credito d’imposta riconosciuto.

 
 
Condividi la notizia

8 febbraio 2015
Riforma della Giustizia | Obbligo per gli avvocati di avviare un tentativo di negoziazione assistita prima del deposito della domanda giudiziale nelle controversie per il risarcimento del danno da sinistri stradali e recupero di somme, fino a 50mila euro, a qualsiasi titolo dovute.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Ministero dell'Interno | Basta andare due volte davanti all'Ufficiale di Stato civile, anche senza avvocato. La circolare ministeriale sui nuovi adempimenti.

 
 
Condividi la notizia

9 gennaio 2015
Gazzetta Ufficiale | Nel decreto del 9 gennaio 2015 tutte le formule per la redazione degli atti in materia di separazione personale, di cessazione degli effetti civili e di scioglimento del matrimonio, nonché di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2014
Matrimonio | In attesa del sinodo che dovrà pronunciarsi sulla riammissione ai sacramenti dei divorziati risposati, Bergoglio promuove una commissione per studiare la riduzione dei processi canonici di annullamento.

 
 
Condividi la notizia

14 settembre 2014
"Negoziazione assistita" | Sara' possibile separarsi e divorziare senza rivolgersi al Tribunale, ma solo in caso di accordo consensuale e in mancanza di figli minorenni o, in alcuni, anche di maggiorenni.

 
 
Condividi la notizia

21 ottobre 2018
Giustizia | Entro due settimane verrà reso pubblico il progetto. Intervento anche su negoziazione assistita e mediazione.

 
 
Condividi la notizia

20 novembre 2018
CORTE DI CASSAZIONE | Il caso di un Sindaco condannato per scorretta gestione di un centro di raccolta dei rifiuti.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2016
corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 9.2.2016 n. 2506.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.