Condividi la notizia

Riforme

Divorzio Immediato: il si della Commissione giustizia

Un nuovo passo in avanti per semplificare e rendere più celere l'addio tra i coniugi. Ok agli emendamenti proposti al disegno di legge sul "divorzio breve”.

La Commissione giustizia del Senato, nella seduta del 19 novembre ha dato l’ok agli emendamenti proposti al disegno di legge cosiddetto del “divorzio breve”.

 Così il Parlamento ha definitivamente aperto la strada allo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio in via “diretta”, che potranno essere richiesti da entrambi i coniugi, con ricorso congiunto presentato esclusivamente all'autorità giudiziaria competente, anche in assenza di separazione legale, quando non vi siano figli minori, figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ovvero figli di età inferiore ai 26 anni economicamente non autosufficienti.

Il provvedimento poi, che ha visto una maggioranza spaccata e contrasti interni anche ai singoli gruppi della Commissione, disciplina anche la fase della separazione accorciando, rispetto la legge attuale, i tempi per ottenere il divorzio.

Mentre oggi devono passare tre anni a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al Presidente del Tribunale nella procedura di separazione personale (anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale), nel disegno di legge si passa a 12 mesi (nel caso di separazione giudiziale) e soli 6 mesi  in quella consensuale.

Sul fronte economico, infine, è stato accolto l’emendamento al disegno di legge circa la comunione dei beni tra marito e moglie, dove si stabilisce che questa venga meno nel momento esatto in cui il giudice concede l’autorizzazione ai due coniugi a vivere separati oppure alla data di sottoscrizione del processo verbale di separazione consensuale, purché omologato.

Le novità sul divorzio breve vanno ad aggiungersi a quelle, contenute nella mini riforma al processo civile che consentiranno (dall’11 dicembre) di semplificare le procedure di scioglimento dei legami affettivi, senza andare in tribunale, anche di fronte al Sindaco.

Se per alcuni il mantenere la necessità del passaggio per la fase della separazione personale, finisce per costituire, di fatto, una vessazione nei confronti di due persone che, come liberamente hanno deciso di unirsi in matrimonio, così altrettanto liberamente stanno decidendo di separarsi, per altri la previsione di un'ipotesi di divorzio non subordinata ad una precedente fase di separazione personale costituisce una innovazione radicale suscettibile di creare difficoltà e incertezze sul piano sistematico e di avere effetti negativi nella prassi applicativa.

Luca Tosto

(23 novembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

9 gennaio 2015
Gazzetta Ufficiale | Nel decreto del 9 gennaio 2015 tutte le formule per la redazione degli atti in materia di separazione personale, di cessazione degli effetti civili e di scioglimento del matrimonio, nonché di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2015
Viminale | In attesa della pubblicazione in G.U. della legge sul c.d. "divorzio breve", la circolare n. 6/15 interviene su negoziazione assistita, accordi di separazione e divorzio davanti al Sindaco.

 
 
Condividi la notizia

30 maggio 2014
Rivoluzione divorzio | Sei mesi per sciogliere il matrimonio se la separazione e' consensuale, stop alla separazione obbligatoria di tre anni.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Ministero dell'Interno | Basta andare due volte davanti all'Ufficiale di Stato civile, anche senza avvocato. La circolare ministeriale sui nuovi adempimenti.

 
 
Condividi la notizia

25 marzo 2015
Avvocati | Sono il frutto della collaborazione fra il Consiglio Nazionale Forense, l'Istat, il Ministero dell'Interno e quello della Giustizia.

 
 
Condividi la notizia

14 settembre 2014
"Negoziazione assistita" | Sara' possibile separarsi e divorziare senza rivolgersi al Tribunale, ma solo in caso di accordo consensuale e in mancanza di figli minorenni o, in alcuni, anche di maggiorenni.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2014
Camera dei Deputati | Questione di ore per la decisione finale.

 
 
Condividi la notizia

27 novembre 2014
Bruxelles | Pubblicato il primo rapporto sui progressi compiuti nelle riforme dall'Italia nella correzione degli squilibri macroeconomici.

 
 
Condividi la notizia

21 febbraio 2016
corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 9.2.2016 n. 2506.

 
 
Condividi la notizia

11 maggio 2015
Matrimonio civile | Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n. 107 del 11 maggio 2015, le disposizioni che modificano la legge approvata 45 anni fa.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2015
Agenzia delle Entrate | Nella Risoluzione n. 65/E/2015 affrontato il tema della tassazione, ai fini dell’imposta di registro, degli accordi conclusi a seguito di convenzione di negoziazione assistita.

 
 
Condividi la notizia

27 maggio 2014
Europee | "L'Italia ha tutte le condizioni per cambiare" ha affermato il Premier, ma il cambiamento passa per una "accelerazione delle riforme" per essere credibili in Europa.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2015
Corte Costituzionale | Solo in astratto l'assegno deve garantire al coniuge economicamente più debole il medesimo tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. Il "diritto vivente" secondo la Consulta.

 
 
Condividi la notizia

22 settembre 2014
Matrimonio | In attesa del sinodo che dovrà pronunciarsi sulla riammissione ai sacramenti dei divorziati risposati, Bergoglio promuove una commissione per studiare la riduzione dei processi canonici di annullamento.

 
 
Condividi la notizia

10 luglio 2014
Doppio cognome | La Commissione Giustizia della Camera dei Deputati ha licenziato il provvedimento, che sará portato all'esame dell'Aula da lunedi' 14 luglio.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.