Condividi la notizia

Agenzia delle Entrate

Sport dilettantistico: i chiarimenti su pagamenti e versamenti

La Risoluzione n. 45/E fornisce istruzioni sugli obblighi riguardanti le associazioni sportive amatoriali.

Con la Risoluzione n. 45/E del 6 maggio 2015, l’Agenzia delle Entrate – Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso – ha fornito importanti istruzioni e chiarimenti sull’ obbligo di tracciabilità dei pagamenti e versamenti delle Associazioni sportive dilettantistiche.

In particolare, le Entrate sottolineano che, nei diversi gradi di giudizio, pendono controversie riguardanti la violazione di detto obbligo da parte della Associazioni sportive dilettantistiche (ASD) e gli uffici, oltre a disconoscere i benefici di cui alla legge 16 dicembre 1991, n. 3982, procedono, con le contestazioni di rito previste dalla normativa vigente.

Nello specifico:

a) nel caso di pagamenti effettuati dall’ASD nei confronti degli atleti e dirigenti sportivi, al disconoscimento in capo ai suddetti soggetti del beneficio dell’esenzione dall’IRPEF previsto dall’art. 69, comma 23, del DPR 22 dicembre 1986, n. 917, per i compensi, fino all’importo di 7.500,00 euro, corrisposti agli stessi dall’associazione;

b) nel caso di somme percepite dall’ASD (a titolo di sponsorizzazione), al disconoscimento della deducibilità del relativo costo in capo al soggetto erogante.

Nella Risoluzione in esame, L’Agenzia delle Entrate precisa che l’art. 69, comma 2, del TUIR prevede che “le indennità, i rimborsi forfettari, i premi e i compensi di cui alla lettera m) del comma 1 dell'articolo 67 non concorrono a formare il reddito per un importo non superiore complessivamente nel periodo d'imposta a 7.500 euro….”.

Conseguentemente, per l’Agenzia, i compensi erogati dalle associazioni sportive dilettantistiche riconosciute dal CONI – che costituiscono redditi diversi ai sensi dell’art. 67, comma 1, lett. m), del medesimo TUIR- non concorrono alla formazione del reddito del percipiente fino all’importo di 7.500 euro.

In giudizio, infatti, i contribuenti contestano la legittimità della pretesa impositiva. Le Entrate, pertanto, con la Risoluzione n.45/E hanno provveduto ad illustrare nel dettaglio la normativa vigente.

Considerata la nuova formulazione dell’articolo 25, comma 5, l’Agenzia ritiene, quindi, che la disposizione dell’art. 4, comma 3, del DM n. 473 del 1999 non sia più applicabile e che, pertanto, in caso di inosservanza dell’obbligo della tracciabilità, non sia più possibile procedere al disconoscimento della deducibilità dei costi in capo ai soggetti eroganti, né del regime di esenzione dall’Irpef per i percipienti delle somme corrisposte dall’ASD.

Per completezza l’Agenzia delle Entrate rileva che, in caso di erogazioni liberali alle ASD, resta ferma la regola (valevole in via generale per tutte le tipologie di erogazioni liberali agevolate, come chiarito con risoluzione 3 agosto 2009, n. 199/E6) della necessaria tracciabilità del versamento (a prescindere dall’importo) per poter usufruire del beneficio fiscale riconosciuto.

Alla luce dei chiarimenti forniti con la Risoluzione in esame, le Entrate invitano, quindi, le strutture territoriali a riesaminare le controversie pendenti concernenti la materia in esame e - in caso di difformità nell’attività  dell’Ufficio, rispetto agli indirizzi sopra espressi - ad abbandonare la pretesa tributaria, sempre che non siano sostenibili altre questioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Entrate Risoluzione 45/E

Moreno Morando

(7 maggio 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Fisco e calcio | Il direttore dell'Agenzia delle Entrate ed il presidente della FIGC hanno firmato un protocollo d'intesa per lo scambio delle informazioni necessarie a verificare l'equilibrio finanziario delle società sportive.

 
 
Condividi la notizia

21 dicembre 2015
Fisco | Scaricando l'applicazione tutti i cittadini potranno evitare le coda con il web-ticket, vedere i tempi di attesa del proprio turno, chiedere l'abilitazione e il Pin per Fisconline ed Entratel, consultare il cassetto fiscale.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2015
Opportunità | La presentazione delle domande entro il 10 ottobre 2015, nell'articolo tutte le informazioni per partecipare.

 
 
Condividi la notizia

11 gennaio 2016
Lavoro | La richiesta di partecipazione va presentata entro il 15 gennaio 2016.

 
 
Condividi la notizia

3 aprile 2016
Vigilanza e controllo | Firmato il Protocollo per monitorare le procedure di gara per prevenire tentativi di infiltrazione criminale.O

 
 
Condividi la notizia

25 ottobre 2016
fiscalità | Arriva il nuovo ente "Agenzia delle Entrate - Riscossione". Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto legge n. 193/2016.

 
 
Condividi la notizia

3 agosto 2015
Iniziative sociali | Sottoscritto il Protocollo d'Intesa per promuovere le attività motorie ed incentivare la realizzazione di progetti sportivi rivolti alla platea giovanile.

 
 
Condividi la notizia

23 gennaio 2016
Adempimenti fiscali | Chi, che cosa e come nella tabella elaborata dall'Agenzia delle Entrate.

 
 
Condividi la notizia

20 gennaio 2015
Agenzia delle Entrate | Le risposte aggiornate del Fisco a tutti i quesiti che riguardano la cedolare secca.

 
 
Condividi la notizia

20 maggio 2015
Agenzia delle Entrate | Aperta la consultazione per trasmettere al Fisco le informazioni previste dall'accordo Fatca.

 
 
Condividi la notizia

2 maggio 2014
Agenzia delle Entrate | Parte il tour 2014 dell'Agenzia delle Entrate per fornire assistenza ai cittadini. La prima tappa nel Piemonte, l'ultima in Emilia Romagna

 
 
Condividi la notizia

23 aprile 2015
Agenzia delle Entrate | Le precisazioni del Fisco in risposta alla stampa sulle conseguenze derivanti dalla sentenza della Corte Costituzionale.

 
 
Condividi la notizia

20 gennaio 2015
Lavori edili | Tutto quello che c'è da sapere sul Bonus Ristrutturazioni nelle faq aggiornate dell'Agenzia delle Entrate.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2016
Agenzia delle Entrate | Secondo anno di record consecutivo per il recupero dell'evasione: in cassa 14,9 mld 250 milioni di euro. Lettere di compliance: 1 su 2 corregge la propria posizione.

 
 
Condividi la notizia

3 ottobre 2016
Agenzia delle Entrate | Le nuove istruzioni per accedere al beneficio a seguito di definizione per acquiescenza all'avviso di accertamento oppure di adesione all'avviso di accertamento.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.