Condividi la notizia

Risarcimento danni

Magistrati: in Gazzetta Ufficiale la legge sulla Responsabilità Civile

Entra in vigore il 19 marzo 2015 la legge n. 18/2015 che regola la disciplina della responsabilità civile dello Stato e dei Magistrati.

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 52 del 4.3.2015 la legge 27 febbraio 2015, n. 18 sulla "Disciplina della responsabilità civile dei magistrati".

Con tale legge, che entrerà in vigore in data 19 marzo 2015 - relativamente alla "Responsabilità per dolo o colpa grave" viene modificata la previgente disciplina (articolo 2 della citata legge 13 aprile 1988, n. 117) stabilendo che:

"1. Chi ha subito un danno ingiusto per effetto di un comportamento, di un atto o di un provvedimento giudiziario posto in essere dal magistrato con dolo o colpa grave nell'esercizio delle sue funzioni ovvero per diniego di giustizia può' agire contro lo Stato  per ottenere il risarcimento dei danni patrimoniali e anche di quelli non patrimoniali. 

 2. Fatti salvi i commi 3 e 3-bis ed i casi di dolo, nell'esercizio delle funzioni giudiziarie non puo' dar luogo a responsabilita' l'attivita' di interpretazione di norme di diritto ne' quella di valutazione del fatto e delle prove. 

 3. Costituisce colpa grave la violazione manifesta della legge nonche' del diritto dell'Unione europea, il travisamento del fatto o delle prove, ovvero l'affermazione di un fatto la cui esistenza e' incontrastabilmente esclusa dagli atti del procedimento o la negazione di un fatto la cui esistenza risulta incontrastabilmente dagli atti del procedimento, ovvero l'emissione di un provvedimento cautelare personale o reale fuori dai casi consentiti dalla legge oppure senza motivazione. 

 3-bis. Fermo restando il giudizio di responsabilita' contabile di cui al decreto-legge 23 ottobre 1996, n. 543, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 dicembre 1996, n. 639, ai fini della determinazione dei casi in cui sussiste la violazione manifesta della legge nonché del diritto dell'Unione europea si tiene conto, in particolare, del grado di chiarezza e precisione delle norme violate nonche' dell'inescusabilità e della gravita' dell'inosservanza. In caso di violazione manifesta del diritto dell'Unione europea si deve tener conto anche della mancata osservanza dell'obbligo di rinvio pregiudiziale ai sensi dell'articolo 267, terzo paragrafo, del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, nonché del contrasto dell'atto o del provvedimento con l'interpretazione espressa dalla Corte di giustizia dell'Unione europea."

L'Articolo 2 aumenta a tre anni (prima il termine era di due anni) il termine di decadenza per proporre la domanda di risarcimento del danno azionabile soltanto quando siano stati esperitii mezzi ordinari di impugnazione o gli altri rimedi previsti contro i provvedimenti cautelari e sommari, e comunque quando non siano più possibili la modifica o la revoca del provvedimento ovvero, se tali rimedi non sono previsti, quando sia esaurito il grado del procedimento nell'ambito del quale si e' verificato il fatto che ha cagionato il danno.

L'azione puo' essere esercitata decorsi tre anni dalla data del fatto che ha cagionato il danno se in tal termine non si e' concluso il grado del procedimento nell'ambito del quale il fatto stesso si e' verificato. In tali casi l'azione deve essere promossa entro tre anni (prima erano due anni) dalla scadenza del termine entro il quale il magistrato avrebbe dovuto provvedere sull'istanza.  In nessun caso il termine decorre nei confronti della parte che, a causa del segreto istruttorio, non abbia avuto conoscenza del fatto.

Il Presidente del Consiglio dei ministri, entro due anni dal risarcimento avvenuto sulla base di titolo giudiziale o di titolo stragiudiziale, ha l'obbligo di esercitare l'azione di rivalsa nei confronti del magistrato nel caso di diniego di giustizia, ovvero nei casi in cui  la violazione manifesta della legge nonche' del diritto dell'Unione europea ovvero il travisamento del fatto o delle prove, di cui all'articolo 2, commi 2, 3 e 3-bis, sono stati determinati da dolo o negligenza inescusabile. 

In nessun caso la transazione e' opponibile al magistrato nel giudizio di rivalsa o nel giudizio disciplinare. I giudici popolari rispondono soltanto in caso di dolo. I cittadini estranei alla magistratura che concorrono a formare o formano organi giudiziari collegiali rispondono in caso di dolo o negligenza inescusabile per travisamento del fatto o delle prove.  

Per maggiori informazioni scarica la legge 

Enrico Michetti

La Direzione

(4 marzo 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

24 febbraio 2015
Camera dei deputati | Approvata la proposta di legge sulla disciplina della responsabilità civile dei magistrati.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2014
RIFORMA DELLA GIUSTIZIA | Aggiornate le linee guida. Si alza la soglia della rivalsa: fino alla metà dello stipendio del giudice che sbaglia. Nessun limite in caso di dolo e niente filtri tra cittadino e giudice

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2014
Colpo di mano alla camera | Maggioranza battuta per 7 voti. L'emendamento della Lega al Ddl sull'Ue, nel Pd 34 franchi tiratori. Sel e M5s si astengono e favoriscono Forza Italia. L'Anm: "Norma anticostituzionale"

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2016
Giustizia | La riforma della magistratura onoraria è diventata legge. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

7 agosto 2016
Lavoro | Sulla Gazzetta Ufficiale n. 62 del 5.8.2016 il concorso per i posti di giudice tributario presso le Commissioni Tributarie regionali e provinciali.

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2016
Consiglio dei Ministri | Il provvedimento riguarda la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, l'efficienza degli uffici giudiziari, nonché la giustizia amministrativa.

 
 
Condividi la notizia

24 novembre 2014
Sport per tutti | Nonostante le grandi parate del portiere Romani, i magistrati capitanati dal giudice Rotondo hanno travolto la compagine amaranto della Gazzetta Amministrativa. Il capitano Michetti dichiara: "Oggi i giudici erano troppo forti!...".

 
 
Condividi la notizia

19 ottobre 2016
riforme | Approvato in via definitiva dal Senato il disegno di legge di conversione del decreto-legge. Tutte le novità nell'articolo.

 
 
Condividi la notizia

6 luglio 2017
Equilibrio tra i sessi | 4.900 su 9.408 magistrati in organico, cioè il 52%. In minoranza alla guida degli uffici giudiziari.

 
 
Condividi la notizia

10 settembre 2014
Associazione Nazionale Magistrati | L'ANM ha diffuso un comunicato durissimo contro le linee di riforma annunciate dal Ministro Orlando, nella foto con Renzi. Caos in Emilia-Romagna per le indagini sulle "spese pazze" in Consiglio Regionale.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Tempo libero | Al termine di una partita avvincente i magistrati si arrendevano soltanto nel finale. Nella foto i due capitani.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
RIFORMA DELLA GIUSTIZIA | Il commento del presidente dell'Associazione nazionale dei magistrati sulle linee guida della riforma della giustizia e sulle nuove norme in merito alla responsabilità dei magistrati.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Consiglio dei Ministri | Nella conferenza stampa organizzata dopo la riunione dell'Esecutivo, il Presidente del Consiglio ha parlato delle questioni scottanti delle intercettazioni e della responsabilita' civile dei magistrati. la Concordia sara' smantellata a Genova.

 
 
Condividi la notizia

24 giugno 2015
Consiglio dei Ministri | Il provvedimento contiene anche misure urgenti in materia civile, processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell'amministrazione giudiziaria.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
personale | I presupposti che consentono la condanna dell'Amministrazione nella sentenza della Suprema Corte del 31 marzo 2015 n. 13799.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.