Condividi la notizia

Associazione Nazionale Magistrati

Giustizia: i Magistrati bocciano la riforma. Indagati i candidati PD alle primarie in Emilia-Romagna

L'ANM ha diffuso un comunicato durissimo contro le linee di riforma annunciate dal Ministro Orlando, nella foto con Renzi. Caos in Emilia-Romagna per le indagini sulle "spese pazze" in Consiglio Regionale.

La giornata di ieri del Governo Renzi era cominciata con un pesantissimo attacco  dell’Associazione Nazionale Magistrati alla riforma della Giustizia, annunciata pochi giorni fa ”come una rivoluzione” e che aveva trovato il plauso del Commissario UE competente sulla materia, in visita a Roma.

L’ANM è l’organismo rappresentativo -per statuto, senza carattere politico- che raggruppa la quasi totalità dei magistrati italiani. Basti pensare che nel 2011 risultavano iscritti 8.284 degli 8.886 magistrati in servizio. Non è un sindacato, perché non ha poteri di contrattazione sulle retribuzioni, che vengono invece stabilite con decreto ministeriale. In passato il PDL ed il Partito Radicale avevano accusato l’ANM di “atteggiamenti corporativi” (fonte : Wikipedia).

Secondo l’organismo che rappresenta i magistrati, le iniziative del Governo in materia di riforma del settore “consistono in interventi contenuti e sono in parte frutto di compromesso”. Ne dà notizia adnkronos.

L’ANM fa quindi presente che “le notizie finora diffuse non possono che suscitare delusione”, dato che gli interventi dell’Esecutivo, secondo i magistrati dell’organismo che li rappresenta, “purtroppo non toccano il tema centrale delle risorse, quello che condiziona in larga misura l’efficienza della macchina giudiziaria”.

Nella nota dell’ Associazione Nazionale si precisa che la magistratura “non pone veti ed è pronta a discutere di tutto, ma non potrà tacere di fronte all’inefficacia di una riforma della giustizia definita rivoluzionaria e che, invece, se tali linee fossero confermate, si ridurrebbe a interventi di scarso respiro e a norme punitive, ispirate a logiche che credevamo appartenere al passato”.

L’ANM prosegue poi con una dura critica alla parte della riforma che attiene alla giustizia civile, con un pesante giudizio anche sulla mancanza di risposte “nelle delicate materie etiche e bioetiche". Infine, la nota conclude sottolineando “come l’inerzia della politica vada in parallelo con periodiche, violente accuse rivolte ai magistrati di volersi sostituire al legislatore”.

Si è registrata una reazione negativa alla presa di posizione dell’ANM da parte della “parte renziana” della maggioranza di Governo (ed esempio il vicesegretario PD Guerrini) -mentre non si è fatta sentire la minoranza PD- e di Forza Italia.

Poche ore dopo, tuttavia, la giornata dei dirigenti del PD è stata definitivamente rovinata dalle notizie provenienti dall’Emilia-Romagna, dove sono in programma le primarie in vista delle elezioni regionali, indette a seguito delle dimissioni del presidente Vasco Errani, per una condanna ad un anno di reclusione.

Uno dei tre candidati del PD, Stefano Richetti, ha annunciato di ritirarsi  dopo che si era diffusa la notizia che lo stesso risulta indagato per peculato dalla Procura di Bologna, in un’inchiesta sulle c.d. “spese pazze” nel Consiglio Regionale dell’Emilia-Romagna.

Richetti ha dichiarato che la sua rinuncia non è collegata alle indagini, tuttavia la coincidenza non sembrerebbe lasciare alcun dubbio. Poche ore dopo, tuttavia, è arrivata la notizia che anche l’altro candidato del PD, Stefano Bonaccini (sostenuto da Renzi) risulta indagato, sempre per peculato, nella stessa inchiesta che coinvolge altre sei persone. In questo caso, però, l’interessato ha evidenziato che intende proseguire nella corsa per le primarie, dichiarandosi a disposizione della Procura.

Le notizie hanno naturalmente messo in agitazione i dirigenti del Partito Democratico. Tra i protagonisti della politica e sui quotidiani vicini a Berlusconi non è mancato chi ha fatto notare la curiosa coincidenza di tempi tra la presa di posizione dell’ANM e la notizia sulle indagini a carico dei due candidati alla primarie del PD.

Renzi, fino ad ieri sera, non aveva rilasciato dichiarazioni sulla vicenda dell’Emilia-Romagna, ma aveva fatto qualche battuta sulla protesta dell’ANM. In ogni caso, a Bruno Vespa che lo intervistava, ha dichiarato che preferisce “sembrare arrogante, che arrendevole”.

Non c’è dubbio che Renzi -qualunque cosa si possa pensare sul suo metodo comunicativo e sulle priorità scelte dal suo Governo- abbia lanciato alcune sfide a dei veri e propri “totem”  per la sinistra ed il sindacato : valga per tutti l’annunciata volontà di introdurre flessibilità nel mercato del lavoro.

Tuttavia, la sfida che si profila con la magistratura organizzata sulla questione della riforma della giustizia ha tutta l’aria di essere ancora più impegnativa per il Presidente del Consiglio e segretario del Partito Democratico.

Insomma, per metterla in versi, si potrebbe dire che, in un ipotetico “sogno”, il suo concittadino Dante Alighieri -cambiando in questo caso il soggetto, che nel secondo canto dell’Inferno era il suo ingegno (“o mente che scrivesti ..”)- gli si potrebbe rivolgere con queste parole: “O Matteo …qui si parrà la tua nobilitate”.

 

 

 

 

 

Moreno Morando

(10 settembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

27 giugno 2014
Giustizia | Nel corso di un incontro con l'Associazione Nazionale Magistrati il Ministro Andrea Orlando ha chiarito che nel progetto di riforma della Giustizia non sarà prevista alcuna riduzione dell'uso delle intercettazioni.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Consiglio dei Ministri | Nella conferenza stampa organizzata dopo la riunione dell'Esecutivo, il Presidente del Consiglio ha parlato delle questioni scottanti delle intercettazioni e della responsabilita' civile dei magistrati. la Concordia sara' smantellata a Genova.

 
 
Condividi la notizia

28 giugno 2014
Governo | L'esecutivo convocato per lunedi' 30 giugno dovra' affrontare varie questioni, ma nell'elenco diramato dalla Presidenza del Consiglio non si fa cenno alla questione piu' delicata, sulla quale ha lavorato a lungo il ministro Orlando

 
 
Condividi la notizia

12 agosto 2014
Governo | C'è tempo fino al 31 agosto 2014 per partecipare alle consultazioni pubbliche sulle linee guida dello "Sblocca Italia" e della riforma della Giustizia.

 
 
Condividi la notizia

26 giugno 2014
Giustizia | La riforma della Giustizia approderà il 30 giugno in CDM. Attese nuove norme sulle intercettazioni, riforma del CSM, reintroduzione del reato di falso in bilancio. Le opposizioni affilano le lame.

 
 
Condividi la notizia

15 marzo 2016
Presidenza italiana | Il Ministro della giustizia italiano, On.le Andrea Orlando, presiederà domani la Conferenza Ministeriale OCSE anticorruzione.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2015
Giustizia-Anci | Siglato un Accordo quadro tra il Guardasigilli Andrea Orlando ed il Presidente dell'associazione Piero Fassino.

 
 
Condividi la notizia

21 ottobre 2015
Parigi 2016 | Il Ministro della Giustizia italiano, On.le Andrea Orlando, presiederà la Conferenza ministeriale anticorruzione dell'OCSE, in programma il 16 marzo 2016 a Parigi.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2014
RIFORMA DELLA GIUSTIZIA | Il commento del presidente dell'Associazione nazionale dei magistrati sulle linee guida della riforma della giustizia e sulle nuove norme in merito alla responsabilità dei magistrati.

 
 
Condividi la notizia

21 agosto 2014
Riforma della Giustizia | Con un tweet al vetriolo il Premier ha contestato il rifiuto del M5S di incontrare Orlando, riferendosi alle dichiarazioni di Di Battista.

 
 
Condividi la notizia

28 agosto 2014
Consiglio dei Ministri | Il Premier portera' domani all'attenzione del CdM una serie di riforme per la cui attuazione ci sarebbero problemi di copertura finanziaria.

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2014
Giustizia Civile | Da un'analisi di Confartigianato risulta che in Europa solo la Grecia e' piu' lenta di noi per arrivare alla sentenza di primo grado.

 
 
Condividi la notizia

3 novembre 2017
Giustizia | Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame preliminare due decreti legislativi. Le novità in sintesi.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2017
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza pubblicata il 17 gennaio 2017.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2016
Corte di cassazione | A rischio l'inviolabilità del domicilio e dei luoghi di privata dimora. L'ordinanza della Sesta Sezione Penale n. 13884/2016.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.