Condividi la notizia

Unione Europea

Inquinamento terreni: sì della Corte di Giustizia alla normativa italiana

È compatibile con il D iritto dell'Unione Europea non imporre misure di prevenzione e di riparazione a carico dei proprietari non responsabili dell'inquinamento dei loro terreni.

La Corte di giustizia dell'Unione europea nella Sentenza nella causa C-534/13 Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e a. / Fipa Group Srl e a Ha affermato che la normativa italiana, che non impone misure di prevenzione e di riparazione a carico dei proprietari non responsabili dell'inquinamento dei loro terreni, è compatibile con il diritto dell'Unione 
 
A loro carico, gli Stati membri sono liberi di prevedere, allorché tali misure sono adottate dalle autorità, una responsabilità solo patrimoniale  
 
In base alla direttiva sulla responsabilità ambientale, l'operatore che gestisce un sito deve, in linea di principio, sopportare i costi delle misure di prevenzione e di riparazione adottate in risposta al verificarsi di un danno ambientale nel sito. Tali costi non sono a suo carico se egli può provare che il danno è stato causato da un terzo. La direttiva consente comunque agli Stati membri di adottare norme più severe. 
 
Tra il 2006 e il 2001, le società Tws Automation, Ivan e Fipa Group sono divenute proprietarie di diversi terreni situati nella provincia di Massa Carrara, in Toscana. Detti terreni erano gravemente contaminati da sostanze chimiche in seguito alle attività economiche svolte dai precedenti proprietari, appartenenti al gruppo industriale Montedison, i quali producevano in tali siti insetticidi e diserbanti. Ancorché i nuovi proprietari non fossero autori della contaminazione, le autorità italiane hanno ordinato loro di realizzare una barriera idraulica di emungimento per la protezione della nappa freatica. 
 
Il Consiglio di Stato, adito in appello con ricorsi avverso le corrispondenti decisioni amministrative, ha constatato che la legislazione italiana non consente di imporre al proprietario non responsabile della contaminazione la realizzazione di misure di prevenzione e di riparazione e limita la sua responsabilità patrimoniale al valore del suo terreno. Il Consiglio di Stato chiede alla Corte di giustizia se tali norme nazionali siano compatibili con il principio «chi inquina paga» cui dà attuazione la direttiva. 
 
Nella sua sentenza odierna, la Corte risponde che la normativa italiana è conforme alla direttiva. 
 
Per giungere a tale conclusione la Corte ricorda la costante giurisprudenza in base alla quale il principio «chi inquina paga» (articolo 191, paragrafo 2, TFUE), si rivolge all'azione dell'Unione, cosicché tale disposizione non può essere invocata in quanto tale da privati o da autorità amministrative. 
 
La Corte si dedica, quindi, all'analisi dei presupposti della responsabilità ambientale, quali previsti nella direttiva, soffermandosi, in particolare, sulla nozione di «operatore» e sulla necessità della sussistenza di un nesso causale tra l'attività dell'operatore e il danno ambientale. A tal proposito, la Corte precisa che le persone diverse dagli operatori non rientrano nell'ambito di applicazione della direttiva e che, quando non può essere accertato alcun nesso causale tra il danno ambientale e l'attività dell'operatore, tale situazione non rientra nel diritto dell'Unione, bensì nel diritto nazionale.                              
 
Fonte: Corte di Giustizia Europea
                 

La Direzione

(4 marzo 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

24 luglio 2014
Accesso alla professione di avvocato | Importante sentenza giunge dall'Europa che chiude il fervente dibattito italiano sulla possibilità di ottenere l'abilitazione in un'altro Paese.

 
 
Condividi la notizia

9 settembre 2015
Unione Europea | Possibile lesione degli interessi dell'Unione. Nel caso specifico, si tratta di un procedimento penale in un caso di frode grave in materia di IVA. Il giudice italiano deve, all'occorrenza, disapplicare il regime della prescrizione.

 
 
Condividi la notizia

2 febbraio 2015
Finanziamenti | Tecnologie verdi o soluzioni innovative, sviluppate da enti di ricerca, atenei o aziende con la partecipazione delle piccole e medie imprese. Scadenza 21 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

23 novembre 2014
Corte di Giustizia Europea | È discriminatorio fissare limiti di età nell'accesso ai concorsi. Lo ha stabilito con sentenza C-416/13 la Corte di Giustizia europea, esprimendosi sulla legge del Principato delle Asturie che fissa a 30 anni l'età massima di assunzione degli agenti della polizia locale.

 
 
Condividi la notizia

4 gennaio 2015
Unione Europea | Nessun principio generale del diritto dell'Unione vieta discriminazioni fondate sull'obesità, tuttavia questa rientra nella nozione di "handicap" se impedisce, a talune condizioni, la piena ed effettiva partecipazione della persona alla vita professionale su base di uguaglianza con gli altri lavoratori. La sentenza UE.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2015
Lavoro | Il caso riguarda la risoluzione di un contratto, in seguito al rifiuto da parte del lavoratore di acconsentire a una modifica unilaterale e sostanziale, a suo svantaggio.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Scommesse | La Sentenza nella causa C-463/13 Stanley International Betting Ltd e a./Ministero dell'Economia e delle Finanze.

 
 
Condividi la notizia

18 settembre 2015
Unione Europea | Gli stranieri che giungono in Germania per ottenere assistenza o il cui diritto di soggiorno è giustificato solo dalla ricerca di un lavoro, sono esclusi dalle prestazioni di base.

 
 
Condividi la notizia

5 aprile 2016
Giustizia amministrativa | L'apertura di una procedura concorsuale a carico dell'imprenditore che aspira ad ottenere un contributo a valere sui fondi strutturali inibisce la concessione del finanziamento? L'ordinanza del 2.4.2016 del TAR Marche.

 
 
Condividi la notizia

21 settembre 2015
Unione Europea | I Giudici hanno esaminato il caso di lavoratori senza luogo fisso di esercizio dell'attività, dopo la decisione della proprietà di chiudere gli uffici regionali.

 
 
Condividi la notizia

7 ottobre 2015
Unione Europea | Dichiarata invalida la decisione della Commissione Europea che aveva attestato che gli Stati Uniti garantiscono un adeguato livello di protezione.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2014
Corte di giustizia UE | Per la Corte di giustizia UE "la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell’Unione".

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2014
Senato della Repubblica | Il Servizio studi del Senato ha pubblicato una Nota sulla sentenza della Corte di Giustizia del 26 novembre 2014 sulla successione dei contratti di lavoro a tempo determinato per il personale docente e ATA della scuola.

 
 
Condividi la notizia

13 settembre 2014
Danno erariale | Corte dei Conti: condannati alcuni funzionari del Centro della Giustizia Minorile di Napoli a pagare allo Stato € 145.542,00 per illegittima erogazione di buoni-pasto.

 
 
Condividi la notizia

30 agosto 2016
Consiglio dei Ministri | Il provvedimento riguarda la definizione del contenzioso presso la Corte di cassazione, l'efficienza degli uffici giudiziari, nonché la giustizia amministrativa.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.