Condividi la notizia

Riforma Lavoro

Al via i decreti attuativi del Jobs Act

In vigore i primi due decreti attuativi del Jobs Act. Il d.lgs. n. 22/2015 e il d.lgs. n. 23/2015 ambedue in attuazione della legge n.183/2014

In Gazzerata Ufficiale del 6 marzo 2015, sono stati pubblicati i primi due decreti attuativi (d.lgs. n. 22/2015 e il d.lgs. n. 23/2015) dell'ormai famosissimo e dibattutissimo "Jobs Act" i quali entrano in vigore in data 7 marzo 2015. Il primo introduce, definitivamente, una nuova disciplina dei licenziamenti individuali e collettivi (lasciando valide, al contempo, le norme precedenti, per i lavoratori assunti prima dell'entrata in vigore del presente decreto).

Da oggi, pertanto, si potrà assumere in una unica modalità ovvero con la formula definita a "tempo indeterminato" per la quale si prevede una defiscalizzazione degli oneri, a vantaggio dei datori di lavoro, fino a tre anni e pari ad un importo di euro 8.060, massimo, per ogni annualita', utilizzando l'ivi indicato "contratto a tutele crescenti" che parallelamente introduce la profonda revisione (superamento per come fino ad oggi conosciuto) dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, legge n.300/1970, in particolar modo per quanto attiene i "licenziamenti senza giusta causa".

Più nel dettaglio, per i "licenziamenti discriminatori e quelli intimati in forma orale" resta la cosiddetta "reintegra" nel posto di lavoro, così come previsto per tutti i lavoratori. Per i "licenziamenti discriminatori" la reintegrazione resta "soltanto" per quella in cui sia accertata l'insussistenza del fatto materiale contestato.

Per i restanti "licenziamenti ingiustificati" viene introdotta una "tutela risarcitoria definita" commisurata quindi all'anzianità di servizio del lavoratore, con un minimo di 4 mensilità ed un massimo di 24 mensilità.

L'altra profonda innovazione, viene introdotta con il secondo decreto legislativo e riguarda la materia fondamentale del riordino della normativa inerente lo "strumento di politica passiva" per eccellenza, ovvero gli "Ammortizzatori sociali" denominato nel decreto, in cure, "Naspi", che lasciano il campo al nuovo sussidio/assegno di disoccupazione denominato "Asdi" e che entrerà concretamente in funzione dal prossimo 1° Maggio 2015.

La citata tutela del reddito, destinata per chi perde il lavoro, si estende per quest'anno 2015, innestando conseguentemente una rilevante ed importante innovazione, anche ad altre categorie di lavoratori precedentemente escluse e non tutelate da strumenti di sostegno al reddito, quali i "collaboratori" coordinati e continuativi e/o collaboratori a progetto, e quindi definibili "non dipendenti".

Tale sostegno, sottoforma di "Discoll", viene introdotto in attesa però degli interventi che supereranno definitivamente questa forma lavorativa "atipica".

Nel citato d.Lgs n.22/2015 all'articolo 17, quale ulteriore importante innovazione, viene previsto il "contratto di ricollocazione" quale strumento a favore dei soggetti che perdono il lavoro e assumono, quindi, un diritto-dovere a partecipare ad iniziative di ricerca, addestramento, riqualificazione professionale, poste in essere, da soggetti opportunamente accreditati.

Tale contratto prevede l'assegnazione di una "dote individuale" gravante su un Fondo ad hoc per le politiche attive del lavoro, proporzionale in relazione al profilo personale di occupabilità, del soggetto in questione, che verrà corrisposto, all'atto della concreta collocazione, alle "strutture accreditate".

Non da ultima, è bene ricordare, l'innovazione introdotta, con i citati decreti legislativi, relativamente alla facilitazione per la concessione del "Part time" per cause riconducibili a malattie non solo limitatamente a quelle di natura oncologica, ovvero di altra grave entità, ma più in generale ad una natura più generica di patologia. Altresì è valevole, tale maggiore facilitazione, di concessione di part time, per le fattispecie di maternità o congedo parentale.

Infine, altra rilevante modifica lavoristica è rappresentata dall'estensione dai tre ai sei anni del bambino, il diritto di usufruire, per i genitori, del congedo parentale, a retribuzione ridotta al 30% nonchè la possibilità di richiedere permessi, non retribuiti, fino all'età di dodici anni dei figli, come anche (è qui l'altra innovazione) per i figli adottivi che vengono quindi equiparati agli altri figli naturali.

Stefano Olivieri Pennesi

(7 marzo 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 settembre 2016
Jobs act | La riunione tecnica del Ministero del Lavoro sugli interventi urgenti a favore del lavoro.

 
 
Condividi la notizia

17 gennaio 2015
Riforma del Lavoro | Celebrati dal Ministro del Lavoro i primi quindici anni della Facoltà di Economia di Roma dell'Università Cattolica.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2015
Consiglio dei Ministri | Due provvedimenti sono stati adottati in via definitiva; gli altri quattro "in esame preliminare'.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2015
Jobs Act | Fornite le indicazioni sulle modifiche in materia di causali d'intervento, durata del trattamento e nuova procedura amministrativa per la concessione del trattamento straordinario d'integrazione salariale.

 
 
Condividi la notizia

5 settembre 2015
Consiglio dei Ministri | L'Esecutivo ha dato il via libera a quattro provvedimenti, che comprendono anche i controlli a distanza e lo stop alle dimissioni in bianco.

 
 
Condividi la notizia

9 novembre 2015
Sostegno al reddito | Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la Circolare n. 30 del 9 novembre 2015, nella materia di cui al D.Lgs. n. 148 del 2015.

 
 
Condividi la notizia

12 ottobre 2015
Lavoro autonomo | Per il Dipartimento delle Finanze, la tendenza degli effetti derivanti dalle nuove forme contrattuali sembra favorire la costituzione di rapporti di lavoro dipendente.

 
 
Condividi la notizia

25 settembre 2015
Jobs Act | Il D. Lgs. n. 148/2015 ha riordinato la materia e contiene importanti innovazioni sulla Cassa integrazione Guadagni Ordinaria e sui Fondi di solidarietà.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2014
Riforme | Con 166 voti favorevoli, 112 contrari e 1 astenuto, l'Assemblea ha approvato in via definitiva il disegno di legge rinnovando la fiducia al Governo.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2015
Sostegno al reddito | Questo a seguito dell'entrata in vigore del D. Lgs. n. 148/2015: riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Welfare | Il Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n.80 attua la delega prevista dalla Legge n.183/2014.

 
 
Condividi la notizia

1 luglio 2016
Consiglio dei Ministri | Lavoro accessorio con tracciabilità dei Voucher, contratti di solidarietà, dimissioni e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, queste ed altre le modifiche approvate in via preliminare.

 
 
Condividi la notizia

20 giugno 2015
riforma del lavoro | Intervento del Ministero del Lavoro sul decreto semplificazioni del Jobs Act.

 
 
Condividi la notizia

25 giugno 2015
Jobs act | Ha l'obiettivo di informare sulle principali novità normative introdotte dai decreti legislativi di attuazione della delega in materia di lavoro.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2015
Gazzetta Ufficiale | Pubblicati nella G.U. n. 221 del 23 settembre, Suppl. Ord. n. 53, i Decreti Legislativi approvati dal Governo nella riunione del 4 settembre scorso.

 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.