Condividi la notizia

INPS

Gestione separata: ulteriori chiarimenti sulla facoltà di computo dei contributi

Con la Circolare n. 184/2015, l'Istituto ha fornito un riepilogo organico della opzione prevista dall'articolo 3 del D.M. 2 maggio 1996, n.282.

Con la Circolare n. 184 del 18 novembre 2015, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale ha fornito un riepilogo organico, nonché ulteriori chiarimenti sulla facoltà di computo prevista dall’articolo 3 del D.M. 2 maggio 1996, n.282, riguardo alla quale l’INPS ha in precedenza dato istruzioni con circolari n. 112 del 25.05.1996 parte seconda p.1, circolare n. 108 del 7.06.2002, p. 2, messaggio n. 257 del 14.07.2003 e, da ultimo, con messaggio n. 219 del 4.01.2013, punti 7 e 7.1. 1.

Ambito di applicazione. Destinatari della norma e gestioni interessate.

L’articolo 3 del D.M. n. 282 del 1996 dispone che “gli iscritti alla gestione separata che possono far valere periodi contributivi presso l’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti dei lavoratori dipendenti, le forme esclusive e sostitutive della medesima, le gestioni pensionistiche dei lavoratori autonomi di cui alla legge n. 233 del 1990 hanno facoltà di chiedere nell’ambito della gestione separata il computo dei predetti contributi, ai fini del diritto e della misura della pensione a carico della gestione stessa, alle condizioni previste per la facoltà di opzione di cui all’articolo 1, comma 23, della legge n. 335 del 1995”.

Destinatari della norma sono:

-gli iscritti alla gestione separata, intendendosi tali i soggetti che hanno accreditato nella gestione separata almeno un contributo mensile. In particolare “nella gestione separata assume rilevanza non la mera iscrizione all’anagrafica della gestione, bensì l’eventuale esistenza di una copertura contributiva” (v. messaggio n. 14810 del 3.06.2010).

Si fa presente, in proposito, che lo “status” di iscritto non viene meno con la cessazione dell’attività che ha dato luogo all’obbligo contributivo, sussistendo per la gestione separata, ai sensi dell’articolo 2, comma 27, della legge n. 335 del 1995 solo un obbligo di iscrizione ma non di cancellazione.

-gli iscritti che possono far valere periodi contributivi presso l’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti dei lavoratori dipendenti, le forme esclusive e sostitutive della medesima, le gestioni pensionistiche dei lavoratori autonomi.

La facoltà è esercitabile sia nelle ipotesi in cui i predetti periodi si collochino solo antecedentemente al 1.1.1996, sia che si collochino prima e dopo la predetta data. Non è esercitabile, invece, nell’ipotesi in cui si collochino solo successivamente al 1996, in quanto in tal caso non sussistono le condizioni per l’opzione al contributivo.

Modalità di esercizio della facoltà di computo.

Il computo di cui all’articolo 3 del DM n. 282 del 1996 è una “facoltà” che la legge concede ai lavoratori iscritti alla gestione separata che si esercita a domanda. Si precisa in proposito che la facoltà di computo è esercitata al momento della presentazione della domanda di pensione.

Ne deriva che, in assenza di una specifica richiesta da parte dell’interessato nella domanda di pensione, le sedi non sono tenute ad applicare l’Istituto in parola e la prestazione richiesta deve essere liquidata utilizzando soltanto la contribuzione accreditata nella Gestione separata.

Condizioni per l’esercizio della facoltà di computo.

Ai sensi dell’articolo 3 del DM n. 282 del 1996, l’esercizio della facoltà di computo è subordinato alla verifica che il richiedente, con il cumulo di contribuzione, sia in possesso delle condizioni previste per l’opzione al contributivo di cui all’articolo 1, comma 23, della legge n. 335 del 1995.

Si precisa in proposito che, ai fini dell’esercizio della facoltà in parola, non è richiesto che il soggetto presenti domanda di opzione al contributivo di cui all’articolo 1, comma 23, della legge n. 335/1995, ma è sufficiente che sia in possesso delle relative condizioni e faccia specifica richiesta di computo all’atto del pensionamento.

La sede dovrà pertanto verificare che l’interessato abbia i requisiti consultabili nel testo integrale.

Periodi di contribuzione computabili.

La facoltà di computo riguarda tutti e per intero i periodi assicurativi. Non è, quindi, possibile il computo parziale sia per quanto riguarda le gestioni che rientrano nell’ambito di applicazione del decreto in esame, sia per quanto riguarda i periodi contributivi di una singola gestione.

Al fine di valutare il conseguimento del diritto alla pensione in computo, periodi eventualmente coincidenti temporalmente devono essere conteggiati una sola volta; sono invece conteggiati tutti per la determinazione della misura della stessa.

Prestazioni conseguibili con il computo e relativo regime normativo.

Per quanto concerne i trattamenti conseguibili il computo può essere utile ai fini del diritto e della misura delle seguenti prestazioni pensionistiche:

pensione di vecchiaia; pensione anticipata; pensione di inabilità; assegno ordinario di invalidità; pensione indiretta ai superstiti; pensione supplementare.

Con l’esercizio della predetta facoltà l’assicurato consegue un trattamento a carico della gestione separata. Pertanto la prestazione ottenuta soggiace alla normativa prevista per i trattamenti erogati nella suddetta gestione.

Per saperne di più:

vai alla Circolare n. 184/2015

Fonte: INPS

 

Moreno Morando

(19 novembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

14 settembre 2014
Istituto previdenziale | L'istituto previdenziale prevede una nuova funzione, on line, per svolgere specifici adempimenti relativi alla Gestione separata.

 
 
Condividi la notizia

1 marzo 2016
Inps | Pubblicata la circolare che riguarda le lavoratrici ed i lavoratori iscritti alla Gestione separata.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2016
Inps | Per le lavoratrici e lavoratori dipendenti e iscritti alla gestione separata sono stete aggiornate le applicazioni di inoltro delle domande.

 
 
Condividi la notizia

31 gennaio 2017
biennio 2017-2018 | Il contributo può essere richiesto in alternativa al congedo parentale ed è rivolto alle madri lavoratrici dipendenti e iscritte alla gestione separata, nonché alle madri lavoratrici autonome.

 
 
Condividi la notizia

28 settembre 2016
Previdenza | Il verbale sottoscritto con le Organizzazioni sindacali. Nella prima fase: riduzione delle imposte sulle persone fisiche per i redditi da pensione, aumento delle pensioni basse con la quattordicesima, cumulo gratuito dei periodi contributivi, uscite anticipate ed altro.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2014
Ministero del Lavoro | Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n. 287 del 11.12.2014 le misure a sostegno delle dipendenti pubbliche, private e iscritte alla gestione separata. Modalità, termini e scadenza.

 
 
Condividi la notizia

27 maggio 2014
Pensioni civili di invalidità | Dipendente Inps crea un buco di oltre 4 milioni di euro erogando a falsi eredi.

 
 
Condividi la notizia

4 dicembre 2018
Previdenza | La guida dell’Inps.

 
 
Condividi la notizia

4 aprile 2015
Previdenza | L'istituto Previdenziale apre le porte con l'operazione trasparenza.

 
 
Condividi la notizia

23 gennaio 2016
Lavoro e pari opportunità | Decreto interministeriale Lavoro-Salute per gli accertamenti medici.

 
 
Condividi la notizia

14 aprile 2015
Previdenza | Attivo un nuovo servizio per banche ed istituti di credito aderenti all'Accordo Quadro.

 
 
Condividi la notizia

30 settembre 2015
Previdenza | L'importo erogato complessivamente ogni anno dall'Istituto in oltre 150 Paesi supera il miliardo di euro.

 
 
Condividi la notizia

27 aprile 2016
concorsi | L'Istituto di Previdenza da notizia della pubblicazione delle graduatorie per selezione di 900 medici esterni.

 
 
Condividi la notizia

7 luglio 2016
Previdenza | Presentata al Parlamento la relazione del Presidente dell'Istituto Previdenziale italiano. XV Rapporto annuale

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2018
Opportunità di lavoro | Scadenza per l'invio telematico delle domande al 28 maggio 2018. Nell'articolo il link al bando.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.