Condividi la notizia

Dipendenti pubblici

Licenziamento disciplinare: quando è inutile cavillare sui termini

Il regolamento comunale non può derogare ai termini di decadenza previsti dalla normativa nazionale. La sentenza della Corte di Cassazione Sezione Lavoro n. 17153/2015.

Siamo a Palermo e presso il Comune viene licenziato un dipendente comunale che tenta invano, fino ad invocare la Corte di Cassazione, di mantenere il proprio posto di lavoro pubblico.
 
Sia il Tribunale in primo grado che la Corte di appello rigettavano la domanda diretta a far dichiarere illegittimo il licenziamento disciplinare respingendo la tesi dell'ormai ex dipendente, secondo cui il termine di cinque giorni, previsto dall'art.55 bis, comma 3, d. lgs. 30 marzo 2001 n.165, introdotto dall'art.69 d. lgs. 27 ottobre 2009 n.150, e imposto al responsabile della struttura per la trasmissione degli atti all'ufficio disciplinare, avesse natura decadenziale. 
 
La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza sentenza pubblicata il 26.8.2015 n. 17153 ha respinto il ricorso affermando che per gli illeciti disciplinari di maggiore gravità, imputabili al pubblico impiegato, come quelli che comportano il licenziamento, l'art.55 bis contiene due previsioni: 
 
- con la prima (comma 3) è imposto al dirigente della struttura amministrativa in cui presta servizio l'impiegato la trasmissione degli  atti all'ufficio disciplinare "entro cinque giorni dalla notizia del fatto"; 
 
- con la seconda (comma 4) si prescrive all'ufficio disciplinare la contestazione dell'addebito al dipendente "con l'applicazione di un termine" pari al doppio di quello stabilito nel comma 2 (ossia quaranta giorni). 
 
Lo stesso comma 4 dice che la violazione dei termini "di cui al presente comma" comporta per l'amministrazione la decadenza dal potere disciplinare. 
 
E' evidente perciò - chiarisce la Corte - che la decadenza sanziona soltanto l'inosservanza del termine oggetto della seconda previsione ovvero la decadenza è prevista soltanto per la contestazione dell'addebito al dipendente da parte dell'ufficio disciplinare ed in relazione al termine di quaranta giorni decorrente dalla ricezione degli atti. 
 
Il termine posto dall'art.55 bis, aggiunge la Corte, non è vanificato, né viene irragionevolmente sacrificato l'interesse dell'impiegato alla sollecita definizione del procedimento disciplinare. Il termine di cinque giorni ha scopo sollecitatorio onde la sanzione disciplinare è illegittima se la trasmissione degli atti al dirigente venga ritardata in misura tale da rendere troppo difficile l'esercizio del diritto di difesa spettante all'incolpato ossia da rendere tardiva la contestazione dell'illecito. 
 
Da ultimo la Suprema Corte ha affrontato la problematica riguardante eventuali previsioni di decadenza contenute nel regolamento comunale rilevando come quest'ultimo non può derogare alla previsione imperativa del decreto legislativo. 
 
La problematica si è posta in quanto il regolamento per gli uffici e servizi del Comune di Palermo prevede un termine di decadenza per la trasmissione degli atti al dirigente dell'ufficio disciplina, ma il comma 5 dell'art.55 bis dice: "E' esclusa l'applicazione di termini diversi o ulteriori rispetto a quelli stabiliti nel presente articolo" con la conseguenza che è inapplicabile la decadenza prevista dal regolamento comunale.
 
Fonte: Corte di Cassazione
 
Enrico Michetti

La Direzione

(6 settembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

7 giugno 2015
Giustizia amministrativa | L'Amministrazione è titolare di un'ampia discrezionalità in ordine alla valutazione dei fatti addebitati al dipendente.

 
 
Condividi la notizia

15 settembre 2016
Procedimenti disciplinari | Sanzione espulsiva al dipendente comunale che andava all'Università invece di assistere il parente malato. La sentenza n. 17968 del 13.9.2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

15 novembre 2016
Reati contro la P.A. | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

6 ottobre 2016
Diritto di satira | Assolto il condomino che distribuiva volantini con la caricatura in Pinocchio dell'amministratore condominiale. La sentenza della Corte di Cassazione n. 41785 del 5.10.2016.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2016
Fiscalità | I principi sanciti dalla Quinta Sezione della Corte di Cassazione nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

15 giugno 2016
Consiglio dei Ministri | Al dipendente colto in flagrante sospensione cautelare entro 48 ore e procedimento disciplinare che dovrà concludersi entro 30 giorni. Responsabilità disciplinare del dirigente.

 
 
Condividi la notizia

13 agosto 2015
Poesia di agosto | di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2015
Argentina | Poesia di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

24 ottobre 2015
Reati bianchi | Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

 
 
Condividi la notizia

26 maggio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Sezione Lavoro nella sentenza n. 10842 del 25.5.2016.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

21 luglio 2016
Previdenza | Anche i dipendenti pubblici devono inviare all'Inps la domanda di pensione diretta, di vecchiaia e anticipata utilizzando il servizio online

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.