Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Associazione mafiosa: Sì alla condanna in base alle sole intercettazioni telefoniche

I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza pubblicata il 17 gennaio 2017.

Condannato dalla Corte di appello alla pena di cinque anni di reclusione per il reato di partecipazione ad associazione mafiosa, l'imputato ha inutilmente tentato di farsi annullare la sentenza dalla Corte di Cassazione dolendosi del fatto che il giudizio di responsabilità penale si fosse basato esclusivamente sulle intercettazioni telefoniche ed ambientali.

La Corte di Cassazione, Seconda Sezione Penale, con la sentenza pubblicata il 17 gennaio (Presidente: FUMU - Data Udienza: 22.12.2016) ha dichiarato inammissibile il ricorso in quanto la prova della penale responsabilità per il reato di  partecipazione ad associazione mafiosa, come correttamente ha rilevato la Corte d'appello, si ricava con criterio di certezza dalle numerose conversazioni intercettate che evidenziano come l'imputato "accetta consapevolmente e senza riserve il ruolo di canale di comunicazione con l'amministrazione comunale... e concretamente si attiva in favore degli associati...".

In punto di diritto la Corte ha ribadito che l'interpretazione dei contenuti delle conversazioni telefoniche intercettate e delle espressioni usate dagli interlocutori é questione di fatto, rimessa alla valutazione del giudice di merito e si sottrae al sindacato di legittimità ove, come nel caso in disamina, le relative valutazioni siano motivate in conformità ai criteri di logica e alle massime di esperienza.

"Dall'interpretazione delle conversazioni intercettate, e riportate dettagliatamente nell'ordinanza impugnata, la Corte d'appello ha composto il quadro probatorio a carico del prevenuto, fondato su di un percorso argomentativo privo di vizi logico giuridici" come tale incensurabile in Cassazione.

Fonte: Massimario Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana 

Enrico Michetti 

La Direzione

(29 gennaio 2017)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

28 maggio 2015
Diritti dell'uomo | La condanna per concorso esterno in associazione mafiosa viola l'art. 7 della Convenzione.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2016
Corte di cassazione | A rischio l'inviolabilità del domicilio e dei luoghi di privata dimora. L'ordinanza della Sesta Sezione Penale n. 13884/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2016
Giustizia | I principi sanciti nella sentenza della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione del 16.11.2016.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

29 novembre 2015
Reati contro il patrimonio | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione nell'esportazione abusiva di beni culturali.

 
 
Condividi la notizia

25 luglio 2017
Enti Locali | La sentenza depositata in data 20 luglio 2017 dalla Sezione Sesta Penale della Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2015
Argentina | Poesia di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

16 maggio 2014
Consiglio dei Ministri | L'atto dovrà  essere ora firmato dal ministro della giustizia libanese. L'ex senatore e' stato condannato in via definitiva a sette anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa.

 
 
Condividi la notizia

14 giugno 2014
DELL'UTRI IN CARCERE | L'ex senatore di Forza Italia condannato a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa recluso nel reparto che ospitava Provenzano e che oggi ospita Totò Riina

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2016
Graffitismo | La particolare tenuità del fatto nei principi sanciti nella sentenza dalla Sezione Seconda della Corte di Cassazione n. 16371/2016.

 
 
Condividi la notizia

13 agosto 2015
Poesia di agosto | di Enrico Michetti

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2015
Cassazione | La Suprema Corte ribadisce il principio secondo cui l'ente risponde anche in mancanza di condanna della persona fisica.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2014
Corte dei Conti | Niente lamenti di dolori, niente collare di Schanz. Dopo la condanna penale per diserzione e truffa militare arriva anche la condanna del Giudice contabile proprio alla Vigilia di Natale.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2016
Corte dei Cassazione | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale nella sentenza n. 30402 del 18.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.