Condividi la notizia

Porto d'armi

E' illegittimo l'annullamento della licenza motivato solo con un'antica sentenza di patteggiamento

Il Consiglio di Stato ribalta una sentenza del TAR Campania.

Un cittadino salernitano, cacciatore e titolare di licenza di porto d’armi, riceveva la notificazione di un provvedimento da parte della Questura con la quale si disponeva la “revoca” della licenza stessa, motivata unicamente con il fatto che quasi venti anni prima egli aveva patteggiato una pena per uno dei reati di cui all’art. 43 del T.U. delle leggi di pubblica sicurezza.

Stante il fatto che il patteggiamento era molto risalente nel tempo, l’interessato proponeva ricorso al TAR Campania, il quale lo rigettava con sentenza del 2018.

Il Consiglio di Stato, adito in sede di appello, in via preliminare riqualificava (più correttamente) l’atto gravato, che più che “revoca” veniva ricondotto tipologicamente al potere di annullamento d’ufficio cui all’art. 21 nonies L. n. 241 del 1990, in quanto incentrato sul riscontro di circostanze ostative al rilascio della licenza di porto di fucile per uso di caccia e della carta europea d’arma da fuoco preesistenti.

Il Supremo Consesso, con sentenza della III Sezione n. 3303 dell’1 giugno 2018, accoglieva il gravame, ribaltando la decisione di primo grado.

I giudici di Palazzo Spada, infatti, hanno evidenziato che l’esercizio del potere di annullamento d’ufficio di un provvedimento che autorizza l’uso delle armi, pur con riferimento ai delicati interessi coinvolti nella relativa materia, soggiace ai limiti contemplati, con valenza generale, dal citato art. 43 del TULPS, ed in particolare a quello connesso alla necessità per l’Amministrazione di esplicitare “le ragioni di interesse pubblico” sottese all’intervento di autotutela ed alla esigenza di “tenere conto degli interessi dei destinatari”.

L’esigenza motivazionale scaturente dalla citata disposizione deve ritenersi rafforzata, nella fattispecie in esame, alla luce del notevole lasso temporale trascorso dalla commissione del reato oggetto della sentenza suindicata e dalla stessa pronuncia di quest’ultima, senza che l’interessato, alla luce delle allegazioni delle parti e degli atti depositati in giudizio, abbia dato adito a rilievi di sorta in ordine all’uso delle armi al cui porto è stato nelle more autorizzato.

Il provvedimento di autotutela si fondava, in via esclusiva, sull’accertamento del citato risalente precedente penale, di carattere astrattamente ostativo, a carico dell’appellante ma non assolveva correttamente all’obbligo di fornire una motivazione “rafforzata” quale quella voluta, appunto, dalla norma sopra menzionata.

Mattia Murra

(11 giugno 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

27 aprile 2014
Abuso di munizioni | Revocato il porto d'armi ad un leccese che aveva 3029 proiettili in casa

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2015
Caccia | Al soggetto potenzialmente pericoloso non può essere rilasciata l'autorizzazione a detenere armi, neppure a fini sportivi o di diporto.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Pubblica sicurezza | Non occorre un obiettivo ed accertato abuso delle armi, ma è sufficiente la sussistenza di una o più circostanze che dimostrino come il soggetto non sia del tutto affidabile al loro uso.

 
 
Condividi la notizia

27 settembre 2014
Difesa personale | Il Consiglio di Stato: l'ampia discrezionalità amministrativa della P.A. deve rispettare i principi di trasparenza dell'azione amministrativa e di legittimo affidamento del privato.

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2016
Consiglio di Stato | Qualsiasi dispositivo di sicurezza, se collocato in un comodino, può essere agevolmente asportato, ancor prima che forzato. La sentenza n. 3087 del 12.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Pubblica sicurezza | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 7.12.2015 n. 5542.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2016
Sicurezza pubblica | I principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 5 luglio 2016 n. 2998.

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
Consiglio di Stato | I principi sanciti dalla sentenza del 16 gennaio 2015.

 
 
Condividi la notizia

9 giugno 2014
Conflitti tra parenti | Legittima la revoca del porto d'armi al padre. Consiglio di Stato: "le cronache confermano che in questa materia la prudenza non è mai troppa, tanto sono frequenti i fatti di sangue".

 
 
Condividi la notizia

29 aprile 2015
Consiglio si Stato | Necessaria una condotta di vita improntata alla piena osservanza delle norme nonché delle regole di civile convivenza.

 
 
Condividi la notizia

23 agosto 2014
Pubblica Amministrazione | Tanto più intenso deve essere l'impegno nella motivazione del provvedimento di annullamento quanto maggiore e' l'arco temporale trascorso dall'adozione dell'atto da annullare.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2016
Rivoglio l'arma d'ordinanza | Il caso affrontato dal Consiglio di Stato nella sentenza del 19 febbraio 2016 n. 690.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2014
Il Giudice gli restituisce il fucile | Il Consiglio di Stato conferma la licenza di porto di fucile da caccia trattandosi di proiettili di piccole dimensioni che hanno cagionato lesioni di modesta entità.

 
 
Condividi la notizia

10 luglio 2018
PORTO D'ARMI | Un avvocato, dopo 40 anni, si è visto negare il rinnovo della licenza: il Consiglio di Stato obbliga al riesame della richiesta.

 
 
Condividi la notizia

14 settembre 2015
Commercio preziosi | La revoca della licenza di P.S. non deve eccedere i limiti di proporzionalità nella sentenza del Consiglio di Stato.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.