Condividi la notizia

Rivoglio l'arma d'ordinanza

Vigili urbani: illegittimo il divieto di detenzione di armi se c'è la qualifica di agente di p.s.

Il caso affrontato dal Consiglio di Stato nella sentenza del 19 febbraio 2016 n. 690.

Un maresciallo dei Vigili Urbani di un Comune campano aveva subito la revoca del porto d’armi a causa di alcune vicende giudiziarie, poi conclusesi favorevolmente.

Essendo stato assolto con sentenza penale passata in giudicato dai fatti contestatigli ha chiesto al Sindaco l'assegnazione in via continuativa dell'arma.

Il Sindaco, a fronte di tale istanza, ha ritenuto opportuno chiedere alla Prefettura indicazioni in merito: la Prefettura, tuttavia, non ha fornito alcun riscontro alla predetta richiesta.

Al fine di sbloccare la situazione di impasse venutasi a creare, l'appellante ha quindi ritenuto opportuno richiedere direttamente alla Prefettura la revoca del divieto di detenzione di armi disposto nel 1985, evidenziando nella relativa istanza sia  la conclusione favorevole delle vicende giudiziarie che lo avevano riguardato sia la rinnovata attribuzione della qualifica di agente di pubblica sicurezza sia, infine, la necessità dell'arma, per poter svolgere il proprio servizio in condizioni di sicurezza.

Il Prefetto, senza tener conto dell’attribuzione solo poco tempo prima della qualifica di agente di pubblica sicurezza, ha adottato un decreto con il quale ha respinto la predetta istanza confermando il divieto di detenere armi, munizioni e materiale esplodente.

Detto diniego è stato motivato per relationem attraverso il richiamo ad alcune note della Questura e dei Carabinieri le quali "hanno segnalato" che l'agente "oltre che destinatario di varie querele sopra riferite, risulta altresì essere stato controllato in compagnia di pregiudicati, alcuni dei quali ritenuti contigui alla locale criminalità organizzata ed inoltre risulta proposto, dagli stessi Carabinieri per l'applicazione della misura dell'avviso orale".

Avverso e per l'annullamento del predetto diniego, l'attuale appellante ha adito il TAR Campania, il quale ha rigettato il ricorso. Da qui l’appello al Consiglio di Stato che, in riforma della statuizione di primo grado, con sentenza n. 690 del 19 febbraio 2016 (della Terza Sezione) ha accolto il gravame.

Il Consiglio di Stato ha premesso che in  merito ai provvedimenti relativi alla detenzione ed al porto di armi, la giurisprudenza sottolinea come nel nostro ordinamento vige la regola generale rappresentata dal divieto, sancito dagli artt. 699 c.p. e 4 comma 1 della L. n. 110/75, essendo vista con sfavore l’utilizzazione delle armi da parte di privati cittadini: infatti “il titolo abilitativo al porto d'armi non costituisce una mera autorizzazione di polizia che rimuove il limite ad una situazione giuridica soggettiva che già fa parte della sfera del privato, ma assume contenuto permissivo, costituendo l'assenso alla disponibilità dell'arma regime derogatorio alla regola ordinaria di generale divieto”.

Tale divieto tuttavia è suscettibile di rimozione, in presenza di specifiche ragioni ed in assenza di rischi anche solo potenziali, a seguito di autorizzazione di polizia, o, per meglio dire, di un provvedimento concessorio.

È dunque evidente che il porto d’armi presuppone il previo rilascio di un provvedimento di polizia che accerti il possesso di requisiti in capo al destinatario, in quanto il titolare dell'autorizzazione a detenere armi deve essere persona assolutamente esente da mende o da indizi negativi e assicurare la sua sicura e personale affidabilità circa il buon uso, escludendo che vi possa essere pericolo di abusi.

La norma di cui all’art. 5 comma 5 della L. n. 65/1986 (legge quadro sulla polizia municipale) dispone espressamente che “gli addetti al servizio di polizia municipale ai quali è conferita la qualità di agente di pubblica sicurezza possono … portare senza licenza armi”: è evidente che detta norma – inserita all’interno di un sistema normativo fondato sul principio del divieto, che consente il porto di armi solo in seguito al rilascio di un provvedimento permissivo – non può avere altro significato, secondo i Giudici di Palazzo Spada, che quello prospettato dall’appellante: gli agenti della polizia municipale, ai quali è stata riconosciuta la qualità di agente di pubblica sicurezza, possono portare armi senza licenza in quanto detta autorizzazione (o concessione, secondo altra tesi) consegue all’attribuzione della stessa qualifica di agente di pubblica sicurezza.

Non occorre quindi un provvedimento formale che autorizzi il porto di armi, perché la valutazione sull’idoneità del soggetto è stata già svolta, al momento del rilascio della qualifica.

Nella fattispecie, avendo il Prefetto attribuito al vigile urbano in questione la qualità di agente di pubblica sicurezza con provvedimento del 2010, non avrebbe potuto rigettare nel 2012 la sua richiesta di revoca del provvedimento di divieto di detenzione di armi munizioni e materiale esplodente risalente al 6 aprile 1985, essendo ormai detto provvedimento incompatibile con quello emesso due anni prima (salva la facoltà, ove ne ricorressero i presupposti secondo la valutazione discrezionale dell’Amministrazione, di provvedere prima al ritiro del provvedimento di attribuzione della qualità di agente di pubblica sicurezza).

Fonte: Consiglio di Stato

 

Rodolfo Murra

(22 febbraio 2016)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e, se possibile, link a pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

8 dicembre 2015
Pubblica sicurezza | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 7.12.2015 n. 5542.

 
 
Condividi la notizia

17 novembre 2015
Registri dello Stato civile | I giudici di Palazzo Spada chiariscono il rapporto inter-organico tra Sindaco, ufficiale di Governo, e Prefetto nella materia in esame.

 
 
Condividi la notizia

17 luglio 2016
Sicurezza pubblica | I principi sanciti dalla Terza Sezione del Consiglio di Stato nella sentenza del 5 luglio 2016 n. 2998.

 
 
Condividi la notizia

27 settembre 2014
Difesa personale | Il Consiglio di Stato: l'ampia discrezionalità amministrativa della P.A. deve rispettare i principi di trasparenza dell'azione amministrativa e di legittimo affidamento del privato.

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
giustizia Amministrativa | I principi sanciti dalla sentenza del Consiglio di Stato, Sez. V del 16 gennaio 2015 per l'esclusione dell'applicabilità delle progressioni verticali per l'accesso ai posti vacanti della categoria di funzionario e necessità di indire il concorso pubblico per la copertura del posto di vice – comandante della Polizia Municipale.

 
 
Condividi la notizia

9 febbraio 2015
Appalti | Euro 343.455,51 di risarcimento del danno da mancata aggiudicazione e danno curriculare nella sentenza del Consiglio di Stato del 9 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

13 luglio 2016
Consiglio di Stato | Qualsiasi dispositivo di sicurezza, se collocato in un comodino, può essere agevolmente asportato, ancor prima che forzato. La sentenza n. 3087 del 12.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

28 aprile 2015
Agcom | I principi sanciti nella sentenza del Consiglio di Stato del 27.4.2015, n. 2156.

 
 
Condividi la notizia

26 aprile 2015
Concorsi | La sentenza della Terza Sezione del Consiglio di Stato del 24.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

20 aprile 2015
Pubblica amministrazione | Il giudizio di ottemperanza nei principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20 aprile 2015, n. 2002.

 
 
Condividi la notizia

27 aprile 2014
Abuso di munizioni | Revocato il porto d'armi ad un leccese che aveva 3029 proiettili in casa

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2015
Concorsi | Il possesso dei requisiti psico-fisici dei candidati a posti nel pubblico impiego nella sentenza del 26 agosto 2015 n. 4017.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal Consiglio di Stato, Sezione Quinta, nella sentenza del 22.5.2015 n. 2580.

 
 
Condividi la notizia

3 giugno 2015
Giustizia amministrativa | L'interpretazione dell'art. 1 della Legge n. 196 del 2009 nella sentenza della Sesta Sezione del Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

20 dicembre 2015
Appalti pubblici | Nessuna irrilevanza della sentenza penale sopraggiunta anche a notevole distanza di tempo dai fatti accertati. La sentenza del Consiglio di Stato sul caso Banda della Magliana.

 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.