Condividi la notizia

Corte di Cassazione

Furbetti del cartellino: quando gli allontanamenti intermedi fanno scattare la truffa aggravata

Il danno economicamente apprezzabile nella sentenza della Seconda Sezione Penale del 5 marzo 2018.

Un dipendente di un Comune, addetto all’Ufficio Messi, è stato sorpreso mentre timbrava il cartellino e si allontanava, invece, dal luogo di lavoro. Veniva quindi tratto a giudizio per truffa aggravata, atteso che i suoi artifici venivano ripresi da rilievi fotografi (non contestati) e da annotazioni di Polizia giudiziaria.

Condannato in sede di merito, proponeva ricorso per cassazione sostenendo l’erroneità delle decisioni pregresse in quanto non avrebbero considerato la peculiarità della prestazione lavorativa da lui espletata, quale messo notificatore, tenuto conto sia del fatto che egli svolgeva le proprie mansioni anche al di fuori del rigido orario di ufficio, per cui non poteva configurarsi il dato tipico dell'ingiusto profitto, sia della circostanza che avrebbe, in altre occasioni, mostrato la propria disponibilità lavorativa anche oltre l'orario d’ufficio. Deduceva, infine, il ricorrente, la tenuità del fatto, atteso che gli allontanamenti avevano procurato un danno economico assai contenuto per l’Ente.

La Corte di Cassazione, II Sez. (presieduta dal Dr. D’Avigo), con sentenza del 5 marzo 2018, ha rigettato il ricorso confermando la sentenza di appello.

I giudici di legittimità hanno dapprima osservato che l’allontanamento dal luogo di lavoro avrebbe dovuto essere previamente segnalato, come prescritto per tutti i dipendenti pubblici. Infatti l'omessa segnalazione di allontanamenti intermedi del dipendente impedisce il controllo di chi è tenuto alla retribuzione, sulla quantità e qualità della prestazione lavorativa svolta, per il recupero del periodo di assenza, se previsto, e per la detrazione del compenso mensile, dando luogo appunto al reato di truffa.

In secondo luogo, la Corte ha rilevato che l'omissione in questione è giuridicamente rilevante, poiché il dipendente pubblico, è comunque tenuto ad uniformarsi ai principi di correttezza, anche nella fase esecutiva del contratto e, pertanto, ha l'obbligo giuridico di portare a conoscenza della controparte del rapporto di lavoro non soltanto l'orario di ingresso e quello di uscita, ma anche quello relativo ad allontanamenti intermedi sempre che questi, conglobati nell'arco del periodo retributivo, siano economicamente apprezzabili: tale obbligo va adempiuto tramite i sistemi all'uopo predisposti e, quindi anche mediante la corretta timbratura del cartellino segnatempo o della scheda magnetica, ove installati, salvo che siano adottate altre procedure equivalenti, a condizione che queste siano formali e probatoriamente idonee ad assolvere alla medesima funzione.

La Corte di legittimità, infine, ha posto l'accento sul fatto che anche l'indebita percezione di poche centinaia di euro, corrispondente alla porzione di retribuzione conseguita in difetto di prestazione lavorativa, costituisce un danno economicamente apprezzabile per l'Amministrazione pubblica e che danno apprezzabile non è sinonimo di danno rilevante, non limitandosi il concetto alla mera consistenza quantitativa ma investendo tutti gli aspetti pregiudizievoli per il patrimonio.

Fonte: Massimario G.A.R.I.

Mattia Murra

(7 marzo 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

15 novembre 2016
Reati contro la P.A. | I principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

26 maggio 2016
Corte di Cassazione | I principi sanciti dalla Sezione Lavoro nella sentenza n. 10842 del 25.5.2016.

 
 
Condividi la notizia

5 dicembre 2016
Corte di Cassazione | Il reato di truffa anche se non esiste l'obbligo di timbratura. I principi sanciti dalla Sesta Sezione Penale nella sentenza del 2 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

15 giugno 2016
Consiglio dei Ministri | Al dipendente colto in flagrante sospensione cautelare entro 48 ore e procedimento disciplinare che dovrà concludersi entro 30 giorni. Responsabilità disciplinare del dirigente.

 
 
Condividi la notizia

11 settembre 2016
Corte di cassazione | I giudici affrontano la questione della corretta competenza territoriale e del momento consumativo. La sentenza n. 37400 dell’8 settembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2017
Avvocati degli Enti pubblici | La decisione del TAR Salerno sull'obbligo di marcatura.

 
 
Condividi la notizia

10 aprile 2016
Riforma della P.A. | Invito ad eliminare la responsabilità penale dei dirigenti e le azioni per danno all'immagine. I punti principali ed il testo del parere n. 864/2016 sullo schema di decreto.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
Condividi la notizia

6 giugno 2015
Datore di lavoro pubblico | L'individuazione del responsabile antinfortunistica negli enti locali nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

1 febbraio 2015
Lavoro pubblico | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione Quarta Sezione Lavoro sentenza n. 27481 del 30.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

28 ottobre 2018
Giustizia | I principi sanciti dalla Corte di Cassazione nella sentenza del 22 ottobre 2018.

 
 
Condividi la notizia

29 ottobre 2014
Corte di Cassazione | La Corte di Cassazione si esprime in ordine alla rilevabilità d'ufficio dell'inefficacia della trascrizione del preliminare di compravendita.

 
 
Condividi la notizia

21 aprile 2015
Corte di cassazione | Gli esiti giudiziali del rapimento avvenuto in una notte dell'ottobre 2012. La sentenza della Suprema Corte n. 15969/2015.

 
 
Condividi la notizia

23 maggio 2014
L'INCHIESTA | In manette Fernando Menconi e Giovanni Berneschi, la Guardia di Finanza ipotizza un'associazione per delinquere finalizzata alla truffa

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.