Condividi la notizia

Concessionario riscossione

Avviso di accertamento: serve la firma autografa o basta l'indicazione a stampa?

La sentenza della Corte di Cassazione del 21 novembre 2018.

Una società operante nel campo della pubblicità esterna ricorreva alla Commissione Tributaria avverso un avviso di accertamento notificatole dal concessionario per la riscossione dei tributi di un Comune ed emesso in relazione ad un impianto pubblicitario (due striscioni di 1,5 metri quadri ciascuno) sito in un cantiere edile in territorio romagnolo. Perduta la causa, proponeva appello dal quale usciva vittoriosa. La Commissione Tributaria Regionale, in particolare, osservava che il giudice di primo grado avrebbe dovuto rilevare il difetto di legittimazione attiva del concessionario in quanto la legittimità della sostituzione della firma autografa del responsabile del procedimento impositivo con l’indicazione a stampa del relativo nominativo, ai sensi dell'art. 1, comma 87, L. n. 549 del 1995, richiede pur sempre l'adozione di un provvedimento di livello dirigenziale, nella specie, invece, mancante.

Con apposito ricorso per cassazione il concessionario deduceva la violazione di norme di diritto, giacché la sentenza impugnata escludeva la legittimità della sostituzione della firma autografa del responsabile del procedimento impositivo con la indicazione a stampa del relativo nominativo, difettando un provvedimento autorizzativo di livello dirigenziale, senza considerare l'erroneità del riferimento, contenuto nelle difese della contribuente, all'art. 10, comma 3, D.L.vo n. 507 del 1993, disposizione invece abrogata dalla L. n. 296 del 2006, art. 1, comma 172, lett. b), con decorrenza 1 luglio 2007, non più applicabile ratione temporis, poiché l'avviso di accertamento era stato emesso il 28 luglio 2007.

La Corte, con sentenza n. 30050 del 21 novembre 2018, accoglieva il ricorso.

L'art. 1, comma 162, L. n. 296 del 2006 (in vigore dal 1 gennaio 2007), prevede che gli avvisi di accertamento dei tributi locali "sono sottoscritti dal funzionario designato dall'Ente locale per la gestione del tributo" e, quanto alla sottoscrizione con firma a stampa del responsabile del procedimento, l'art. 1, comma 87, L. n. 549 del 1995, stabilisce che “la firma autografa prevista dalle norme che disciplinano i tributi regionali e locali sugli atti di liquidazione e accertamento è sostituita dall'indicazione a stampa del nominativo del soggetto responsabile, nel caso in cui gli atti medesimi siano prodotti da sistemi informativi automatizzati”. Ciò posto, in precedenti pronunce è stato chiarito che si tratta di norma speciale, non abrogata, la quale, pertanto, conserva la sua efficacia, e che, a garanzia del contribuente e della trasparenza della azione amministrativa, il nominativo del funzionario responsabile va comunque individuato con apposito provvedimento di livello dirigenziale.

Siffatta garanzia, sostiene il contribuente, dovrebbe valere non solo nel caso di gestione diretta, ma anche nel caso di gestione in concessione della potestà impositiva.

Tuttavia, la necessità di una scrittura privata di data certa anteriore alla emissione dell'atto impositivo, contenente l’indicazione del responsabile dell'emanazione degli atti di liquidazione ed accertamento del tributo, anche nella (diversa) ipotesi in cui il legale rappresentante della società concessionaria abbia mantenuto la responsabilità direttamente su di sé della relativa procedura automatizzata, non può farsi discendere dalla interpretazione teleologica dell’art. 3, comma 87, L. n. 549 del 1995, stante la sostanziale diversità delle situazioni considerate.

In un caso, infatti, c'è delega di poteri attribuiti - per legge - al dirigente dell'Ente pubblico, ad un funzionario responsabile, che per esercitarli legittimamente deve essere preventivamente individuato all'interno della propria organizzazione, appunto, mediante un provvedimento di livello dirigenziale; nell'altro caso, invece, c'è esercizio diretto di poteri che discendono dalla carica ricoperta nell'ambito dell'organigramma della società (nella specie, quella di Amministratore Unico, la cui verifica non richiede provvedimenti di sorta, ma è agevolmente effettuabile tramite il Registro delle Imprese, previsto dall'art. 2188 Cod. civ., e tenuto da apposito ufficio istituito presso le Camere di Commercio).

Del resto, anche l'art. 11 D.L.vo n. 507 del 1993, tiene distinto il caso della gestione diretta (comma 1), prevedendo che "il Comune designa un funzionario cui sono attributi la funzione ed i poteri per l'esercizio di ogni attività organizzativa e gestionale dell'imposta sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni; il predetto funzionario sottoscrive anche le richieste, gli avvisi, i provvedimenti relativi e dispone i rimborsi", dal caso della gestione in concessione (comma 3), prevedendo che "le attribuzioni di cui al comma 1 spettano al concessionario".

Nella fattispecie all’esame della Cassazione è risultato incontroverso che l'avviso di accertamento è stato sottoscritto, con le modalità di cui al citato art. 1, comma 87, dall'Amministratore Unico della società concessionaria del servizio di liquidazione, accertamento e riscossione del tributo afferente pubblicità ed affissioni, in forza di convenzione sottoscritta con il Comune, e tanto basta, ai fini qui considerati, per ritenere valido l'impugnato avviso di accertamento, pur se privo della sottoscrizione autografa del legale rappresentante della società concessionaria stessa.

Rodolfo Murra

(27 novembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

19 luglio 2016
Tributi locali | La determinazione della base imponibile. ll principio ribadito dalla Sesta Sezione della Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 14676 del 18.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Agenzia delle entrate | La nuova “marca servizi” funziona allo stesso modo della comune marca da bollo. Può essere utilizzata per i tributi relativi alle operazioni di visura, ispezione, rilascio di copie e certificazioni, volture catastali.

 
 
Condividi la notizia

12 luglio 2016
Corte di Cassazione | La prescrizione è decennale solo se c'è una sentenza passata in giudicato. I principi sanciti nell'ordinanza n. 12715/2016.

 
 
Condividi la notizia

16 aprile 2015
Fiscalità | L'impossibilità di edificare esclude il pagamento. La sentenza della Sezione Quinta Tributaria n. 5992 del 25.03.2015.

 
 
Condividi la notizia

18 luglio 2016
Tributi locali | I principi sanciti nella sentenza n. 13997 pubblicata l'8 luglio 2016.

 
 
Condividi la notizia

11 aprile 2016
Fiscalità | L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato l'aggiornamento della Tabella dei codici IMU, TASI, TARI, IMIS, Tosap, Tarsu, oblazione per condono edilizio, Imposta di scopo, Contributo di soggiorno.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

5 ottobre 2016
Fiscalità Enti Locali | I principi sanciti nella sentenza della Quinta Sezione della Corte di Cassazione n. 18057/2016.

 
 
Condividi la notizia

12 giugno 2015
Enti locali | L'Agenzia, con la Circolare n. 23E/2015, evidenzia l'ampliamento delle modalità e dei termini della sua applicazione.

 
 
Condividi la notizia

28 luglio 2016
MEF | Dal 26 luglio nuove funzionalità nell'applicazione prevista per i Comuni per le procedure di riversamento, rimborso e regolazioni contabili .

 
 
Condividi la notizia

15 dicembre 2014
Ministero dell'Economia e delle Finanze | Imu, TASI, ritenute Irpef, acconto IVA, tutte le entrate tributarie che affluiscono al bilancio dello Stato nel mese di dicembre rappresentano circa l'11% del totale annuo.

 
 
Condividi la notizia

24 marzo 2016
Dipartimento delle Finanze | La regola della sospensione dell'efficacia per il contenimento della pressione fiscale nella Risoluzione n. 2/DF del 22 marzo 2016.

 
 
Condividi la notizia

16 novembre 2016
Fiscalità | I principi sanciti dalla Quinta Sezione della Corte di Cassazione nella sentenza del 9 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

22 ottobre 2014
Ministero dell'Economia | A seguito delle disastrose alluvioni che si sono susseguite nel Centro - Nord Italia tra il 10 ed il 14 ottobre, il MEF ha disposto la sospensione degli adempimenti tributari.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.