Condividi la notizia

Cassazione

Irregolarità nei mandati di pagamento: condannato il Segretario comunale per autoliquidazione di somme non dovute

Secondo la Corte è corretta l'imputazione di falso ideologico e di peculato.

Un Segretario comunale in servizio presso un Comune calabrese veniva tratto a giudizio, per essersi appropriato di somme di denaro attraverso l’emissione di mandati di pagamento che presentavano causali prive di qualsiasi riscontro contabile ed amministrativo.

La vertenza ha tratto origine dall’iniziativa del revisore dei conti del Comune, il quale, ha dato notizia di irregolarità riscontrate nei mandati di pagamento emessi. Il revisore avrebbe accertato che detti mandati risultavano accreditati sul conto corrente bancario personalmente intestato all’alto burocrate, che in qualità di responsabile del servizio finanziario, oltre che di segretario comunale, aveva sottoscritto in suo favore decine di mandati, per il complessivo importo lordo di quasi duecentomila euro, riferito ad un periodo di sei mesi. Di questa somma – giustificata poi con argomentazioni da ritenersi infondate (“arretrati”, indennità varie, ecc.) – solo una minima parte risultava essere dovuta.

Sia in primo grado che in appello l’imputato veniva condannato per falso ideologico e per peculato. Da qui il ricorso per cassazione nel quale la difesa ha criticato la sentenza di secondo grado responsabile, a suo dire, vuoi dell'erronea qualificazione come falso ideologico in atto pubblico della contestata falsificazione dei mandati di pagamento (giacché, in presenza di una condotta di autoliquidazione di somme non dovute, ricorrerebbe, al più, la fattispecie di reato di cui all'art. 480 Cod. pen., vale a dire falso in certificazioni), vuoi dell’illogicità della stessa pronuncia in relazione alla mancata ricorrenza già dell'elemento oggettivo del reato di peculato relativo alla appropriazione di un bene pubblico, in quanto la contestata appropriazione era avvenuta sì per finalità diverse da quelle specificatamente previste, ma pur sempre nell'ambito delle attribuzioni del ruolo istituzionale svolto dall'agente pubblico.

La Suprema Corte, V Sezione penale, con sentenza del 6 marzo 2018, ha respinto il ricorso e confermato la condanna già irrogata.

Sul primo motivo i giudici di legittimità hanno ritenuto che nessun dubbio poteva residuare, sulla correttezza giuridica della addebitabilità all’imputato del delitto di falso ideologico, così come contestato nel capo di imputazione, atteso che il falso ideologico in documenti a contenuto dispositivo può investire le attestazioni, anche implicite, contenute nell'atto nonché i presupposti di fatto giuridicamente rilevanti ai fini della parte dispositiva dell'atto medesimo, che concernano fatti

compiuti o conosciuti direttamente dal pubblico ufficiale, ovvero altri fatti dei quali l'atto è destinato  a  provare  la  verità.

In ordine alla seconda censura, la Corte ha ricordato che l'elemento distintivo tra il delitto di peculato e quello di truffa aggravata dall'abuso dei poteri o dalla violazione dei doveri inerenti ad una pubblica funzione va individuato con riferimento alle modalità di acquisizione del possesso del denaro o di altra cosa mobile altrui oggetto di appropriazione, ricorrendo la prima figura quando il pubblico ufficiale o l'incaricato di pubblico servizio se ne appropri avendone già il possesso o comunque la disponibilità per ragione del suo ufficio o servizio, e ravvisandosi invece la seconda ipotesi quando il soggetto attivo, non avendo tale possesso, se lo procuri fraudolentemente, facendo ricorso ad artifici o raggiri per appropriarsi del bene. Infatti, in tema di peculato, la nozione di possesso di denaro deve intendersi non solo come comprensiva della detenzione materiale della cosa, ma anche della sua disponibilità giuridica, nel senso che il soggetto agente deve essere in grado, mediante un atto dispositivo di sua competenza o connesso a prassi e consuetudini invalse nell'ufficio, di inserirsi nel maneggio o nella disponibilità del denaro e di conseguire quanto poi oggetto di appropriazione: ne consegue che l'inversione del titolo del possesso da parte del pubblico ufficiale che si comporti uti dominus nei confronti di danaro del quale ha il possesso in ragione del suo ufficio, e la sua conseguente appropriazione, possono realizzarsi anche nelle forme della disposizione giuridica, del tutto autonoma e libera da vincoli, del danaro stesso, indisponibile in ragione di norme giuridiche o di atti amministrativi.

In questo senso i giudici di Piazza Cavour hanno condiviso la tesi evincibile nella sentenza della Corte distrettuale, la quale ha evidenziato che, per un verso, l'agente si era appropriato delle somme corrispondenti alle indennità retributive non dovute avendone già la disponibilità per ragione del suo ufficio e, dunque, senza aver ricorso ad artifici o raggiri per appropriarsi delle stesse.

Fonte: Massimario G.A.R.I.

Rodolfo Murra

(18 marzo 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

18 marzo 2018
Corte di cassazione | Se la donazione è palesemente fasulla va esclusa la ricorribilità della teoria del falso innocuo.

 
 
Condividi la notizia

16 settembre 2014
Reati contro l'ordine pubblico | La Prima Sezione della Corte di Cassazione ha affermato che il “saluto romano” e l'intimazione del coro "presente" effettuato durante una manifestazione pubblica integrano condotte idonee a determinare il pericolo di riorganizzazione del partito fascista.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2016
Reati contro la P.A. | La differenza tra peculato ordinario ed il reato più lieve di peculato d'uso. La sentenza n. 13038/2016,

 
 
Condividi la notizia

5 giugno 2015
Pagamenti PA | A disposizione dei beneficiari pubblici e privati, si possono trovare tutte le informazioni utili.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2014
Reati contro la Pubblica Amministrazione | Corte di Cassazione: reato di peculato per il dipendente di una società concessionaria della gestione di un parcheggio comunale o di altro ente pubblico che si appropria delle somme versate dai conducenti di automezzi fruitori del parcheggio.

 
 
Condividi la notizia

2 luglio 2014
Corte dei Conti | Per svolgere le funzioni di Direttore generale non occorre una nomina specifica nè oneri economici aggiuntivi.

 
 
Condividi la notizia

22 febbraio 2015
Giustizia Amministrativa | Netta separazione dell'Ufficio da tutto l'apparato amministrativo dell'Amministrazione, principi e necessità dell'iscrizione all'elenco speciale annesso all'albo degli avvocati. I principi sanciti nella sentenza del TAR Lombardia, Milano del 16 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

30 giugno 2014
Diritto alla riservatezza | E' illecito l'invio di fax promozionali a numeri estratti dalle "Pagine Gialle" senza il consenso dell'interessato.

 
 
Condividi la notizia

15 luglio 2014
Agenzia delle Entrate | Concussione, corruzione, abuso d’ufficio e falso ideologico. Minacce al comico Biagio Izzo per esibirsi alla festa della nipote. L'Agenzia delle Entrate al fianco degli inquirenti per far luce sulla vicenda.

 
 
Condividi la notizia

26 luglio 2015
Corte dei Conti | Condannato il Sindaco e il segretario comunale nella sentenza della Sezione giurisdizionale Centrale di Appello del 22.7.2015 n. 451.

 
 
Condividi la notizia

19 maggio 2016
Abrogatio cum abolitio | Orientamenti diversi sugli effetti in ordine alle statuizioni civili. L'eco di una disputa giuridica di grande attualità caratterizzata da un fascino antico.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

11 dicembre 2016
Fiscalità Locale | L'ordinanza della Corte di Cassazione del 7 dicembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

20 novembre 2016
Reati contro la P.A. | L'utilizzo delle spese di viaggio e soggiorno per finalità diverse nella sentenza della Sesta Sezione del 16 novembre 2016.

 
 
Condividi la notizia

3 dicembre 2017
Giustizia | La sentenza della Corte di Cassazione del 30 novembre 2017.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.