Condividi la notizia

TAR PALERMO

Abusi edilizi ed acquisizione al patrimonio del Comune

La mancata perfetta individuazione del terreno rende illegittima l'acquisizione.

Un Comune siciliano, dopo aver perseguito l’esecuzione di lavori edilizi su fondo privato effettuati senza titolo, ed accertato che all’ordine di demolizione non era stata spontanea esecuzione, con provvedimento del 2002 notificava il provvedimento dirigenziale con cui era stata disposta l’acquisizione gratuita dell’immobile al patrimonio dell’Ente.

Avverso il provvedimento è stato quindi proposto gravame dal proprietario, con il quale si deduceva, tra l’altro, che l’atto non individuava in modo preciso il terreno acquisito.

Il TAR di Palermo, Sez. I, con sentenza n. 1944 del 13 settembre 2018, accoglieva il ricorso, osservando che il provvedimento impugnato, nel disporre l’acquisizione gratuita, indicava, in modo del tutto approssimativo, un’area pari fino a dieci volte la superficie complessiva utile abusivamente costruita su una determinata particella, estesa per circa mq. 1510, a fronte di un contestato abuso di circa 45 mq.

La mancata precisa individuazione dell’acquisenda area, essendo indicata solo la particella ma non anche la porzione di questa, inficiava secondo i giudici il provvedimento impugnato.

Ed invero, se è vero, secondo il Collegio, che i riferimenti catastali precisi possono anche non essere presenti nel provvedimento che intima la demolizione del bene, per quanto attiene al momento con si dispone l’acquisizione dello stesso e della relativa aera di sedime, in una misura che comunque non può essere superiore a 10 volte quella dell’abuso, occorre che l’ordinanza specifichi nel dettaglio la porzione del maggiore terreno che con il provvedimento si intende acquisire.

Il Tar siciliano ha rilevato, infatti, che costituisce principio pacifico quello in forza del quale l’individuazione dell’area da acquisire al patrimonio pubblico non deve essere necessariamente indicata nell’ordinanza di demolizione, ben potendo essere contenuta nel successivo provvedimento con il quale l’Amministrazione procede all’acquisizione del bene, fermo restando che, almeno l’atto di acquisizione, deve contenere tale esatta indicazione dei beni abusivi da acquisire alla mano pubblica nonché l’indicazione anche catastale dell’area di sedime e delle ulteriori aree acquisite dall’Amministrazione. Ciò discende dal fatto che l’ordinanza di acquisizione costituisce titolo per la immissione in possesso e per la trascrizione nei registri immobiliari e non può pertanto prescindere dalla esatta individuazione delle particelle catastali coinvolte.

La concreta individuazione delle aree da acquisire al patrimonio del Comune e la loro esatta perimetrazione costituiscono, dunque, elementi necessari del provvedimento acquisitivo, in mancanza dei quali non può in alcun modo costituirsi il titolo per l’immissione nel possesso e per la trascrizione nei registri immobiliari

Peraltro, atteso che l’area acquisita non può comunque essere superiore a dieci volte la complessiva superficie utile abusivamente costruita, il fondo da acquisire deve essere individuato con precisione: nell’applicazione della sanzione l’Autorità competente deve rispettare il principio di proporzionalità mediante l’irrogazione di una sanzione che, entro il limite massimo legale stabilito, sacrifichi la posizione soggettiva del privato in modo adeguato, necessario e strettamente proporzionale all’obiettivo di interesse pubblico perseguito: nel caso in esame, attesa l’estensione della superficie abusiva, pari a circa 45 mq., ed il rapporto con l’estensione della particella di circa mq 1.510, l’Amministrazione non ha illustrato le ragioni per cui ha ritenuto di procedere alla acquisizione secondo il parametro massimo (di dieci volte l’estensione della superficie abusiva).

Rodolfo Murra

(24 settembre 2018)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

6 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Solo la parte interessata può attivare il procedimento di accertamento di conformità urbanistica. La sentenza del TAR Campania del 2 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

6 agosto 2014
Abusivismo edilizio | Per il Consiglio di Stato l'esercizio del potere repressivo di un abuso edilizio e' un atto dovuto.

 
 
Condividi la notizia

1 settembre 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti dal TAR Basilicata, Sezione I, nella sentenza del 21 agosto 2015 n. 546.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
condono | Il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del TAR campano.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Sanatoria e abitabilità | Non basta l'accertamento dei soli requisiti igienico-sanitari. I principi sanciti dal TAR Campania nella sentenza del 2.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

22 aprile 2018
Eredità di immobili e abusi edilizi | Il TAR del Lazio dichiara il difetto di legittimatio ad causam.

 
 
Condividi la notizia

20 agosto 2015
Corte di Cassazione | L'ultimazione dei lavori non fa venir meno il perdurare delle esigenze cautelari.

 
 
Condividi la notizia

30 aprile 2014
Abusi edilizi | Il Comune non e' obbligato a rispondere alla segnalazione del confinante che denuncia il vicino per abusi edilizi se lo stesso e' un abusivista.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Giustizia amministrativa | Efficacia temporalmente limitata del provvedimento adottato dall'Amministrazione. Le conseguenze nella sentenza del TAR Lazio del 2 aprile 2015.

 
 
Condividi la notizia

24 aprile 2018
Abusi edilizi | Il Tar del Lazio si sofferma sulla natura di questo genere di atto.

 
 
Condividi la notizia

7 aprile 2017
Rimessione all'Adunanza Plenaria | Il contrasto giurisprudenziale investe gli abusi edilizi repressi a notevole distanza di tempo.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2015
Giustizia amministrativa | Le conseguenze dell'inottemperanza all'ordine di demolizione nei principi sanciti dal Consiglio di Stato nella sentenza del 16 luglio 2015, n. 3555.

 
 
Condividi la notizia

8 settembre 2015
Giustizia amministrativa | Le condizioni che evitano l'acquisizione gratuita al patrimonio comunale nei principi sanciti dal Consiglio di Stato.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Abusi edilizi | Il Consiglio di Stato ribalta la decisione del TAR e dà  ragione alla Soprintendenza che aveva negato il condono.

 
 
Condividi la notizia

12 febbraio 2018
TAR Lombardia | I giudici milanesi affrontano il tema della "precarietà" dell'opera edilizia.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.