Condividi la notizia

Giustizia amministrativa

Abusi edilizi: il termine per bloccare la sanatoria del vicino

I principi sanciti dal TAR Basilicata, Sezione I, nella sentenza del 21 agosto 2015 n. 546.

La vicenda giunta all'attenzione del giudice amministrativo ruota attorno al rilascio di un permesso in costruire in sanatoria per un fabbrico autorizzato con licenza edilizia del lontano 1975 “per uso opificio per la produzione di prodotti lattiero caseari” nel quale venivano accertati i seguenti abusi edilizi: 1) piano seminterrato, destinato a garage; 2) ampliamento in larghezza dei due livelli e chiusura delle tettoie, con verande, costituite da muri su tre lati e da vetrata per l’altro lato, e destinazione ad abitazione di tali piani, comprese le aree inglobate dalle citate verande; 3) ampliamento del sottotetto e sua trasformazione da non praticabile ad abitabile.
 
Una storia come tante di litigi tra vicini che, in questo caso, vede la proprietaria dell’immobile frontistante a quello sopra descritto che tenta di opporsi - inutilmente - al rilascio del permesso di costruire in sanatoria, per violazione della distanza minima tra le pareti finestrate di 10 metri. 
 
Un litigio trasformato in controversia giudiziaria quando la vicina chiedeva - ed otteneva dall'Ufficio Tecnico - l'accesso al permesso di costruire in sanatoria ex art. 36 DPR n. 380/2001 che impugnava innanzi al TAR.
 
Il TAR Basilicata, Sezione I, con la sentenza del 21 agosto 2015 n. 546 ha rigettato il ricorso perché tardivamente proposto.
 
La giurisprudenza amministrativa, infatti, è ormai consolidata nel ritenere che per la decorrenza del termine decadenziale di 60 giorni stabilito ai fini della impugnazione, risulta sufficiente la cognizione della esistenza di un provvedimento amministrativo e dei suoi elementi essenziali come l’Autorità emanante, il contenuto dispositivo ed il suo effetto lesivo.
 
Il giudice amministrativo ha, quindi, fatto i dovuti conti e, calendario alla mano, ha evidenziato come la conoscenza da parte della vicina del permesso di costruire in sanatoria vi fosse già dalla prima istanza di accesso (risalente all’11.9.2014) con la conseguenza che l'impugnazione doveva essere effettuata entro il termine decadenziale del 14.11.2014, mentre il ricorso veniva notificato soltanto in data 22.5.2015. 

Da ultimo il Collegio non manca di rilevare come il ricorso risulterebbe irricevibile anche se il termine decadenziale di impugnazione volesse farsi decorrere dal 12.2.2015, cioè dalla data di ricezione della nota del Responsabile dell’Ufficio Tecnico del 5.2.2015, di autorizzazione all’accesso concernente il provvedimento impugnato, in quanto il 60° giorno in tale ipotesi sarebbe scaduto il 13.4.2015.

In buona sostanza, per evitare in futuro la dichiarazione di improcedibilità del ricorso per decorso dei termini, ricordiamoci la frase del giorno pubblicata oggi sul QuotidianodellaPa.it di Tito Lucrezio Caro (Poeta e filosofo, c. 98 a.C. - c. 55 a.C.):

"Il tempo passato non può tornare indietro. Irrevocabilis aetas praeterita.

Enrico Michetti

La Direzione

(1 settembre 2015)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

22 agosto 2015
condono | Il Consiglio di Stato ribalta la sentenza del TAR campano.

 
 
Condividi la notizia

24 luglio 2015
Giustizia Amministrativa | Chi è stato parte sostanziale della procedura ha un interesse qualificato a difendere la propria posizione giuridica di titolare di un diritto di proprietà.

 
 
Condividi la notizia

18 maggio 2015
Abusi edilizi | Il Consiglio di Stato ribalta la decisione del TAR e dà  ragione alla Soprintendenza che aveva negato il condono.

 
 
Condividi la notizia

6 aprile 2015
Sanatoria e abitabilità | Non basta l'accertamento dei soli requisiti igienico-sanitari. I principi sanciti dal TAR Campania nella sentenza del 2.4.2015.

 
 
Condividi la notizia

6 febbraio 2018
Consiglio di Stato | Secondo i giudici di Palazzo Spada non è neppure necessario acquisire il parere della Soprintendenza.

 
 
Condividi la notizia

4 settembre 2018
TAR CALABRIA | Il richiedente aveva trasformato i cornicioni condominiali in balconi ad uso esclusivo.

 
 
Condividi la notizia

6 gennaio 2015
Consiglio di Stato | La sentenza del 5 gennaio 2015 sull'insufficienza della dichiarazione sostitutiva di atto notorietà.

 
 
Condividi la notizia

22 maggio 2018
Permesso di costruire | Il TAR Salerno chiarisce i limiti della legittimazione ad agire.

 
 
Condividi la notizia

14 dicembre 2014
Edilizia | Interventi ulteriori, anche di frazionamento o accorpamento, su immobili abusivi ripetono le caratteristiche di illegittimità dall'opera principale alla quale ineriscono strutturalmente. Il principio espresso dalla Terza Sezione Penale nella sentenza dell'11.12.2014.

 
 
Condividi la notizia

11 maggio 2015
Giustizia amministrativa | La sentenza del TAR Lazio Sezione II ter dell'11 maggio 2015.

 
 
Condividi la notizia

22 giugno 2015
Condono edilizio | La sentenza del TAR Potenza del 13.6.2015 sull'interpretazione della Legge n. 326/2003 alla luce della Legge regionale n. 18/2014.

 
 
Condividi la notizia

4 maggio 2014
Sottotetti trasformati in mansarde | La disciplina del condono non vale ad escludere l'obbligo del Comune di accertamento delle condizioni di salubrità ai fini dell'abitabilità degli edifici.

 
 
Condividi la notizia

20 marzo 2018
Edilizia | Il Tar Lecce dichiara inammissibile il ricorso proposto da un vicino.

 
 
Condividi la notizia

17 febbraio 2015
Giustizia amministrativa | I principi sanciti nella sentenza del TAR Lazio, Sez. I del 17 febbraio 2015.

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2016
Corte di Cassazione | Legittima la revoca del beneficio se non si adempie entro 90 giorni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna contenente l'ordine. L'irrilevanza del mancato decorso del termine assegnato nell'ordinanza del Sindaco.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.