Condividi la notizia

Notariato

Casa pignorata: il diritto del debitore e dei familiari a continuare ad occupare l'abitazione

Lo studio sul nuovo art. 560 del codice di procedura civile.

Sul sito del Notariato é disponibile lo Studio n. 20/2019 con il quale segnalano le criticità interpretative sollevate dalla recente riscrittura dell’art. 560 codice di procedura civile riportando le possibili ricostruzioni e soluzioni applicative.

La modifica più evidente riguarda la condizione del debitore che abiti il bene sottoposto a pignoramento (con il suo nucleo familiare) e che, salvo il caso di violazioni di disposizioni di legge o di obblighi di collaborazione, potrà continuare ad occupare la propria abitazione fino al decreto di trasferimento, con esclusione di qualsiasi automatismo tra nomina del custode terzo e liberazione del bene e senza necessità di alcuna espressa autorizzazione in tal senso.

Dalla sequenza dell’articolato è possibile, altresì, evincere la legittimità della continuazione da parte del debitore dell’occupazione dei beni pignorati (anche diversi dall’abitazione) senza necessità di apposita espressa autorizzazione, fino alla formale comunicazione di un ordine di liberazione.

A seguito dell’eliminazione dell’espressa autorizzazione giudiziale per l’attività di gestione e amministrazione (tra cui la locazione dei beni pignorati) nonché per l’esercizio delle azioni previste dalla legge occorrenti per conseguire la disponibilità dei beni, si potrà riproporre l’utilità della classica distinzione tra attività di ordinaria o di straordinaria amministrazione, ma resta comunque opportuno che sia il giudice a dare precise istruzioni ai propri ausiliari/custodi circa la loro legittimazione a determinati atti ed azioni.

Ulteriore elemento di novità potrebbe essere rinvenuto nella (nuova) collocazione del divieto al debitore di stipulare una locazione senza autorizzazione del giudice. La formula ripete apparentemente quella del secondo comma dell’articolato previgente, ma per la sequenza dei commi sembra finire per disciplinare qualcosa di molto diverso, ipotizzando una locazione da parte del debitore autorizzata dal giudice, ovvero efficace dentro e fuori il perimetro del procedimento esecutivo. Infine, ma non ultima per importanza, la questione interpretativa relativa alla natura ed efficacia dell’ordine di liberazione endoprocedimentale, alle sue modalità attuative e ai mezzi per contestarlo. In assenza di qualsiasi riferimento testuale, l’interpretazione che sembra maggiormente rispettosa del principio di tassatività dei titoli esecutivi, del principio di economia ed efficienza del processo e della sua ragionevole durata, sembra essere quella secondo cui l’ordine di liberazione di cui al nuovo articolo 560 è un provvedimento sommario e semplificato, esecutivo per natura, in quanto ordinatorio e funzionale alla migliore vendita possibile, attuabile secondo le modalità deformalizzate cui sono ispirati anche i provvedimenti cautelari, sotto la direzione del giudice dell’esecuzione,  impugnabile ex art. 617 dalle parti del processo e da chi detiene il bene senza un titolo opponibile alla procedura, ma privo di decisorietà e definitività nei confronti di chi ha un titolo opponibile, che potrà comunque sempre agire per l’accertamento del suo diritto in via principale ordinaria successiva, oltre che se lo preferisca ( e lo si ammetta) a mezzo di un’opposizione cognitiva.

Del tutto irrisolta, invece, al momento la questione (di grande risvolto pratico) relativa alla ultrattività della legittimazione del custode ad attuare l’ordine di liberazione (anche dopo il decreto di trasferimento) nell’interesse dell’aggiudicatario (con o senza oneri a suo carico). Questione che riguarda qualsiasi ordine di liberazione la cui esecuzione non si sia esaurita prima dell’emissione del decreto di trasferimento e la cui soluzione, in un senso piuttosto che nell’altro, potrebbe legittimare l’ulteriore dubbio se sia anche ammessa una liberazione a cura del custode nel caso di bene abitato dal debitore (quindi successiva al decreto di trasferimento e concorrente con l’ordinaria azione di rilascio a favore dell’acquirente).

per approfondire scarica lo studio n. 20/2019

La Direzione

(26 novembre 2019)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

24 luglio 2016
Contratti pubblici | La casa di vetro nella sentenza della Quinta Sezione del Consiglio di Stato del 20.7.2016, n.3266.

 
 
Condividi la notizia

18 gennaio 2015
Notariato | Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2015, ha preso avvio ufficialmente la vendita all’asta di centinaia di immobili ad uso abitativo della Difesa.

 
 
Condividi la notizia

14 maggio 2019
CONSIGLIO DI STATO | La sentenza sul requisito del consenso dell'interessato al trasferimento.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Candidatura alle elezioni dei poliziotti | Il Consiglio di Stato parifica la posizione del poliziotto che, candidatosi, vince le elezioni a quella di chi non viene eletto. Entrambi, soggetti a trasferimento, hanno il diritto ad essere trasferiti nella sede più vicina.

 
 
Condividi la notizia

2 marzo 2016
Federalismo demaniale | Sottoscritto l’atto di trasferimento del bene di grande pregio storico-artistico, secondo quanto previsto dall’art. 5 comma 5 del D. Lgs. 85/2010.

 
 
Condividi la notizia

25 marzo 2019
Consiglio Nazionale | Il decalogo redatto dal Notariato.

 
 
Condividi la notizia

29 maggio 2016
Suprema Corte | Sostituire una vecchia scala creando due gradini nuovi costituisce trasferimento della servitù? E cambiare una vetrata sul tetto con degli abbaini viola la regola delle distanze?

 
 
Condividi la notizia

27 aprile 2014
Abuso di munizioni | Revocato il porto d'armi ad un leccese che aveva 3029 proiettili in casa

 
 
Condividi la notizia

17 febbraio 2015
Agenzia delle Entrate | Pubblicata l'analisi sul patrimonio immobiliare italiano al 31 dicembre 2012. Il 76,6% delle famiglie vive un una casa di proprietà. Per comprare un'abitazione servono in media 181mila euro.

 
 
Condividi la notizia

1 ottobre 2014
Fondo di garanzia | In Gazzetta Ufficiale il decreto che disciplina il Fondo di Garanzia “prima casa”. 200 milioni di euro all'anno per tre anni saranno conferiti a titolo di garanzia per l’acquisto della “prima casa”. Ma analizziamo nel dettaglio.

 
 
Condividi la notizia

22 agosto 2015
Diritti reali | Il C.N.N. ha analizzato i contenuti della sentenza n. 23704/2014 della Suprema Corte di Cassazione.

 
 
Condividi la notizia

8 febbraio 2015
Governo | La novità di quest'anno riguarda le semplificazioni delle procedure per i lavori di ristrutturazione della casa.

 
 
Condividi la notizia

4 agosto 2014
Finanziamenti | 200 milioni di euro per il triennio 2014-16 previsti nel decreto interministeriale che istituisce il Fondo di Garanzia per la prima casa.

 
 
Condividi la notizia

10 marzo 2015
Ministero delle Infrastrutture | Lo Stato offre ai cittadini garanzie per l'accesso ai mutui per l'acquisto - ovvero per l'acquisto e per interventi di ristrutturazione e accrescimento di efficienza energetica - di unità immobiliari da adibire ad abitazione principale prima casa.

 
 
Condividi la notizia

25 marzo 2018
Tar Veneto | Un'interpretazione innovativa dell'art. 42 bis del Testo Unico del pubblico impiego.

 
 

Ascolta "La Pulce e il Prof"

 
Il diritto divulgato nella maniera più semplice possibile
 
 

Comunicato Importante Selezione Docenti Accademia della P.A.

La Fondazione Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana, in vista dell’apertura delle sedi dell’Accademia della PA in tutto il territorio nazionale, ricerca e seleziona personale per singole docenze in specifiche materie delle Autonomie locali da svolgersi presso le Accademie della PA e per le attività di assistenza nelle procedure complesse nei Centri di Competenza.

Leggi il comunicato completo

 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.