Condividi la notizia

Scuola

Il Tar boccia il Consiglio di Classe ed il Dirigente Scolastico

Non ammessa all'esame di Stato l'alunna per troppe assenze. Il Tar Piemonte interviene: violato il "principio di proporzione dell'azione amministrativa".

A scuola non prendeva cattivi voti, ma le troppe assenze avevano finito per pregiudicarne la promozione. Così i genitori di una ragazza torinese si sono rivolti al Tar del Piemonte per chiedere che la loro figlia, studentessa di una quinta classa di un liceo linguistico di Torino, fosse comunque ammessa all'esame di maturità.  

Secondo i genitori c'era una ragione per quelle assenze: loro erano malati e la figlia doveva prendersene cura. Il provvedimento del Tar è arrivato nel giro di pochi giorni:la presidenza della seconda sezione del Tar piemontese ne ordinava l’ammissione all’esame di Stato (superato senza grosse difficoltà). 

La scuola era a conoscenza della situazione della studentessa e, secondo i giudici, si è macchiata di una "grave" violazione del "principio di proporzione dell’azione amministrativa".  

Si legge nella sentenza n. 1386/2014: "La decisione del Consiglio di Classe e dal Dirigente Scolastico di non scrutinare la ricorrente, alla luce della documentazione in atti, viola, in verità, il principio di proporzionalità dell'azione amministrativa, essendo stata assunta senza tener conto della preminenza delle giustificazioni presentate, dalla studentessa e dai suoi genitori, durante tutto il corso dell'anno scolastico 2013/2014; ciò in contrasto con quanto sancito dall'art. 4 del "Regolamento sulle Assenze" dell'istituto scolastico, che ha recepito quanto previsto dalla normativa nazionale ed, in particolare, dal d.p.r. 122/2009 che, all'art. 14, comma 7, stabilisce che "A decorrere dall'anno scolastico di entrata in vigore della riforma della scuola secondaria di secondo grado, ai fini della validità dell'anno scolastico, compreso quello relativo all'ultimo anno di corso, per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente, è richiesta la frequenza di almeno tre quarti dell'orario annuale personalizzato. Le istituzioni scolastiche possono stabilire, per casi eccezionali, analogamente a quanto previsto per il primo ciclo, motivate e straordinarie deroghe al suddetto limite. Tale deroga è prevista per assenze documentate e continuative, a condizione, comunque, che tali assenze non pregiudichino, a giudizio del consiglio di classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati. Il mancato conseguimento del limite minimo di frequenza, comprensivo delle deroghe riconosciute, comporta l'esclusione dallo scrutinio finale e la non ammissione alla classe successiva o all'esame finale di ciclo."

Nel caso in questione le assenze effettuate dalla ricorrente, dovute a gravi malattie che affliggono entrambi i genitori, tutte documentate, possono essere senza dubbio ricomprese nei “casi eccezionali” e “certi” in cui è consentito derogare al tetto massimo previsto dalla vigente normativa, essendo dovute proprio ai “gravi motivi di famiglia e/o personali …” ed a “gravi patologie dei componenti del nucleo familiare” previsti dall’art. 4 del Regolamento citato.

Le assenze cumulate dalla ricorrente, come evidenziato nel ricorso e non smentito dall’Amministrazione, non hanno, per di più, influito sulla possibilità di procedere alla sua valutazione, tanto è vero che l'allieva ha sostenuto tutte le verificazioni e interrogazioni previste in tutte le discipline e, una volta sottoposta, in esecuzione del decreto presidenziale, agli scrutini, è stata ammessa all’esame con una media sufficiente (riuscendo, poi, a conseguire anche una votazione idonea al suo superamento).

Da qui la violazione ancora più grave del principio di proporzione dell’azione amministrativa e l’illegittimità, come detto, dell’iniziale diniego di scrutinio dei voti da parte del Consiglio di classe."

 

 

Francesco Colafemmina

(4 agosto 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

17 settembre 2014
La nuova educazione fisica | Due ore di educazione fisica settimanali, un tutor sportivo all'interno della scuola e giochi sportivi in inverno ed a fine anno. Al via la nuova educazione fisica nelle scuole primarie.

 
 
Condividi la notizia

27 aprile 2018
MISE | La prima versione del portale pubblico di educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale.

 
 
Condividi la notizia

27 agosto 2014
Scuola | Sarà con tutta probabilità annunciato venerdì il piano di nuove assunzioni nella scuola. Dopo le dichiarazioni del ministro Giannini prosegue l'operazione di rilancio della scuola. Dubbi sulla reperibilità dei fondi.

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2015
Economia e Scuola | Il progetto si inserisce nell'offerta formativa alla legalità economica del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2014
Abilitazione all'insegnamento | La sentenza del TAR Lazio sugli effetti dell'annullamento della tabella di valutazione allegata al D.M. n. 42 dell'8 aprile 2009 nonchè delle relative graduatorie ad esaurimento.

 
 
Condividi la notizia

16 marzo 2016
MIUR | Pubblicate le linee guida per l'utilizzo didattico delle attività teatrali per l'anno scolastico 2016/2017 a seguito della riforma "la Buona Scuola".

 
 
Condividi la notizia

16 ottobre 2014
Formazione e Lavoro | Al via la sperimentazione sull'apprendimento scuola-lavoro. Assunzione di 145 giovani. Gli studenti lavoratori percepiranno, oltre la formazione, una indennità di circa 440 euro.

 
 
Condividi la notizia

26 novembre 2014
Corte di giustizia UE | Per la Corte di giustizia UE "la normativa italiana sui contratti di lavoro a tempo determinato nel settore della scuola è contraria al diritto dell’Unione".

 
 
Condividi la notizia

1 novembre 2014
Corte dei Conti | Per i gravissimi danni riportati da un'alunna con un salto sulla pedana elastica, dopo 26 anni arriva a carico della professoressa un risarcimento milionario a favore del Ministero dell’Istruzione per 3.998.417,50 euro oltre interessi legali.

 
 
Condividi la notizia

15 ottobre 2015
MIUR | La scadenza è fissata per il 19 ottobre. Il bando è rivolto alle scuole secondarie di primo e secondo grado.

 
 
Condividi la notizia

5 agosto 2015
Fiscalità locale | La sentenza non definitiva del TAR Lazio del 4 agosto.

 
 
Condividi la notizia

22 gennaio 2015
Fiscalità Locale | Caos generale e caos anche al TAR che rinvia all'udienza di merito.

 
 
Condividi la notizia

26 febbraio 2015
giustizia amministrativa | Con la sentenza della Sezione II del TAR Lazio del 23 febbraio 2015 viene definito ed "ampliato" il concetto di atto amministrativo ai fini dell'accesso ai documenti.

 
 
Condividi la notizia

21 gennaio 2015
Fiscalità Locale | In questo momento si sta celebrando davanti alla Sezione II del TAR di Roma l'udienza cautelare per ottenere la conferma della sospensione del pagamento previsto per il 26 gennaio p.v.

 
 
Condividi la notizia

12 dicembre 2014
Senato della Repubblica | Il Servizio studi del Senato ha pubblicato una Nota sulla sentenza della Corte di Giustizia del 26 novembre 2014 sulla successione dei contratti di lavoro a tempo determinato per il personale docente e ATA della scuola.

 
 
 
 
 
 
 
Prof. Enrico Michetti
Enrico Michetti
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 
 Tweet dalla P.A.
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.