Condividi la notizia

Autorità Nazionale Anticorruzione

Caso De Magistris:
Cantone contro il TAR Campania

Chiesto l'intervento della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel giudizio di legittimità costituzionale.

Con l’ordinanza n. 1801 del 31.10.2014, sul ricorso presentato dal Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, il TAR Campania ha dichiarato “rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 11, primo comma, lettera a) del d.lgs. 31 dicembre 2012 n. 235, in relazione all’art.10, primo comma lettera c) del medesimo decreto legislativo perché la sua applicazione retroattiva si pone in contrasto con gli artt. 2, 4, secondo comma, 51, primo comma e 97, secondo comma della Costituzione...”.

Su tale decisione, è intervenuto il parere del Presidente dell’Autorità di Anticorruzione che ritiene opportuno "l’intervento nel giudizio di legittimità costituzionale della Presidenza del Consiglio a tutela di strumenti di garanzia dell’imparzialità  dell’amministrazione, da applicarsi sia in presenza di sentenza definitiva per il compimento di reati di grave allarme sociale e di reati contro la pubblica amministrazione, sia in presenza (per gli amministratori regionali e locali) di sentenza non definitiva”.

Il pugno duro del presidente Cantone è diretto ad evitare la riduzione della portata e dell'efficacia delle misure che escludono dalle cariche pubbliche coloro che siano stati condannati per reati che la legge considera pregiudizievoli della moralità e dell'imparzialità dell'amministrazione. 

Nel parere l’Autorità evidenzia le numerose contraddizioni presenti nell'ordinanza del TAR Campania atteso che  “se si riconoscesse il carattere sanzionatorio delle misure che precludono l’accesso alle cariche pubbliche non si vede come ci possa allineare alla giurisprudenza (anche costituzionale) che fa salva l’incandidabilità e la decadenza in presenza di una sentenza definitiva, per poi sostenere l’incostituzionalità della sospensione dalla carica in presenza di condanna non definitiva. “. 

Sul punto, l’Autorità richiama a sostegno delle proprie argomentazioni anche la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo con la quale si enucleano i tre criteri principali (cd criteri Engel) per la qualificazione penalistica di una sanzione in base ai quali si potrebbe effettuare la verifica sopramenzionata ovverosia la qualificazione dell’illecito operata dal diritto interno, la natura dell’illecito ed, infine la gravità della sanzione.

Relativamente poi al principio dell’irretroattività, l’Autorità evidenzia che “l’applicazione delle cause ostative del citato decreto 235/2012 anche in relazione a fatti anteriori all’entrata in vigore del medesimo decreto nei confronti dei quali sia intervenuta una sentenza definitiva di condanna, non si pone in contrasto con il principio dell’irretroattività delle norme penali e più in generale delle disposizioni sanzionatorie afflittive, giacché le norme in esame non hanno natura, neppure in senso ampio, sanzionatoria, penale o amministrativa, la cui ragione risiede nel fatto che, è vietato ricoprire taluni uffici pubblici, per intervenuta immoralità o indegnità a ricoprirli, dopo una sentenza di condanna.”

Per approfondire scarica il Parere

Emanuele Riccardi

(3 dicembre 2014)

© RIPRODUZIONE CONSENTITA Italian Open Data License 2.0
(indicazione fonte e link alla pagina)

DIVENTA FAN DEL QUOTIDIANO DELLA P.A.

Potrebbe Interessarti

Condividi la notizia

2 ottobre 2014
Sospeso il sindaco di Napoli | Il Prefetto di Napoli ha adottato il provvedimento di sospensione dalla carica previsto dalla legge Severino.

 
 
Condividi la notizia

26 settembre 2014
Choc a Napoli | Le legge Severino, applicata retroattivamente per Silvio Berlusconi, portera' alla sospensione dalle funzioni di Luigi De Magistris, nella foto con Roberto Vecchioni.

 
 
Condividi la notizia

11 agosto 2014
Anticorruzione | Nelle condanne per reati contro la P.A. la sospensione condizionale della pena non produce effetti sull'applicazione dell'art. 3 d.lgs n. 39/2013.

 
 
Condividi la notizia

3 gennaio 2015
Giustizia amministrativa | Nessuna situazione di estrema urgenza. Rigettata dal TAR Lazio con decreto del 2 gennaio 2015 la richiesta di misure presidenziali provvisorie contro la delibera n. 145/14. Sulla domanda cautelare fissata udienza al 28 gennaio 2015.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2015
Antimafia | Nell'ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, e il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, hanno firmato il 28 gennaio 2015, le seconde linee guida.

 
 
Condividi la notizia

28 gennaio 2015
Antimafia | Nell'ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, e il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, hanno firmato il 28 gennaio 2015, le seconde linee guida.

 
 
Condividi la notizia

23 settembre 2015
Cassazione | La Suprema Corte ribadisce il principio secondo cui l'ente risponde anche in mancanza di condanna della persona fisica.

 
 
Condividi la notizia

28 dicembre 2014
Corte dei Conti | Niente lamenti di dolori, niente collare di Schanz. Dopo la condanna penale per diserzione e truffa militare arriva anche la condanna del Giudice contabile proprio alla Vigilia di Natale.

 
 
Condividi la notizia

1 maggio 2016
corte di Cassazione | L'applicabilita dell'art. 650 del codice penale. I principi sanciti nella sentenza n. 15993/2016.

 
 
Condividi la notizia

17 aprile 2014
Ricarica delle Sigarette elettroniche | Gli obblighi di sicurezza dettati dal Ministero della Sanità sui liquidi di ricarica e la tutela penale

 
 
Condividi la notizia

13 maggio 2015
Polizia di Stato | Ogni Squadra Mobile avrà la sua sezione Anticorruzione, per questo sarà avviato un corso specifico. Docente d'eccezione il presidente A.N.AC. Raffaele Cantone.

 
 
Condividi la notizia

14 gennaio 2015
ANAC | Il presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, ha inviato il 12 gennaio 2015 una lettera al dott. Stefano Lulli, segretario del sindacato Ospol, in merito alla rotazione territoriale degli agenti della Polizia di Roma Capitale.

 
 
Condividi la notizia

29 gennaio 2015
Corte di Cassazione | Se collocati all'esterno dei fabbricati è necessaria la segnalazione certificata di inizio di attività. Sanzione amministrativa solo se conformi alle previsioni degli interventi urbanistici, dei regolamenti edilizi e della disciplina urbanistica-edilizia in vigore.

 
 
Condividi la notizia

19 luglio 2016
Corte dei Cassazione | I principi sanciti dalla Terza Sezione Penale nella sentenza n. 30402 del 18.7.2016.

 
 
Condividi la notizia

31 agosto 2016
Corte di Cassazione | Legittima la revoca del beneficio se non si adempie entro 90 giorni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna contenente l'ordine. L'irrilevanza del mancato decorso del termine assegnato nell'ordinanza del Sindaco.

 
 
 
 
 
 
 

Newsletter Quotidiano della P.A.

Copertina Gazzette
 
Registrati alla newsletter GRATUITA settimanale del Quotidiano della P.A. per essere sempre aggiornato sulle ultime novità.
 
 
 Tweet dalla P.A.
 
CORTE
COSTITUZIONALE
 
CORTE DI GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA
 

Incorpora le Notizie del QPA

QPA Desk

Inserisci sul sito del tuo Ente, sul tuo sito o sul tuo blog, le ultime notizie pubblicate dal Quotidiano della P.A.

Accedi all'interfaccia per l'inserimento cliccando sul pulsante di seguito:

 
 
Chiudi Messaggio
Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione. Per saperne di più accedi alla Informativa sulla Privacy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.